HomeSaluteTumoriCancro al seno: perché la metastasi si diffonde alle ossa

Cancro al seno: perché la metastasi si diffonde alle ossa

(Cancro al seno-Immagine: schema che indica il ruolo del complesso ZEB1-ERα durante le fasi iniziali/ibride di EMT del cancro al seno. L’illustrazione è stata creata con BioRender.com. Credito:Comunicazioni sulla natura (2022). DOI: 10.1038/s41467-022-29723-5).

Quando le cellule tumorali si staccano da un tumore primario e migrano verso altri organi, si parla di “cancro metastatico”. Gli organi interessati da queste metastasi, tuttavia, dipendono in parte dal loro tessuto di origine. Nel caso del cancro al seno, le metastasi di solito si formano nelle ossa. Nel tentativo di identificare ciò che determina gli organi colpiti da metastasi, un team dell’Università di Ginevra (UNIGE), in collaborazione con i ricercatori dell’ETH di Zurigo, ha identificato una proteina coinvolta in questo fenomeno. Questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di approcci terapeutici per sopprimere le metastasi.

Questo lavoro è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

- Advertisement -

Dal sito primario di un tumore, le cellule tumorali possono invadere il loro microambiente e quindi circolare attraverso i vasi sanguigni e linfatici fino a tessuti sani distanti per formare metastasi. Nel caso del carcinoma mammario metastatico, le cellule tumorali colonizzano principalmente le ossa, ma possono essere trovate anche in altri organi come il fegato, i polmoni o il cervello.

Plasticità delle cellule tumorali

Sebbene i meccanismi molecolari e cellulari responsabili delle diverse fasi del processo metastatico non siano ancora completamente compresi, gli studi dimostrano che la plasticità cellulare gioca un ruolo importante. Questo termine si riferisce alla capacità delle cellule di cambiare funzione e/o forma. Pertanto, le cellule tumorali che diventano metastatiche cambiano forma e diventano mobili.

Il laboratorio del Professor Didier Picard del Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare della Facoltà di Scienze si interessa dei meccanismi che governano i processi metastatici legati al cancro al seno. Il suo gruppo ha collaborato con il gruppo del Professor Nicolas Aceto all’ETHZ per studiare questi processi nei topi. I biologi hanno studiato il ruolo potenziale della proteina ZEB1, nota per aumentare la plasticità cellulare, nella migrazione delle cellule del cancro al seno.

- Advertisement -

“A differenza delle donne, i topi trapiantati con cellule di cancro al seno umano sviluppano metastasi ai polmoni, non alle ossa“, afferma Nastaran Mohammadi Ghahhari, ricercatore presso il Dipartimento di biologia molecolare e cellulare e primo autore dello studio. “Abbiamo quindi cercato di identificare i fattori in grado di indurre metastasi nel tessuto osseo e in particolare abbiamo testato l’effetto del fattore ZEB1″.

Cancro al seno: perché le metastasi si diffondono all'osso
Immagine 3D che mostra l’invasione delle cellule del cancro al seno (verde) che esprimono ZEB1 nel tessuto osseo del topo (rosso). Credito: Didier Picard 

Dirigere le metastasi all’osso

In esperimenti di migrazione e invasione in vitro, gli scienziati hanno scoperto che le cellule tumorali che esprimono ZEB1 si sono spostate nel tessuto osseo, a differenza delle cellule tumorali che non lo esprimono. Questi risultati sono stati successivamente confermati quando le cellule di cancro al seno umano sono state trapiantate nelle ghiandole mammarie dei topi. Se le cellule tumorali non esprimevano ZEB1, la metastasi si verificava principalmente nei polmoni. Al contrario, quando era presente ZEB1, le metastasi si sviluppavano anche nelle ossa, come nel caso delle donne.

Vedi anche:Cancro al seno aggressivo: successo della cardamonina

“Possiamo quindi presumere che questo fattore sia espresso durante la formazione del tumore e che indirizzi le cellule che hanno acquisito caratteristiche metastatiche alle ossa“, spiega Didier Picard, anche lui autore dello studio. Questo studio conferma l’importanza della plasticità delle cellule tumorali durante il processo metastatico e potrebbe consentire, a lungo termine, di considerare nuovi approcci terapeutici per prevenire la comparsa di metastasi.

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...