L’esposizione dei topi alla luce blu di notte porta a sintomi depressivi

Immagine: Public Domain.

Un team di ricercatori affiliati a più istituzioni in Cina ha scoperto che l’esposizione ripetuta dei topi di laboratorio alla luce blu di notte può portare allo sviluppo di sintomi di depressione.

Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, i ricercatori descrivono i loro  esperimenti con i topi di laboratorio e la luce blu e spiegano cosa possono significare i loro risultati per l’uomo.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che le persone che lavorano in turni notturni sono più inclini alla depressione rispetto alle persone che lavorano durante il giorno, ma non è ancora chiaro il perché. In tempi più recenti, alcuni studi hanno dimostrato che l’uso regolare di uno smartphone durante la notte può anche contribuire alla depressione. In questo nuovo sforzo, i ricercatori si sono chiesti se sperimentare la luce di notte potrebbe essere parte del problema, o in questo caso, se potrebbe essere solo la luce blu a causare sintomi depressivi.  Per saperne di più, i ricercatori hanno condotto esperimenti che hanno comportato l’esposizione dei topi di laboratorio alla luce blu.

Vedi anche: La ketamina utilizza i recettori della serotonina per alleviare la depressione

I ricercatori hanno esposto i topi di laboratorio alla luce blu per due ore ogni notte per tre settimane e quindi hanno osservato attentamente i topi per determinare se l’esposizione alla luce avesse alcun impatto evidente sul loro comportamento. I ricercatori hanno scoperto che inizialmente i topi non mostravano alcun segno di cambiamento. Ma dopo tre settimane, i topi hanno iniziato a lavorare meno duramente per ottenere una ricompensa di zucchero e hanno provato meno a fuggire quando si è presentata la possibilità, entrambi considerati segni di depressione nei topi. I ricercatori hanno anche scoperto che i sintomi depressivi sono continuati per un massimo di tre settimane, anche dopo l’interruzione dell’esposizione alla luce notturna.

Per capire perché il brillare della luce blu sui topi ha portato alla depressione, i ricercatori hanno studiato il loro cervello, in particolare i percorsi neurali che conducono dagli occhi al cervello. Hanno trovato un tipo specifico di recettore della luce nella retina del topo che ha portato alle aree cerebrali associate all’umore: il nucleo accumbens e il nucleo peri -benicolare dorsale. Quando i ricercatori hanno disconnesso queste aree, i topi non sono diventati depressi a causa dell’esposizione alla luce blu di notte. I ricercatori hanno anche scoperto che i percorsi sono diventati molto più attivi durante l’elaborazione della luce blu di notte rispetto al giorno, il che, suggeriscono, “spiega perché la luce blu durante il giorno non porta alla depressione”.

Fonte: Nature