La ketamina utilizza i recettori della serotonina per alleviare la depressione

Immagine: Credito di immagine: MilletStudio / Shutterstock.

La ketamina è un farmaco usato per indurre l’anestesia generale. È stato anche scoperto che agisce rapidamente per alleviare la depressione che non è riuscita a rispondere ad altri tipi di terapia.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry a maggio 2020 riporta il meccanismo d’azione, fino ad ora sconosciuto, della ketamina e potrebbe aiutare a trovare nuovi modi per trattare questa condizione debilitante e talvolta fatale.

Lo studio viene dalla Svezia, dove la depressione colpisce il 10% degli uomini e il 20% delle donne ed è il disturbo mentale più frequentemente diagnosticato in questo paese. Il trattamento di questa condizione fallisce in circa il 15-30% dei pazienti. A questo punto, la depressione è definita difficile da trattare.

Ketamina e depressione

La ketamina è un antagonista del recettore N-metil D-aspartato (NMDA). È un farmaco dissociativo, nel senso che interrompe il rapporto dell’utente con le percezioni sensoriali. Dosi più elevate possono causare un rallentamento pericoloso della respirazione, la produzione di spasmi muscolari, vertigini, perdita di equilibrio e grave confusione. La depressione resistente al trattamento risponde rapidamente alla Ketamina a basse dosi. Ciò ha portato all’approvazione di uno spray nasale contenente Ketamina negli Stati Uniti e nell’UE per questa condizione. Nonostante questa conoscenza, si sa poco su come agisce.

Un altro ricercatore, Johan Lundberg, afferma: “La ketamina ha il vantaggio di essere ad azione molto rapida, ma allo stesso tempo è un farmaco di classe narcotica che può portare alla dipendenza“.

Lo studio sulla Ketamina: cosa è stato fatto?

In questo studio, i ricercatori hanno usato la tomografia ad emissione di positroni (PET) per rilevare immaginare del cervello dei pazienti depressi durante il trattamento con ketamina. Definendolo “il più grande studio PET del suo genere nel mondo”, la ricercatrice Mikael Tiger riferisce che il suo obiettivo e quello del suo team era quello di scoprire l’effetto della Ketamina sulla depressione, oltre a cercare di identificare il ruolo dei recettori della serotonina 1B.

Vedi anche: Esketamina, farmaco per la depressione resistente e rischio suicidario

Ricerche precedenti, in cui Tiger e il suo team avevano collaborato, mostrano che il cervello delle persone depresse presentava bassi livelli di questi recettori. Nel primo passaggio, i ricercatori hanno eseguito uno studio randomizzato controllato in doppio cieco su 30 pazienti con depressione resistente al trattamento. Li hanno divisi a caso in due gruppi. Un gruppo di 20 persone ha ricevuto infusioni di ketamina. L’altro gruppo di 10 ha ricevuto solo infusioni saline. Né il medico che li stava curando né i pazienti sapevano chi stava ottenendo cosa. Sia prima che dopo le infusioni, i pazienti sono stati sottoposti a imaging cerebrale PET. Ciò è stato ripetuto dopo 24-72 ore per il completamento della procedura.
La seconda parte dello studio ha comportato la partecipazione volontaria. Questa fase ha incluso 29 soggetti che hanno ricevuto infusioni di ketamina due volte a settimana per due settimane.
La Ketamina agisce potenziando i recettori della serotonina 1B
Quando i risultati sono stati valutati, i medici hanno scoperto che oltre il 70% dei pazienti che avevano ricevuto la ketamina ha avuto sollievo dai sintomi depressivi, come registrato utilizzando una scala di valutazione per la depressione.
I ricercatori hanno scoperto che gli effetti terapeutici della ketamina erano dovuti all’inibizione dell’azione della serotonina. La serotonina è un neurochimico che agisce come un ormone cerebrale, in parte. È noto soprattutto per il suo significativo contributo all’innesco della depressione. Si ritiene che bassi livelli di questo ormone siano associati a depressione più grave.
I neuroni hanno 14 sottotipi di recettori della serotonina sulla loro superficie cellulare. Tuttavia, nel presente studio, i ricercatori hanno utilizzato una molecola più specifica, una sostanza radioattiva che si lega solo ai recettori della serotonina 1B. Hanno così scoperto un nuovo meccanismo d’azione della Ketamina. Il legame del recettore della serotonina 1B provoca l’abbassamento dei livelli di serotonina, mentre aumenta un altro neurochimico chiamato dopamina, che trasmette anche i segnali nervosi. La dopamina è un neurotrasmettitore correlato ai circuiti di ricompensa del cervello, il che significa che i suoi livelli causano sensazioni più positive o aumento dell’umore. Questa funzione è altamente desiderabile nella depressione.
Quindi, come agisce la ketamina?
Apparentemente, aumenta il numero di recettori della serotonina 1B. Questa è la prima volta che questo effetto è stato osservato e spiega l’azione rapida e favorevole della ketamina. Questa scoperta potrebbe innescare ulteriori ricerche sul recettore della serotonina 1B che potrebbe anche essere un target per nuovi farmaci che possono evitare gli effetti avversi della ketamina anche mantenendo la sua rapida capacità di sollevare l’umore.
Fonte: Nature