HomeSaluteOcchiLenti a contatto riutilizzabili: più del triplo il rischio di rare infezioni...

Lenti a contatto riutilizzabili: più del triplo il rischio di rare infezioni oculari

(Lenti a contatto-Immagine Credit Public Domain).

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’UCL e di Moorfields, le persone che indossano lenti a contatto riutilizzabili hanno quasi quattro volte più probabilità di sviluppare una rara infezione oculare pericolosa per la vista, rispetto a quelle che indossano dispositivi usa e getta quotidiani.

Lo studio caso-controllo, pubblicato su Ophthalmology, identifica molteplici fattori che aumentano il rischio di cheratite da Acanthamoeba (AK), incluso il riutilizzo delle lenti o il loro utilizzo durante la notte o sotto la doccia.

- Advertisement -

L’ AK è un tipo di cheratite microbica (infezione corneale), una condizione che provoca l’infiammazione della cornea (lo strato esterno protettivo trasparente dell’occhio).

L’autore principale dello studio, il Professor John Dart (UCL Institute of Ophthalmology and Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust), ha dichiarato: “Negli ultimi anni abbiamo assistito a un aumento della cheratite da Acanthamoeba nel Regno Unito e in Europa e, sebbene l’infezione sia ancora rara, è prevenibile e garantisce una risposta di salute pubblica. Le lenti a contatto sono generalmente molto sicure, ma sono associate a un piccolo rischio di cheratite microbica, più comunemente causata da batteri e che è l’unica complicazione pericolosa per la vista determinta dal loro uso. Dato che si stima che circa 300 milioni di persone in tutto il globo indossano lenti a contatto, è importante che le persone sappiano come ridurre al minimo i rischi di sviluppare la cheratite”.

L’uso delle lenti a contatto è ora la principale causa di cheratite microbica nei pazienti con occhi altrimenti sani nei paesi del nord del mondo. La perdita della vista derivante dalla cheratite microbica è rara, ma l’Acanthamoeba, sebbene una causa rara, è una delle più gravi ed è responsabile in circa la metà di coloro che usano lenti a contatto che sviluppano la perdita della vista dopo la cheratite. Fino al 90% dei casi di AK sono associati a rischi evitabili, sebbene l’infezione rimanga rara, colpendo meno di 1 su 20.000 portatori di lenti a contatto all’anno nel Regno Unito.

AK fa sì che la superficie anteriore dell’occhio, la cornea, diventi dolorosa e infiammata, a causa dell’infezione da Acanthamoeba, un microrganismo che forma cisti. I pazienti più gravemente colpiti (un quarto del totale) finiscono con meno del 25% della vista o diventano ciechi a seguito della malattia e devono affrontare un trattamento prolungato. Complessivamente, il 25% delle persone colpite necessita di trapianti di cornea per curare la malattia o ripristinare la vista.

- Advertisement -

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato oltre 200 pazienti del Moorfields Eye Hospital che hanno completato un sondaggio, tra cui 83 persone con AK, e  hanno confrontato i dati con quelli di 122 partecipanti che si sono rivolti alle cliniche oculistiche con altre condizioni e che hanno agito come gruppo di controllo.

Vedi anche:Lenti cosmetiche: un rischio per la vista

Le persone che indossavano lenti a contatto morbide riutilizzabili (come quelle mensili) avevano 3,8 volte le probabilità di sviluppare AK, rispetto alle persone che indossavano lenti usa e getta giornaliere. Fare la doccia con le lenti ha aumentato le probabilità di AK di 3,3 volte, mentre indossare le lenti durante la notte ha aumentato le probabilità di 3,9 volte. Tra i portatori di lenti a contatto usa e getta quotidiani, il riutilizzo delle lenti aumenta il rischio di infezione. Aver avuto un recente controllo delle lenti a contatto con un operatore sanitario ha ridotto il rischio.

Con ulteriori analisi, i ricercatori hanno stimato che il 30-62% dei casi nel Regno Unito, e potenzialmente in molti altri paesi, potrebbe essere prevenuto se le persone passassero dalle lenti riutilizzabili alle lenti usa e getta giornaliere.

Un recente studio condotto dal Professor Dart ha rilevato che l’AK sta aumentando in prevalenza nel Regno Unito. Esaminando i dati di incidenza del Moorfields Eye Hospital dal 1985 al 2016, lui e il suo team hanno riscontrato un aumento a partire dal 2000-2003, quando c’erano da 8 a 10 casi all’anno, fino a un numero compreso tra 36 e 65 casi annuali alla fine del periodo di studio.

La prima autrice dello studio, la Professoressa associata Nicole Carnt (UNSW, Sydney, UCL Institute of Ophthalmology and Moorfields Eye Hospital) ha dichiarato: “Studi precedenti hanno collegato l’AK all’uso di lenti a contatto nelle vasche idromassaggio, nelle piscine o nei laghi, e qui abbiamo aggiunto le docce a quell’elenco , sottolineando che l’esposizione all’acqua quando si indossano le lenti dovrebbe essere evitata. Le piscine pubbliche e le autorità costiere potrebbero aiutare a ridurre questo rischio sconsigliando di nuotare con le lenti a contatto”.

Il Professor Dart ha aggiunto: “La confezione delle lenti a contatto dovrebbe includere informazioni sulla sicurezza delle lenti e sulla prevenzione dei rischi, in particolare dato che molte persone acquistano le lenti online senza parlare con un operatore sanitario. Le misure igieniche possono fare molto per evitare le infezioni, ad esempio lavando e asciugando accuratamente le mani prima di mettere le lenti”.

Fonte: Oftalmology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...