L’endometriosi potrebbe essere trattata con un farmaco antitumorale

endometriosi

I sintomi dolorosi dell’endometriosi, una condizione cronica che colpisce milioni di donne, potrebbero potenzialmente essere ridotti con un farmaco che era stato precedentemente studiato come trattamento per il cancro.

I ricercatori hanno scoperto che l’uso del dicloroacetato per trattare le donne con endometriosi ha ridotto la produzione di lattato, un prodotto di scarto potenzialmente dannoso e ha fermato la crescita cellulare anormale.

L’endometriosi – che colpisce 176 milioni di donne in tutto il mondo – è causata dalla crescita di lesioni costituite da tessuti simili al rivestimento dell’utero in altre parti del corpo, come il rivestimento del bacino e delle ovaie.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno scoperto che le cellule della parete pelvica delle donne con endometriosi hanno un metabolismo diverso rispetto alle donne senza la malattia. Le cellule hanno prodotto quantità più elevate di lattato in modo simile alle cellule tumorali.

Quando le cellule di donne con endometriosi sono state trattate con dicloroacetato, sono tornate al normale comportamento metabolico. Gli scienziati hanno anche notato una riduzione del lattato e un impatto sulla crescita delle cellule endometriali cresciute insieme alle cellule pelviche.

Vedi anche, Primo passo verso il trattamento dell’ endometriosi.

Ulteriori test su un modello murino di endometriosi hanno riscontrato, dopo sette giorni, una marcata riduzione delle concentrazioni di lattato e delle dimensioni delle lesioni.

Questa ricerca è stata finanziata dall’associazione benefica Benessere delle donne e sostenuta da PwC e dal Medical Research Council UK.

I trattamenti attualmente disponibili per l’endometriosi sono basati su un ormone che può produrre spiacevoli effetti collaterali o un intervento chirurgico, che nella metà dei casi provoca il ritorno delle lesioni dopo cinque anni.

I ricercatori ritengono che questi nuovi risultati potrebbero aiutare ad alleviare l’endometriosi nelle donne che non posson o non desiderano, assumere trattamenti ormonali o prevenire la ricorrenza dopo l’intervento chirurgico. Il team sta conducendo una sperimentazione clinica in fase iniziale per confermare i risultati.

Questa ricerca è pubblicata negli Atti del National Academy of Sciences.

Il ricercatore capo, il Professor Andrew Horne del Centro MRC per la salute riproduttiva dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “L’endometriosi è una condizione che cambia la vita di tante donne. Ora che comprendiamo meglio il metabolismo delle cellule nelle donne che hanno l’endometriosi, possiamo lavorare per  sviluppare un trattamento non ormonale. Attraverso una sperimentazione clinica con dicloroacetato dovremmo essere in grado di vedere se le condizioni osservate in laboratorio saranno replicate nelle donne”.

Janet Lindsay, CEO di Wellbeing of Women ha dichiarato: “Più di 176 milioni di donne soffrono di endometriosi, ma poche persone ne hanno sentito parlare e il trattamento, che può avere un impatto sulla fertilità, è progredito molto poco da oltre 40 anni. Ecco perché siamo così entusiasti dei risultati di questa ricerca che potrebbe gettare le basi per il primo nuovo trattamento non ormonale che offre alle donne un’opzione che cambia la loro vita“.

Fonte, PNAS


Altri articoli su endometriosi