Le noci aiutano a ridurre la pressione sanguigna

noci

Se combinate con una dieta a basso contenuto di grassi saturi, mangiare noci può aiutare a ridurre la pressione del sangue nelle persone a rischio di malattie cardiovascolari, secondo un nuovo studio della Penn State.

In uno studio randomizzato e controllato, i ricercatori hanno esaminato gli effetti della sostituzione di alcuni grassi saturi nelle diete dei partecipanti con le noci. Hanno scoperto che quando i partecipanti mangiavano noci in combinazione con quantità totali inferiori di grassi saturi, avevano una pressione arteriosa centrale più bassa.

La pressione centrale è la pressione che viene esercitata su organi come il cuore. Questa misura, come la pressione arteriosa misurata nel braccio in modo tradizionale, fornisce informazioni sul rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare (CVD).

.Vedi anche,Il consumo di noci riduce i sintomi depressivi.

Penny Kris-Etherton, Distinguished Professor of Nutrition presso Penn State, ha riferito che lo studio suggerisce che, poiché le noci hanno abbassato la pressione centrale, il rischio di CVD potrebbe essere diminuito.

“Quando i partecipanti mangiavano noci, vedevano benefici maggiori rispetto a quando consumavano una dieta con un profilo simile a quello delle noci”, ha detto Kris-Etherton. “Quindi sembra che ci sia qualcosa in più nelle noci che è benefico – forse i loro composti bioattivi, forse la fibra, forse qualcos’altro – che non si ottiene dai soli gli acidi grassi”.

SEcondo Alyssa Tindall, studentessa del laboratorio del Dr. Kris-Etherton, lo studio è stato uno dei primi a cercare di scoprire quali parti delle noci aiutano a sostenere la salute del cuore.

Le noci contengono acido alfa-linolenico-ALA-un omega-3 vegetale che può influenzare positivamente la pressione sanguigna“, ha detto Tindall. “Volevamo vedere se ALA fosse il principale contributo a questi benefici salutari o se ci fosse un altro componente bioattivo delle noci, come i polifenoli, ad vere lo stesso potenziale: abbiamo progettato lo studio per verificare se questi componenti avessero benefici addizionali”.

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 45 partecipanti con sovrappeso o obesità di età compresa tra i 30 ed i 65 anni. Prima dello studio, i partecipanti sono stati sottoposti a una dieta “run-in” per due settimane.

“Sottoporre tutti alla stessa dieta per due settimane prima dell’inizio dello studio, ha aiutato a mettere tutti i partecipanti sullo stesso piano di partenza”, ha detto Tindall. “La dieta run-in includeva il 12% delle loro calorie da grassi saturi, che imita una dieta americana media e includeva le noci o altri oli che sostituivano i grassi saturi”.

Dopo la dieta run-in, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre diete dello studio, che includevano meno grassi saturi rispetto alla dieta run-in. Una delle diete includeva le noci, un’ altra includeva la stessa quantità di ALA e acidi grassi polinsaturi non derivati dalle noci e una sostituiva parzialmente ALA con la stessa quantità di acido oleico (un altro acido grasso) non derivato dalle noci.

Tutte e tre le diete sostituivano le noci o gli oli vegetali per il 5% del contenuto di grassi saturi della dieta run-in, e tutti i partecipanti hanno seguito ogni dieta per sei settimane, con una pausa tra i periodi di dieta.

Dopo ogni periodo di dieta, i ricercatori hanno valutato i partecipanti per diversi fattori di rischio cardiovascolare tra cui la pressione sistolica e diastolica centrale, la pressione brachiale, il colesterolo e la rigidità arteriosa.

I ricercatori hanno scoperto che mentre tutte le diete di trattamento hanno avuto un effetto positivo sugli esiti cardiovascolari, la dieta con le noci ha fornito i maggiori benefici, tra cui la pressione arteriosa diastolica centrale inferiore. In contrasto con la pressione brachiale – che è la pressione che si allontana dal cuore – la pressione centrale è la pressione che si muove verso il cuore.

Tindall ha riferito che i risultati, pubblicati recentemente sul Journal of American Heart Association, sottolineando l’importanza di sostituire il grasso saturo con alternative più sane.

“Una dieta americana media ha circa il 12% di calorie da grassi saturi e tutte le nostre diete di trattamento avevano circa il 7% di grassi da noci o oli vegetali in sostituzione”, ha detto Tindall. “Quindi, vedendo i benefici positivi di tutte e tre le diete, indipendentemente dal fatto che si sostituiscano grassi saturi con grassi insaturi da noci o oli vegetali, si dovrebbero vedere anche benefici cardiovascolari”.

Kris-Etherton ha aggiunto che lo studio supporta le noci come parte di una dieta sana per il cuore.

Fonte, Journal of The American Hearth Association


Altri articoli su noci