Il consumo di noci riduce i sintomi depressivi

noci

Un nuovo studio epidemiologico suggerisce che il consumo di noci può essere associato a una minore prevalenza e frequenza dei sintomi depressivi tra gli adulti.

Dopo aver valutato i partecipanti allo studio per la depressione, i ricercatori hanno scoperto che i punteggi di depressione erano inferiori del 26% per i consumatori di noci e l’otto per cento in meno per i consumatori di noccioline, rispetto ai livelli delle persone che non consumavano affatto noci.

“Secondo il CDC, un adulto su sei avrà un evento di depressione in qualche momento della sua vita ed è importante trovare interventi a basso costo, come i cambiamenti nella dieta, che siano facili da implementare e possano aiutare a ridurre l’incidenza della depressione “, afferma il ricercatore capo Dr. Lenore Arab della David Geffen School of Medicine presso l’Università della California, a Los Angeles. 

Vedi anche,L’ impatto delle noci sul microbioma intestinale.

I ricercatori hanno esaminato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey che attinge a un ampio campionamento della popolazione statunitense. Più di 26.000 adulti americani sono stati interrogati circa il loro apporto alimentare nel corso di uno o due giorni, nonché i sintomi della depressione nelle ultime due settimane. Utilizzando un questionario ampiamente accettato, i partecipanti hanno valutato la frequenza con cui hanno sperimentato fattori quali scarso interesse nel fare le cose, difficoltà a dormire o dormire troppo, sentirsi stanchi o avere poca energia e difficoltà a concentrarsi sulle cose. Secondo i risultati, i consumatori di noci avevano maggiori probabilità di avere maggiore interesse nelle attività, livelli energetici più elevati, minore disperazione, migliore concentrazione e maggiore ottimismo.

I punteggi di depressione erano significativamente più bassi tra coloro che consumavano noci, rispetto a quelli che non consumavano noci, anche dopo aver controllato per età, sesso, razza, reddito, indice di massa corporea, fumo, consumo di alcol e stato civile. In media, i consumatori di noci hanno mangiato circa 24 grammi di noci al giorno (poco meno di una porzione di un quarto di tazza). Mentre l’associazione tra consumo di noci e punteggi di depressione era coerente per uomini e donne, l’effetto sembrava essere più forte tra le donne che hanno maggiori probabilità di riportare sintomi di depressione maggiore e uso di antidepressivi, rispetto agli uomini.

Rispetto ad altri tipi di frutta a guscio, le noci hanno un profilo unico di acidi grassi – contengono principalmente grassi polinsaturi, inclusa una quantità significativa di acido alfa-linolenico.

Come per qualsiasi ricerca scientifica, dovrebbero essere prese in considerazione alcune limitazioni dello studio. Ai partecipanti è stato chiesto delle loro scelte dietetiche nel corso di uno o due giorni, che potrebbero non essere rappresentativi dei normali modelli di consumo. La depressione può anche cambiare l’appetito tipico e i comportamenti alimentari. Inoltre, a causa della natura trasversale dello studio, i risultati non possono dimostrare la causalità.

Il finanziamento per questa ricerca è stato fornito dalla California Walnut Commission (CWC). La CWC ha supportato la ricerca sui benefici delle noci sulla salute da oltre 25 anni.

Fonte, Nutrients


Altri articoli su noci