Le mutazioni delle cellule del sangue legate alle leucemie sono inevitabili con l’età

Immagine: le alterazioni cromosomiche rilevabili aumentano con l’età. Credito: RIKEN

Un nuovo studio condotto da ricercatori del RIKEN Center for Integrative Medical Science in Giappone riporta differenze nelle mutazioni delle cellule del sangue tra popolazioni giapponesi ed europee che possono indurre lo sviluppo della leucemia.

Lo studio ha scoperto che queste mutazioni precliniche erano fortemente associate a diversi tipi di tumori e possono spiegare perché gli europei hanno tassi più elevati di leucemia linfocitica cronica, mentre i giapponesi hanno tassi più elevati di leucemia a cellule T.

Questo studio è stato pubblicato su Nature il 24 giugno.

Le nostre cellule del sangue vengono continuamente rinnovate da uno stock di cellule staminali del sangue – chiamate HSC – situate nel midollo osseo. Queste cellule staminali producono cellule progenitrici che danno origine a molti diversi tipi di cellule del sangue. Tra questi ci sono importanti linfonodi che compongono il nostro sistema immunitario, come le cellule T e le cellule B. Le cellule del sangue che provengono dalla stessa cellula staminale o progenitore possono essere identificate osservando il loro DNA. Ad esempio, tutte le cellule T derivate da un particolare HSC sono cloni l’una dell’altra. Se l’HSC avesse una mutazione, la stessa mutazione esisterebbe in tutte le cellule T in quel lignaggio, ma non in altre cellule T che provenivano da diversi HSC.
Sebbene questi tipi di mutazioni clonali siano stati studiati nelle popolazioni europee, Chikashi Terao e il suo team di RIKEN IMS sospettavano che avrebbero potuto trovare risultati leggermente diversi nella loro popolazione giapponese più anziana di quasi 180.000 individui. I loro risultati hanno mostrato che le mutazioni clonali erano avvenute in oltre il 35% delle persone nei loro anni ’90. I dati del BioBank del Regno Unito hanno prodotto risultati simili, ma le percentuali complessive sono state leggermente inferiori. “I nostri risultati suggeriscono fortemente che le alterazioni cromosomiche dei cloni ematopoietici sono un evento inevitabile nel passato”, afferma Terao. “La maggiore percentuale di mutazioni nella popolazione giapponese è probabilmente correlata alla maggiore età media del campione”.
Tuttavia, confronti più approfonditi con i dati BioBank del Regno Unito hanno rivelato diverse differenze.
Il team ha esaminato tutte le mutazioni dei lignaggi delle cellule T e ha scoperto che oltre l’80% di esse si è verificato nella popolazione giapponese. D’altro canto, oltre il 90% delle mutazioni del lignaggio delle cellule B si sono verificate nel campione europeo. Questi dati sono coerenti con i casi segnalati di leucemia. La leucemia a cellule T si verifica 10 volte più spesso nei giapponesi che negli europei, mentre la leucemia linfatica cronica, una leucemia correlata alle cellule B, è 5 volte più diffusa negli europei. “Ciò non significa che le mutazioni si siano verificate in modo selettivo in diversi geni a seconda della popolazione. Ricorda, i dati includono solo mutazioni clonali sopravvissute e replicate abbastanza da essere rilevabili”, spiega Terao: “Possiamo dedurre che il vantaggio di una particolare mutazione cromosomica differisce a seconda del contesto genetico e ambientale”.
I ricercatori hanno anche scoperto componenti genetici correlati al rischio di avere mutazioni clonali dell’HSC. Hanno identificato diverse posizioni sui cromosomi per le quali variazioni genetiche erano associate ad un aumentato rischio di mutazioni clonali del sangue in generale, nonché tre posizioni correlate a mutazioni specifiche nelle cellule B. Ciò significa che la probabilità o il rischio di avere una delle mutazioni critiche ora o in futuro possono essere stimati cercando queste variazioni nel DNA di una persona.
Pertanto, sebbene le mutazioni clonali dell’HSC possano essere inevitabili, possiamo ancora fare qualcosa al riguardo. “Non tutte le persone con queste mutazioni si ammalano di cancro”, sottolinea Terao. “Tuttavia, un semplice esame del sangue che è possibile ottenere a qualsiasi controllo sanitario regolare sarà in grado di identificare le persone a rischio di leucemia controllando le mutazioni clonali di HSC. Un test del DNA basato sul campione di sangue può anche identificare lepersone ad alto rischio di sviluppo delle mutazioni critiche dell’HSC in futuro “.
Fonte: Nature