Le fragole possono rallentare la crescita precancerosa nell’esofago

Mangiare fragole può essere un modo per aiutare le persone a rischio di cancro esofageo di proteggersi dalla malattia, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Ohio State University Comprehensive Cancer Center – Arthur G. James Cancer Hospital, Richard J. Solove Research Institute ( OSUCCC -. James) e ricercatori in Cina .

Il Dr. Chen Tong ha presentato i risultati della ricerca, nel corso di una conferenza stampa  presso l’American Association for Cancer Research (AACR) a Orlando, in Florida.

 “Abbiamo concluso da questo studio che sei mesi di trattamento con le fragole è sicuro e facile da ottenere. Inoltre, i nostri dati preliminari suggeriscono che le fragole hanno diminuito il grado istologico delle lesioni precancerose e ridotto gli eventi molecolari correlati al cancro”, ha spiegato Chen, autore principale e assistente professore nella divisione di oncologia medica, dipartimento di medicina interna presso la Ohio State.

Una  ricerca precedentemente pubblicata da Chen e colleghi ha scoperto che le fragole liofilizzate hanno inibito significativamente lo sviluppo del tumore dell’esofago, nei ratti. Sulla base di questi risultati, i ricercatori hanno intrapreso una fase 2 di studio clinico in Cina, per valutare gli effetti delle fragole liofilizzate sui pazienti con lesioni precancerose dell’esofago.

“Abbiamo scoperto che il consumo giornaliero di fragole ha soppresso vari biomarcatori coinvolti nella carcinogenesi esofagea, la proliferazione delle cellule, l’infiammazione e la trascrizione del gene “, ha detto Chen. Ognuno dei partecipanti allo studio ha consumato 60 grammi di fragole liofilizzate al giorno per sei mesi. I ricercatori hanno ottenuto campioni bioptici prima e dopo il consumo fragola. I risultati hanno mostrato che 29 su 36 partecipanti hanno sperimentato una diminuzione del grado istologico delle lesioni precancerose, durante lo studio.

“Prevediamo che la maggior parte dei pazienti con lesioni precancerose nel loro esofago svilupperà il cancro esofageo negli anni successivi”, ha detto Chen. “Il nostro studio è importante perché dimostra che le fragole possono rallentare la progressione della lesione precancerosa nell’esofago e possono essere un’alternativa, o potrebbero lavorare insieme ad altri farmaci chemiopreventivi, per la prevenzione del cancro esofageo. Però, abbiamo bisogno di testare questo risultato in studi randomizzati controllati con placeb,o in futuro “.

Il cancro esofageo è il terzo tumore gastrointestinale più comune e la sesta causa più frequente di morte per cancro nel mondo, ha spiegato Chen, che detiene anche un dottorato in Public Health. Chen e il suo team stanno studiando il carcinoma a cellule squamose dell’esofago che costituisce il 95 per cento dei casi di cancro esofageo in tutto il mondo. Il tasso di sopravvivenza di questo tipo di cancro esofageo è molto basso. La diagnosi di cancro esofageo a cellule squamose è abbastanza comune in Cina, il Giappone, la regione del Transkei del Sud Africa, Iran, Francia e Puerto Rico . I fattori di rischio per sviluppare il cancro esofageo includono tabacco e alcol, insieme a una dieta povera di frutta e verdura. In Asia, ulteriore fattori di rischio comprendono assunzione di cibi salati e di alimenti contaminati con varie micotossine, carenze alimentari di vitamine e minerali e lesioni termiche dovute al consumo di bevande calde. Più di 16.000 nuovi casi di cancro esofageo saranno diagnosticati negli Stati Uniti quest’ann , secondo l’American Cancer Society.