Le cellule strutturali dei linfonodi rinforzano le risposte immunitarie umane

sistema immunitario

Immagine: sezione di una tonsilla umana che rappresenta le cellule T (verdi) che interagiscono con le cellule strutturali FRC (rosso). COX2 (blu) fa parte di uno dei meccanismi descritti che le cellule strutturali usano per controllare le cellule T (verdi). Credit: Sara Cruz Migoni.

Fino ad ora, lo studio del sistema immunitario si è concentrato quasi esclusivamente sui globuli bianchi e in particolare sulle cellule T, come i principali combattenti per l’infezione del corpo. Tuttavia, una nuova ricerca pubblicata il 4 settembre nella rivista PLOS Biology di Dr. Anne Fletcher e Dr. Konstantin Knoblich e colleghi del Monash Biomedicine Discovery Institute (BDI), si è allontanata dall’immunologia tradizionale puntando i riflettori sulla struttura delle cellule che costruiscono e supportano l’ambiente immunitario dei linfonodi. La loro ricerca mostra che le cosiddette cellule reticolari fibroblastiche (FRC) che formano la struttura interna delle tonsille e dei linfonodi umani esercitano il controllo sulle cellule T e la loro risposta alle infezioni.

( Vedi anche:L’insulina dà una spinta extra al sistema immunitario).

Queste cellule strutturali più grandi offrono supporto strutturale e di orientamento alle cellule immunitarie e il nuovo lavoro dei ricercatori identifica quattro meccanismi principali con cui le FRC agiscono per smorzare le risposte delle cellule delle cellule T.

I quattro meccanismi utilizzati dagli FRC comprendono percorsi che coinvolgono la prostaglandina E2, il recettore dell’adenosina 2a, l’indoleamina-2,3-diossigenasi e il fattore di crescita beta trasformante. Gli scienziati sono stati in grado di inibire tutti e quattro i meccanismi di FRC usando farmaci esistenti e hanno scoperto che le risposte delle cellule T erano aumentate nel processo. Una volta che le cellule T non sono più soppresse dagli FRC, sono prontamente in grado di espandersi e proliferare.

Utilizzando un approccio completamente nuovo, i ricercatori, in collaborazione con l’Università di Birmingham, hanno esaminato l’attivazione delle cellule T all’interno di sezioni vive di tonsille umane e hanno scoperto che (in presenza o in assenza di molecole chiave) le cellule T hanno dimostrato una maggiore risposta quando gli FRC sono stati inibiti.

“Questo studio è una vera sorpresa per la maggior parte degli immunologi, che – comprensibilmente – si sono sempre concentrati sulle persone o in questo caso, sui linfociti T”, dice Dr. Fletcher che ha anche un ruolo onorifico presso l’Università di Birmingham.

” Siamo finalmente in grado di risvegliare l’azione delle cellule T. Questa è una nuova tecnica clinicamente rilevante che offre una via di mezzo tra il lavoro in vitro e le sperimentazioni cliniche umane”, ha aggiunto il Dottor Knoblich. “Permette ai ricercatori di testare la rilevanza clinica della loro terapia di immunoterminazione nel tessuto tonsillare umano vivo che è facilmente disponibile e spesso scartato in chirurgia”.

Questi risultati aiuteranno i ricercatori a capire perché le cellule T rispondono in modo diverso quando attivate nella provetta, rispetto alla loro risposta in un tessuto umano vivo, che contiene un microambiente complesso e FRC.

Il lavoro può aiutare gli sforzi per migliorare le risposte immunitarie in situazioni in cui le celluleT non funzionano come dovrebbero, come negli anziani, che sono molto suscettibili alle infezioni come l’influenza e il cui sistema immunitario o risposta vaccinale può trarre beneficio dall’essere potenziato.

“Mentre questi meccanismi di soppressione sono una nuova parte della nostra comprensione della biologia umana, possono anche costituire una nuova piattaforma per studiare il cancro metastatico“, ha detto il Dott. Fletcher. “La metastasi dei tumori spesso inizia nei linfonodi e avere una nuova varietà di meccanismi da individuare può innescare una serie di nuove piattaforme di ricerca sulla base di questi FRC”.

Fonte: PLOS Biology

Altri articoli su sistema immunitario