L’insulina dà una spinta extra al sistema immunitario

insulina

Il ruolo dell’insulina come spinta al sistema immunitario per migliorare la sua capacità di combattere le infezioni è stato dettagliato per la prima volta dagli scienziati del Toronto General Hospital Research Institute (TGHRI).

Gli scienziati del TGHRI hanno identificato una specifica via di segnalazione dell’insulina che, una volta attivata, aumenta la risposta delle cellule T nel sistema immunitario per suddividere rapidamente e secernere citochine, proteine ​​chimiche messaggero che attivano il resto del sistema immunitario. Una risposta immunitaria rapida ed efficace ci protegge dalle malattie e dalle infezioni potenzialmente letali distruggendo cellule o microbi infetti, mentre uno sbagliato o inefficienza può causare lo sviluppo di disturbi o malattie del sistema immunitario.

I risultati della ricerca “La stimolazione mediata dal recettore dell’insulina stimola l’immunità delle cellule T durante l’infiammazione e l’infezione“, sono stati pubblicati in Cell Metabolism, il 30 agosto 2018 dal primo autore Dr. Sue Tsai, borsista postdoctoral e autori senior, Dr. Daniel Winer, Anatomical Pathologist, University Health Network e Scientist, Toronto General Hospital Research Institute e Dr. Shawn Winer, Anatomical Pathologist, St. Michael’s Hospital.

“Abbiamo identificato uno degli ormoni più popolari del metabolismo, in particolare la via di segnale dell’insulina, come un nuovo driver “co-stimolatorio della funzione del sistema immunitario”, afferma il Dr. Dan Winer, che è anche ricercatore del dipartimento di medicina di laboratorio e patologia all’Università di Toronto. “Il nostro lavoro caratterizza il ruolo di questa via di segnale nelle cellule immunitarie, principalmente le cellule T, aprendo nuove strade in futuro per una migliore regolazione del sistema immunitario”.

Sebbene negli anni passati sia stato fatto molto lavoro sul ruolo dell’insulina in organi quali fegato, muscoli e grasso per comprendere la regolazione del glucosio o dello zucchero nel sangue e come il corpo metabolizza o lo trasformi in energia, poco si sa su come l’insulina influisce sul sistema immunitario.

“Il legame tra insulina e sistema immunitario non è ovvio”, afferma il Dr. Tsai, “è affascinante apprendere che le cellule immunitarie, che richiedono energia e sostanze nutritive per il corretto funzionamento proprio come tutte le altre cellule del corpo, sono anche regolate da segnali metabolici dell’ insulina”.

Il suggerimento di testare questo collegamento è venuto al team di ricerca come risultato dell’osservazione che le persone con diabete di tipo 2 o che sono obese e ad alto rischio di sviluppare diabete di tipo 2, non rispondono bene o sono resistenti all’insulina. Nel loro precedente lavoro, i laboratori Winer hanno dimostrato che le cellule immunitarie all’interno del grasso addominale causano il rilascio di sostanze chimiche “pro-infiammatorie”, che rendono il corpo meno sensibile all’insulina.

Secondo il Dr. Tsai, l’obesità è legata all’insulino resistenza del corpo e gli individui obesi e resistenti all’insulina sono noti per avere risposte immunitarie indebolite e una maggiore suscettibilità allo sviluppo di infezioni gravi.

Può essere che esiste un legame tra l’infiammazione persistente e cronica, la disfunzione immunitaria e la resistenza all’insulina, con il risultato che le cellule T smettono di rispondere e diventano danneggiate dal punto di vista funzionale.

“L’obiettivo di questa ricerca è stato quello di studiare come l’insulina regola la funzione delle cellule T e che cosa porta le cellule T a smettere di rispondere all’insulina”, dice il Dr. Tsai, aggiungendo che le cellule T sono state scelte perché svolgono un ruolo fondamentale nell’autodifesa contro le infezioni.

Usando topi geneticamente modificati, il team di ricerca ha progettato topi con cellule T che non avevano un recettore insulinico, mimando la resistenza all’insulina. I ricercatori hanno poi osservato quello che è successo alle cellule T nei topi sottoposti a diversi fattori di stress, come il virus dell’influenza H1N1.

“Le cellule T hanno bisogno di più segnali per aumentare la loro attivazione dopo che incontrano un patogeno”, spiega il Dr. Winer, aggiungendo che “il recettore o molecola di segnalazione dell’insulina è come una seconda spinta al sistema immunitario per garantire che possa combattere l’infezione con le migliori armi possibili che ha”.

Senza la spinta aggiuntiva fornita dal recettore dell’insulina per aiutare a “ri-energizzare” le cellule T a mettere in atto un’efficace risposta immunitaria, le cellule T non sono riuscite a distruggere virus come l’influenza H1N1.

“I linfociti T sono il cuore di tante malattie“, afferma il Dr. Tsai, “Se riusciremo a comprenderle a livello cellulare, questo ci darà la migliore opportunità di trovare nuovi percorsi da indirizzare verso nuove terapie”.

“In futuro”, dice Winer, “potremmo sfruttare questa via di segnale dell’insulina per aumentare la risposta immunitaria per creare vaccini, ad esempio, o per smorzarla per curare malattie infiammatorie come l’artrite, la colite ulcerosa e il morbo di Crohn”.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su insulina