Lavori in corso per il trattamento della colite ulcerosa

colite ulcerosa

Scienziati di 34 paesi, in collaborazione con un ricercatore della IKBFU (Kant Baltic Federal University, Kaliningrad, Russia), stanno lavorando a un farmaco per il trattamento della colite ulcerosa.

Il centro IKBFU per la ricerca clinica ha partecipato alla ricerca clinica internazionale VARSITY. È la prima ricerca al mondo volta a trovare il farmaco più efficace tra quelli antinfiammatori, per il trattamento della colite ulcerosa.

La colite ulcerosa (UC) è una condizione a lungo termine che provoca infiammazione e ulcere del colon e del retto. La malattia può causare gravi complicazioni come rischio di peritonite e  neoplasie maligne. La ricerca è stata condotta in 245 centri di ricerca di 34 paesi (tra cui 19 centri russi). Hanno partecipato 771 pazienti di età compresa tra 18 e 85 anni, con forme moderate e gravi di colite ulcerosa.

Vedi anche, Agenti biologici a confronto per la colite ulcerosa.

Il Prof. Vladimir Rafalskiy, Direttore del centro di ricerca clinica IKBFU, ha dichiarato:

“15 anni fa le nostre opportunità di trattamento della colite ulcerosa erano piuttosto limitate. I medici dovevano usare solo ormoni glucocorticoidi, azatioprina e derivati ​​dell’acido salicilico. C’erano solo tre gruppi di farmaci e l’efficacia di questi gruppi era tutt’altro che prevista da medici e pazienti. Ma la scienza farmacologica va avanti e circa dieci anni fa è stato creato un nuovo tipo di farmaco. Questo farmaco che stiamo sperimentando è un bio-genetico innovativo che produce anticorpi che bloccano le molecole dell’infiammazione e consentono un controllo molto efficace della colite ulcerosa. Il mercato farmaceutico odierno offre ai pazienti con colite ulcerosa cinque farmaci del gruppo di inibitori del fattore di necrosi tumorale e un farmaco anti-integrina. Questi farmaci sono efficaci nel trattamento della malattia, soprattutto in confronto ai farmaci precedenti. È interessante notare che i farmaci di nuova generazione non sono mai stati confrontati”.

Le terapie biologiche sono ampiamente utilizzate nei pazienti con colite ulcerosa, ma mancano studi diretti su queste terapie in pazienti con malattia infiammatoria intestinale.

Il Prof. Rafalskiy ha aggiunto:

“Questa è la prima volta che vengono confrontati due nuovi farmaci. Uno dei farmaci è un inibitore del fattore di necrosi tumorale e l’altro è un farmaco anti-integrina. La ricerca è stata condotta dal 2015 al 2019. I pazienti sono stati divisi casualmente in due gruppi trattati con i due diversi farmaci (adalimumab e vedolizumab). Esistono diversi criteri per la ricerca: efficacia clinica, manifestazione dei sintomi della malattia (i partecipanti hanno compilato diari elettronici che indicano la frequenza di defecazione, sanguinamento, dolore addominale, ecc.), i risultati della colonscopia prima e dopo la terapia, il risultati dell’esame istologico, ecc. La ricerca ha dimostrato che vedolizumab è più efficace del 9-12% e questa differenza è importante per il trattamento della colite ulcerosa”.

Fonte, The New England Journal of Medicine.


Altri articoli su colite ulcerosa