La metà dei farmaci in uso danneggia i batteri intestinali

batteri intestinali

Una presentazione sorprendente alla UEG Week 2019, a Barcellona, ​​rivela che il microbioma intestinale è ad alto rischio di danni ogni volta che utilizziamo un farmaco di uno o più di 18 gruppi di uso comune. Gli effetti possono variare da cambiamenti nelle proporzioni relative di diverse specie benefiche o potenzialmente dannose, ad alterazioni del metabolismo cellulare dei batteri stessi.

I risultati misurati includevano il rischio di obesità, infezioni intestinali e condizioni legate al microbioma. Inoltre, i farmaci di altre otto categorie inducono anche geni che portano a una maggiore resistenza agli antibiotici negli individui trattati.

I ricercatori hanno esaminato gli effetti dell’uso di farmaci di 41 categorie, confrontando più di 1.880 campioni fecali di tre gruppi: un gruppo rappresentante la coorte della popolazione generale, uno con malattia infiammatoria intestinale (IBD) e un terzo gruppo con soggetti con IBD e controlli sani. I ricercatori hanno cercato gli effetti dell’uso di un singolo farmaco e quindi di più farmaci usati insieme. Hanno analizzato le differenze nella composizione del microbiota intestinale e del metabolismo cellulare indotto dal farmaco, rispetto alle persone che non hanno assunto farmaci.

Il microbioma intestinale

Il termine “microbioma intestinale” si riferisce a tutta la popolazione microbica nell’intestino ed è considerato un altro organo molto prezioso nell’organismo umano. È composto da quasi 40 trilioni di batteri, virus e funghi, con batteri appartenenti a migliaia o più specie. La composizione dei batteri intestinali è diversa tra i diversi individui e gruppi di popolazione, in particolare influenzata dai modelli alimentari e dai farmaci.

Negli ultimi due decenni, diversi ricercatori hanno dimostrato che il microbioma intestinale è implicato nell’eziologia di una serie di condizioni di vita gravi e croniche, tra cui obesità, diabete, malattie del fegato, cancro, demenza e altri disturbi neurologici dovuti alla degenerazione del cervello.

Lo studio ha identificato quattro categorie di farmaci che hanno avuto il maggiore impatto sul microbioma, vale a dire:

Inibitori della pompa protonica (PPI), Metformina, antibiotici e lassativi.

Gli IPP sono comunemente usati per trattare disturbi digestivi come flatulenza e bruciore di stomaco. Tali condizioni incidono dall’11% al 24% della popolazione in Europa. Questi farmaci sono anche utili per il trattamento dell’ulcera peptica e per sradicare il batterio implicato Helicobacter pylori dal rivestimento dello stomaco. Vengono anche usati per trattare la metaplasia esofagea e il reflusso gastroesofageo. Gli utenti di PPI avevano un aumento del numero di batteri nel tratto digestivo superiore a causa della ridotta acidità, nonché livelli più elevati di sintesi di acidi grassi all’interno del lume intestinale.

Vedi anche, I messaggeri proteici del microbioma umano fanno luce sulla salute umana.

La metformina è usata nel trattamento del diabete di tipo 2 che colpisce il 10% della popolazione europea adulta. La metformina provoca un aumento della popolazione di un batterio potenzialmente dannoso, l‘Escherichia coli, che può causare diversi tipi di infezione.

Gli antibiotici sono usati da più di uno su tre europei ogni anno per le infezioni batteriche.

I lassativi sono usati per alleviare i movimenti intestinali o per prevenire la costipazione che colpisce il 17% degli adulti in Europa.

Il presente studio ha anche concluso che altri sette gruppi di farmaci causano cambiamenti marcati nelle popolazioni batteriche intestinali. Ad esempio, gli antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina possono causare un forte aumento del numero di Eubacterium ramulus, una specie batterica potenzialmente dannosa. E l’assunzione di steroidi orali può causare un’abbondanza di batteri che producono metano, un fenomeno già collegato all’obesità e ad un alto indice di massa corporea.

Quando si prescrivono farmaci, è importante sapere come possono influenzare il funzionamento dell’intestino del paziente già malato producendo cambiamenti fondamentali nel modello batterico intestinale. È anche importante sapere come questi cambiamenti possono a loro volta influenzare il modo in cui il paziente risponde anche ad altri trattamenti farmacologici necessari.

Il ricercatore Arnau Vich Vila afferma: “Sappiamo già che l’efficienza e la tossicità di alcuni farmaci sono influenzate dalla composizione batterica del tratto gastrointestinale e che il microbiota intestinale è collegato a molteplici condizioni di salute; pertanto, è fondamentale capire le conseguenze dei farmaci che vengono utilizzati, sul microbioma intestinale. Il nostro lavoro evidenzia l’importanza di considerare il ruolo del microbiota intestinale nella progettazione di trattamenti e indica anche nuove ipotesi che potrebbero spiegare alcuni effetti collaterali associati all’uso di farmaci”.

Immagine, flora normale dell’intestino tenue, batteri Lactobacillus, illustrazione 3D. Credito di immagine: Kateryna Kon / Shutterstock.

Fonte, News Medical


Altri articoli su batteri intestinali