HomeSaluteCervello e sistema nervosoL'aumento di acidità nel cervello può ridurre l'ansia

L’aumento di acidità nel cervello può ridurre l’ansia

L’aumento di acidità nel centro del controllo emotivo del cervello, riduce l’ansia secondo uno studio sugli animali. 

Disturbi d’ansia, che sono caratterizzati da una incapacità di controllare i sentimenti di paura e di incertezza, sono il gruppo di  malattie psichiatriche più diffuse. A livello cellulare, questi disturbi sono associati con intensa attività nell’amigdala basolaterale (BLA), che è nota per avere un ruolo centrale nel comportamento emotivo. Molte cellule di BLA possiedono canali ionici acido-sensing chiamati ASIC1a, che rispondono alle variazioni di pH nell’ambiente esterno della cellula. I ricercatori hanno scoperto che l’attivazione di ASIC1a corrisponde a diminuita attività delle cellule vicine e riduce comnportamenti di simil-ansia negli animali

L’ aumento di acidità nel centro di controllo emotivo del cervello, riduce l’ansia secondo uno studio su animali, pubblicato il 26 febbraio in The Journal of Neuroscience. I risultati suggeriscono un nuovo meccanismo per il controllo della paura e dell’ ansia e individuano un nuovo bersaglio per il trattamento di questi disturbi, oltre ad aggiungersi alle prove precedenti che implicano il ruolo di ASIC1a nello sviluppo dell’ ansia.

- Advertisement -

Lo studio è stato condotto dalla ricercatrice Maria Braga, DDS, PhD e colleghi dellla Uniformed Services University of the Health Sciences e da F. Edward Hébert  della School of Medicine. I ricercatori hanno scoperto che l’attivazione di ASIC1a ha diminuito l’attività delle cellule vicine e ridotto comportamenti ansia-simil negli animali. Questi risultati si aggiungono alle prove precedenti implicando il ruolo di ASIC1a nei disturbi d’ ansia.

” I risultati dello studio suggeriscono che l’attivazione di questi canali, in particolare nelle aree paura-correlati, come l’amigdala, può essere una chiave per regolamentare l’ansia”, ha spiegato Anantha Shekhar, MD, PhD, che studia disturbi di panico presso l’Indiana University e non è coinvolta nello studio. “Lo sviluppo di farmaci specifici che possono stimolare questi canali, potrebbe fornire un nuovo modo per trattare l’ansia e la paura, stress post-traumatico e attacchi di panico”.

Per determinare l’effetto dell’ attivazione che ASIC1a ha sulle cellule vicine, il gruppo di ricerca ha immerso cellule BLA in una soluzione acida in laboratorio e misurato i segnali inviati alle cellule vicine.

La riduzione del pH della soluzione, diminuisce l’attività delle cellule in BLA.

- Advertisement -

L’ attivazione di ASIC1a ha colpito anche il comportamento degli animali. Quando i ricercatori hanno somministrato un farmaco che blocca ASIC1a direttamente in BLA dei ratti, i topi sono stati esposti a comportamenti di ansia più degli animali che non hanno ricevuto il farmaco. Al contrario, quando i ratti hanno ricevuto un farmaco progettato per aumentare l’attività dei canali ASIC1a in BLA, gli animali hanno mostrato meno comportamenti ansia-simili.

“Il nostro studio sottolinea l’importanza di individuare e chiarire i meccanismi coinvolti nella regolazione delle funzioni cerebrali per lo sviluppo di terapie più efficaci per il trattamento di malattie psichiatriche e neurologiche”, ha detto la Dott.ssa Braga. Mentre i risultati suggeriscono che i farmaci destinati ad ASIC potrebbero un giorno portare a nuove terapie per i disturbi d’ansia, Braga ha osservato anche che “sono necessarie ulteriori ricerche per capire i ruoli che i canali ASIC1a svolgono nel cervello”.

Fonte Journal of Neuroscience, 2014; 34 (9): 3130 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.4009-13.2014

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...