Home Salute Cervello e sistema nervoso L'aumento di acidità nel cervello può ridurre l'ansia

L’aumento di acidità nel cervello può ridurre l’ansia

L’aumento di acidità nel centro del controllo emotivo del cervello, riduce l’ansia secondo uno studio sugli animali. 

Disturbi d’ansia, che sono caratterizzati da una incapacità di controllare i sentimenti di paura e di incertezza, sono il gruppo di  malattie psichiatriche più diffuse. A livello cellulare, questi disturbi sono associati con intensa attività nell’amigdala basolaterale (BLA), che è nota per avere un ruolo centrale nel comportamento emotivo. Molte cellule di BLA possiedono canali ionici acido-sensing chiamati ASIC1a, che rispondono alle variazioni di pH nell’ambiente esterno della cellula. I ricercatori hanno scoperto che l’attivazione di ASIC1a corrisponde a diminuita attività delle cellule vicine e riduce comnportamenti di simil-ansia negli animali

L’ aumento di acidità nel centro di controllo emotivo del cervello, riduce l’ansia secondo uno studio su animali, pubblicato il 26 febbraio in The Journal of Neuroscience. I risultati suggeriscono un nuovo meccanismo per il controllo della paura e dell’ ansia e individuano un nuovo bersaglio per il trattamento di questi disturbi, oltre ad aggiungersi alle prove precedenti che implicano il ruolo di ASIC1a nello sviluppo dell’ ansia.

Lo studio è stato condotto dalla ricercatrice Maria Braga, DDS, PhD e colleghi dellla Uniformed Services University of the Health Sciences e da F. Edward Hébert  della School of Medicine. I ricercatori hanno scoperto che l’attivazione di ASIC1a ha diminuito l’attività delle cellule vicine e ridotto comportamenti ansia-simil negli animali. Questi risultati si aggiungono alle prove precedenti implicando il ruolo di ASIC1a nei disturbi d’ ansia.

” I risultati dello studio suggeriscono che l’attivazione di questi canali, in particolare nelle aree paura-correlati, come l’amigdala, può essere una chiave per regolamentare l’ansia”, ha spiegato Anantha Shekhar, MD, PhD, che studia disturbi di panico presso l’Indiana University e non è coinvolta nello studio. “Lo sviluppo di farmaci specifici che possono stimolare questi canali, potrebbe fornire un nuovo modo per trattare l’ansia e la paura, stress post-traumatico e attacchi di panico”.

Per determinare l’effetto dell’ attivazione che ASIC1a ha sulle cellule vicine, il gruppo di ricerca ha immerso cellule BLA in una soluzione acida in laboratorio e misurato i segnali inviati alle cellule vicine.

La riduzione del pH della soluzione, diminuisce l’attività delle cellule in BLA.

L’ attivazione di ASIC1a ha colpito anche il comportamento degli animali. Quando i ricercatori hanno somministrato un farmaco che blocca ASIC1a direttamente in BLA dei ratti, i topi sono stati esposti a comportamenti di ansia più degli animali che non hanno ricevuto il farmaco. Al contrario, quando i ratti hanno ricevuto un farmaco progettato per aumentare l’attività dei canali ASIC1a in BLA, gli animali hanno mostrato meno comportamenti ansia-simili.

“Il nostro studio sottolinea l’importanza di individuare e chiarire i meccanismi coinvolti nella regolazione delle funzioni cerebrali per lo sviluppo di terapie più efficaci per il trattamento di malattie psichiatriche e neurologiche”, ha detto la Dott.ssa Braga. Mentre i risultati suggeriscono che i farmaci destinati ad ASIC potrebbero un giorno portare a nuove terapie per i disturbi d’ansia, Braga ha osservato anche che “sono necessarie ulteriori ricerche per capire i ruoli che i canali ASIC1a svolgono nel cervello”.

Fonte Journal of Neuroscience, 2014; 34 (9): 3130 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.4009-13.2014

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...