HomeSaluteCuore e circolazioneL'attività fisica può accelerare il rischio di infarto

L’attività fisica può accelerare il rischio di infarto

(Attività fisica/cuore-Immagine Credit Public Domain).

L’attività fisica può paradossalmente accelerare l’accumulo di depositi di calcio (placca) nelle arterie coronarie, la cui quantità viene utilizzata per valutare il rischio futuro di malattie cardiovascolari, secondo una ricerca pubblicata online sulla rivista Heart .

“Tuttavia, i risultati dello studio non superano i numerosi benefici per la salute dell’esercizio”, sottolineano i ricercatori. Il punteggio del calcio dell’arteria coronaria o punteggio CAC in breve, viene utilizzato per guidare il trattamento per scongiurare un infarto o un ictus. Le statine sono indicate alla maggior delle persone con un punteggio CAC di 100 o superiore.

- Advertisement -

L’attività fisica regolare è associata, tra le altre cose, a una riduzione dose-dipendente del rischio di obesità, diabete, infarto/ictus e morte. 

La ricerca mostra che, nonostante questi importanti benefici per la salute, le persone molto attive fisicamente sembrano avere alti livelli di depositi di calcio nelle arterie coronarie. Quindi non è chiaro se l’esercizio possa essere associato alla calcificazione (indurimento delle arterie).

Nel tentativo di esplorare ulteriormente questo aspetto, i ricercatori hanno studiato adulti sani sottoposti a regolari controlli completi presso due importanti centri sanitari a Seoul e Suwon, in Corea del Sud, tra marzo 2011 e dicembre 2017, nell’ambito del Kangbuk Samsung Health Study. 

Ad ogni controllo sanitario, i partecipanti hanno compilato un questionario che includeva domande sulla storia medica e familiare, sullo stile di vita e sul livello di istruzione. Sono stati inoltre valutati il ​​peso (BMI), la pressione sanguigna e i grassi nel sangue. L’attività fisica è stata formalmente classificata al primo controllo come inattiva, moderatamente attiva o fisicamente attiva (intensamente) “favorente la salute”, utilizzando un questionario convalidato. Le scansioni hanno monitorato lo sviluppo e/o la progressione della calcificazione dell’arteria coronaria che è stata poi valutata (punteggio CAC) in un periodo medio di 3 anni. Nell’analisi finale sono state incluse circa 25.485 persone (22.741 uomini e 2744 donne), di almeno 30 anni e con almeno due punteggi CAC.

- Advertisement -

Circa il 47% (11.920), il 38% (9683) e il 15% (3882) di loro erano, rispettivamente, inattivi, moderatamente attivi e intensamente attivi fisicamente, “attivo” è equivalente a una corsa di 6,5 km al giorno.  Coloro che erano più attivi fisicamente tendevano ad essere più anziani e meno inclini a fumare rispetto ai partecipanti meno attivi fisicamente. Avevano anche un colesterolo totale più basso, una pressione sanguigna più alta e prove esistenti di depositi di calcio nelle loro arterie coronarie.

È emersa nel tempo un’associazione graduale tra il livello di attività fisica e la prevalenza e la progressione della calcificazione dell’arteria coronaria, indipendentemente dai punteggi CAC all’inizio del periodo di monitoraggio.

I punteggi CAC medi aggiustati e stimati in tutti e tre i gruppi all’inizio del periodo di monitoraggio erano rispettivamente 9,45, 10,20 e 12,04. 

Ma una maggiore attività fisica è stata associata a una progressione più rapida dei punteggi CAC sia in coloro che non avevano depositi di calcio sia in coloro che avevano già un punteggio CAC all’inizio del periodo di monitoraggio.

Rispetto a coloro che erano inattivi, gli aumenti medi aggiustati stimati a 5 anni dei punteggi CAC nei partecipanti moderatamente e intensamente attivi erano rispettivamente di 3,20 e 8,16, anche dopo aver tenuto conto di fattori potenzialmente influenti, tra cui BMI, pressione sanguigna e grassi nel sangue.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa. I ricercatori riconoscono anche diversi limiti dello studio, inclusa l’assenza di una valutazione obiettiva dell’attività fisica e nessun dato su attacchi cardiaci/ictus incidenti o sulla densità o sul volume del CAC.

“L’attività fisica può aumentare l’aterosclerosi coronarica (restringimento dell’arteria) attraverso lo stress meccanico e la lesione della parete dei vasi e attraverso le risposte fisiologiche che richiede, come l’aumento della pressione sanguigna e dell’ormone paratiroideo”, spiegano gli autori. “L’attività fisica può anche modificare l’effetto della dieta, delle vitamine e dei minerali”, suggeriscono gli autori. “La seconda possibilità è che l’attività fisica possa aumentare i punteggi CAC senza aumentare il rischio di malattie cardiovascolari”, scrivono. “I benefici cardiovascolari dell’attività fisica sono indiscutibili”, sottolineano i ricercatori, ribadendo le linee guida nazionali che raccomandano almeno 150-300 minuti/settimana di intensità moderata o 75-150 minuti/settimana di attività fisica aerobica di intensità vigorosa. “Pazienti e medici, tuttavia, devono considerare che l’attività fisica può accelerare la progressione del calcio coronarico, probabilmente a causa della guarigione, stabilizzazione e calcificazione della placca”, concludono.

Vedi anche:L’esercizio fisico leggero protegge le persone con sindrome metabolica

In un editoriale collegato, i Dottori Gaurav Gulsin e Alastair James Moss, del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari dell’Università di Leicester, chiedono: “Questi risultati significano che dovremmo smettere di usare i punteggi del calcio dell’arteria coronaria per valutare la malattia coronarica?” Lo studio evidenzia la complessità dell’interpretazione dei punteggi CAC nei pazienti che hanno aumentato la loro attività fisica o hanno iniziato ad assumere  statine, anche associata a punteggi più alti, sottolineano. “Mentre i sostenitori sostengono che è uno strumento efficace per lo screening dell’aterosclerosi subclinica in individui asintomatici, i medici dovrebbero essere cauti riguardo all’uso eccessivo di questo test in individui altrimenti sani”, avvertono.

In un podcast collegato, il Dott. Moss spiega che la placca non calcificata, che è più instabile e più soggetta a rotture, può essere più importante e dovrebbe essere valutata per valutare il rischio futuro di una persona di infarto o ictus.

“L’obiettivo potrebbe essere che dobbiamo cercare la placca non calcificata piuttosto che la placca calcificata”, suggerisce. Questo non era visibile sulle scansioni utilizzate in questo studio. “L’aumento dei tassi di calcificazione dell’arteria coronaria è un fenomeno che si osserva sia in risposta a trattamenti efficaci come la terapia con statine che all’esercizio. Ma non si deve necessariamente considerare che l’imaging seriale con scansioni del calcio è il modo migliore per valutare accuratamente il rischio di malattie cardiovascolari in questi individui. Ma ribadisce: “Chiaramente, l’esercizio fisico è uno dei modi migliori per cercare di controllare il rischio cardiovascolare nelle [persone senza sintomi]”.

Fonte:Hearth

 

ULTIMI ARTICOLI

L’attività fisica può accelerare il rischio di infarto

(Attività fisica/cuore-Immagine Credit Public Domain). L'attività fisica può paradossalmente accelerare l'accumulo di depositi di calcio (placca) nelle arterie coronarie, la cui quantità viene utilizzata per...

Glaucoma: i farmaci per il diabete prevengono il rischio

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Una classe popolare di farmaci per il diabete chiamati agonisti del GLP-1R (Trulicity e Rybelsus) può anche proteggere dal glaucoma i...

Colite: ectoenzima idrolizzante migliora i sintomi

(Colite-Immagine: E-NTPD8 nelle cellule epiteliali del colon mantiene l'omeostasi intestinale attraverso l'idrolisi dell'ATP luminale prodotto dai batteri commensali (a sinistra). Un aumento del livello di...

Cancro alla prostata: speranza dall’erinina nell’orchidea

(Cancro alla prostata-Immagine Dendrobium chrysotoxum Credit Public Domain). La ricerca condotta dal Centenary Institute ha scoperto che un composto estratto da un'orchidea comunemente coltivata potrebbe...

Carcinoma ovarico: promettente combinazione di farmaci

(Carcinoma ovarico-Immagine: icrografia con ingrandimento intermedio di un tumore ovarico mucinoso a basso potenziale maligno (LMP). H&E macchia. La micrografia mostra: epitelio mucinoso semplice (a destra)...