HomeSaluteDiabeteGlaucoma: i farmaci per il diabete prevengono il rischio

Glaucoma: i farmaci per il diabete prevengono il rischio

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain).

Una classe popolare di farmaci per il diabete chiamati agonisti del GLP-1R (Trulicity e Rybelsus) può anche proteggere dal glaucoma i pazienti diabetici, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dello Scheie Eye Institute presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sul British Journal of Ophthalmology.

- Advertisement -

I ricercatori hanno esaminato i dati retrospettivi di 1.961 pazienti diabetici che erano nuovi utilizzatori di questa classe di farmaci e li hanno abbinati a 4.371 soggetti di controllo non esposti. Dopo 150 giorni in media, 10 pazienti nel gruppo medicato hanno ricevuto una nuova diagnosi di glaucoma (0,5 percento) rispetto a 58 pazienti (1,3 percento) nel gruppo di controllo. I risultati suggeriscono che gli agonisti del recettore GLP-1 possono ridurre della metà il rischio di un paziente diabetico di sviluppare il glaucoma.

I risultati sono supportati da uno studio della Penn Medicine del 2020 che ha scoperto che gli agonisti del GLP-1R riducono la neuroinfiammazione e prevengono la morte delle cellule gangliari della retina nei topi. Questa classe di farmaci ha anche mostrato effetti protettivi simili contro l’Alzheimer e il Parkinson in modelli animali e sono in corso studi clinici per testare questi farmaci contro le malattie neurodegenerative negli esseri umani.

Il glaucoma colpisce 3 milioni di americani ed è la seconda causa di cecità nel mondo. Le persone con diabete hanno il doppio delle probabilità di sviluppare questa condizione dell’occhio.

Vedi anche:Glaucoma: la caffeina aumenta il rischio

- Advertisement -

Spiegano gli autori:

 Gli agonisti del recettore del peptide-1 simile al glucagone (GLP-1R) regolano la glicemia e sono comunemente usati per trattare il diabete mellito di tipo 2. Lavori recenti hanno mostrato che il trattamento con l’agonista GLP-1R NLY01 ha ridotto la neuroinfiammazione retinica e l’attivazione gliale per salvare le cellule gangliari della retina in un modello murino di glaucoma. In questo studio, abbiamo utilizzato un database di sinistri assicurativi (Clinformatics Data Mart) per esaminare se l’esposizione all’agonista GLP-1R influisce sul rischio di glaucoma. Conclusioni: l’ uso di agonisti del GLP-1R è stato associato a una riduzione del rischio statisticamente significativa di una nuova diagnosi di glaucoma. I nostri risultati supportano ulteriori indagini sull’uso degli agonisti del GLP-1R nella prevenzione del glaucoma“.

“È stato molto incoraggiante vedere che un popolare farmaco per il diabete potrebbe ridurre significativamente il rischio di sviluppare il glaucoma e il nostro studio suggerisce che questi farmaci giustificano ulteriori studi in questa popolazione di pazienti”, afferma Qi N. Cui, MD, Ph.D., con Brian VanderBeek, MD, MPH, entrambi assistenti professori di oftalmologia alla Penn.

Fonte:British Journal of Ophthalmology 

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: i farmaci per il diabete prevengono il rischio

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Una classe popolare di farmaci per il diabete chiamati agonisti del GLP-1R (Trulicity e Rybelsus) può anche proteggere dal glaucoma i...

Colite: ectoenzima idrolizzante migliora i sintomi

(Colite-Immagine: E-NTPD8 nelle cellule epiteliali del colon mantiene l'omeostasi intestinale attraverso l'idrolisi dell'ATP luminale prodotto dai batteri commensali (a sinistra). Un aumento del livello di...

Cancro alla prostata: speranza dall’erinina nell’orchidea

(Cancro alla prostata-Immagine Dendrobium chrysotoxum Credit Public Domain). La ricerca condotta dal Centenary Institute ha scoperto che un composto estratto da un'orchidea comunemente coltivata potrebbe...

Carcinoma ovarico: promettente combinazione di farmaci

(Carcinoma ovarico-Immagine: icrografia con ingrandimento intermedio di un tumore ovarico mucinoso a basso potenziale maligno (LMP). H&E macchia. La micrografia mostra: epitelio mucinoso semplice (a destra)...

SARS-CoV-2: gli anticorpi del ceppo originale non si legano alle varianti

Le persone infettate dal ceppo originale del virus SARS-CoV-2 all'inizio della pandemia hanno prodotto una risposta anticorpale coerente, facendo sì che due gruppi principali...