Farmaci comunemente usati influenzano i batteri intestinali

batteri intestinali

Immagine: i farmaci comunemente usati influenzano i nostri batteri intestinali. Credito: Iulia Cartasiova / EMBL.

Un farmaco su quattro inibisce la crescita dei batteri nell’intestino umano. Questi farmaci causano effetti collaterali di tipo antibiotico e possono promuovere la resistenza agli antibiotici, secondo quanto riportano i ricercatori dell’EMBL in Nature il 19 marzo 2018.

Il team di ricerca ha esaminato oltre 1000 farmaci commercializzati contro 40 batteri rappresentativi dall’intestino  e ha scoperto che più di un quarto dei non antibiotici (250 su 923) influenzano la crescita di almeno una specie del microbioma. I leader del gruppo EMBL Peer Bork, Kiran Patil, Nassos Typas e Georg Zeller hanno guidato il lavoro.

Fenomeno diffuso

L’intestino umano contiene un gran numero di specie di batteri, indicati collettivamente come il microbioma intestinale. Nell’ultimo decennio, è diventato chiaro che la composizione del microbioma intestinale influenza la salute umana. È noto che gli antibiotici hanno un grande impatto su questo microbioma, ad esempio causando effetti collaterali gastrointestinali.

( Vedi anche:I batteri intestinali possono provocare malattie autoimmuni).

Recentemente, alcuni farmaci non antibiotici comunemente usati hanno dimostrato di causare cambiamenti nella composizione del microbioma intestinale, ma la piena estensione di questo fenomeno era sconosciuta fino ad ora. Il documento attuale è il primo a definire sistematicamente le interazioni dirette tra farmaci commercializzati e singoli batteri intestinali. Non solo anti-infettivi, ma i farmaci di tutte le classi terapeutiche hanno inibito la crescita di diversi microbi intestinali.

“Il numero di farmaci non correlati che hanno colpito i microbi intestinali come danno collaterale è stato sorprendente”, afferma Peer Bork. “Specialmente dal momento che dimostriamo che il numero effettivo è probabilmente ancora più alto, questo cambiamento nella composizione dei nostri  intestinali contribuisce agli effetti collaterali dei farmaci, ma potrebbe anche essere parte dell’azione benefica del farmaco”.

Kiran Patil aggiunge: “Questo è solo l’inizio, non sappiamo ancora come la maggior parte di questi farmaci bersaglia i microbi, come questi effetti si manifestino nell’ospite umano e quali siano i risultati clinici. Dobbiamo studiare attentamente queste relazioni, perchè questa conoscenza potrebbe migliorare notevolmente la nostra comprensione e l’efficacia dei farmaci esistenti “.

Rischi inosservati

Lo studio evidenzia anche il rischio, in precedenza inosservato, che il consumo di farmaci non antibiotici possa promuovere la resistenza agli antibiotici, poiché i meccanismi generali di resistenza dei microbi ai farmaci a bersaglio umano e agli antibiotici sembrano in gran parte sovrapporsi.

“Questo è spaventoso”, afferma Nassos Typas, “considerando che assumiamo molti farmaci non antibiotici nella nostra vita, spesso per lunghi periodi.Tuttavia, non tutti i farmaci avranno un impatto sui batteri intestinali e non tutte le resistenze saranno comuni. La resistenza a specifici non antibiotici innescherà la sensibilità a specifici antibiotici, aprendo percorsi per progettare combinazioni di farmaci ottimali“.

Medicina personalizzata

“Siamo entusiasti di andare avanti ed esplorare le interazioni farmaco-microbo in comunità microbiche intestinali complesse, in quanto ciò ci aiuterà a capire come le persone a volte rispondono in modo diverso allo stesso farmaco”, afferma Georg Zeller. ” Ognuno di noi ospita un microbioma intestinale unico. Portiamo tutti diverse specie batteriche – oltre a quelle comuni – e in più trasportiamo diversi ceppi della stessa specie. Questi ceppi possono avere funzionalità molto diverse, compresa la risposta ai farmaci. Pertanto, è probabile che molte interazioni farmaco-microbo siano individuali, aprendo percorsi per terapie farmacologiche personalizzate mirate al singolo microbioma intestinale”.

Fonte: Nature

Altri articoli su batteri intestinali