L’analisi del sangue può predire il rischio futuro di eventi cardiovascolari

malattie cardiovascolari

Secondo un nuovo studio, l’analisi del sangue può predire il rischio futuro di eventi cardiovascolari.

Nonostante le malattie cardiache e il diabete di tipo 2 siano tra le principali cause di morte negli Stati Uniti, la conoscenza dei meccanismi che portano e collegano queste due malattie. rimangono intesi in modo incompleto. Un nuovo studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital può aiutare a far luce su un percorso molecolare condiviso dalle malattie cardiache e diabete e indica un biomarcatore che è elevato nelle donne a rischio di malattie cardiovascolari e diabete. I risultati del team sono stati presentati da Diedre Tobias, ScD, alla riunione sull’epidemiologia e lo stile di vita di AHA e contemporaneamente pubblicati su Circulation: Genomic and Precision Medicine .

“Abbiamo esaminato più di 27.000 donne e abbiamo scoperto che una misurazione una tantum di aminoacidi a catena ramificata nel flusso sanguigno – un test che ora può essere fatto facilmente – prevedeva il rischio futuro di eventi cardiovascolari nella stessa misura e indipendentemente dal colesterolo LDL e da altri fattori di rischio “, ha detto l’autore corrispondente Samia Mora, del Centro per Metabolomica Lipidica presso BWH. “Questo è particolarmente vero per le donne che hanno sviluppato il diabete di tipo 2 prima della loro malattia cardiovascolare”.

( Vedi anche:Scansioni della densità ossea possono anche aiutare a identificare le malattie cardiovascolari).

Si ritiene che gli amminoacidi a catena ramificata (BCAA) svolgano un ruolo causale nello sviluppo della resistenza all’insulina e del diabete di tipo 2. Tuttavia, pochi studi hanno valutato l’associazione tra BCAA e malattie cardiovascolari. Per indagare questa associazione, il team ha misurato i livelli di BCAA nei campioni di sangue usando la spettrometria NMR. Delle oltre 27.000 donne studiate, 2.207 hanno avuto un evento cardiovascolare durante il periodo di follow-up di 18 anni.

Il team ha trovato un’associazione positiva tra i livelli di BCAA e l’incidenza di eventi cardiovascolari. Questa associazione era molto più pronunciata nelle donne che hanno sviluppato il diabete prima di sperimentare un evento cardiovascolare. Il team ha adeguato la ricerca ad altri biomarcatori correlati al diabete – tra cui l’hbA1c – alla ricerca di prove che i BCAA possano essere legati ai biomarker a valle del metabolismo del diabete di tipo 2.

“Il metabolismo degli amminoacidi a catena ramificata alterato può rappresentare un percorso condiviso della fisiopatologia metabolica che collega i rischi di T2D e CVD”, concludono gli autori.

“In questo momento non si sa molto su cosa porti a livelli elevati di BCAA o cosa si possa fare clinicamente per ridurli e se questo porta ad una riduzione del rischio, ma ulteriori ricerche riguarderanno queste importanti questioni”, ha detto Tobias.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su malattie cardiovascolari