Come l’alcol danneggia il DNA e aumenta il rischio di cancro

alcol

Gli scienziati hanno dimostrato come l’alcol danneggia il DNA nelle cellule staminali, contribuendo a spiegare perché bere aumenta il rischio di cancro.

La ricerca, finanziata dal Cancer Research UK, è stata pubblicata su Nature oggi.

Molte ricerche precedenti hanno esaminato i modi precisi in cui l’alcol provoca il cancro nelle colture cellulari. Ma in questo studio, i ricercatori hanno usato topi per mostrare come l’esposizione all’alcol porta a danni genetici permanenti.

Gli scienziati del MRC Laboratory of Molecular Biology di Cambridge hanno somministrato ai topi alcol diluito, chimicamente noto come etanolo. Hanno quindi usato l’analisi cromosomica e il sequenziamento del DNA per esaminare il danno genetico causato dall’acetaldeide, una sostanza chimica dannosa prodotta quando il corpo elabora l’alcol.

I ricercatori hanno scoperto che l’acetaldeide può rompere e danneggiare il DNA all’interno delle cellule staminali del sangue portando a riarrangiamenti cromosomi e alterando in modo permanente le sequenze di DNA all’interno di queste cellule .

È importante capire come il progetto del DNA all’interno delle cellule staminali viene danneggiato perché quando le cellule staminali sane diventano difettose, possono dare origine al cancro.

Queste nuove scoperte ci aiutano quindi a capire come l’assunzione di alcol aumenta il rischio di sviluppare 7 tipi di tumore, inclusi tipi comuni come il tumore della mammella e dell’intestino.

Il Professor Ketan Patel, autore principale dello studio in parte finanziato da Cancer Research UK, presso il MRC Laboratory of Molecular Biology, ha dichiarato: “Alcuni tumori si sviluppano a causa del danno al DNA nelle cellule staminali e bere alcolici può aumentare il rischio di questo danno “.

Lo studio ha anche esaminato come il corpo cerca di proteggersi dai danni causati dall’alcol. La prima linea di difesa è una famiglia di enzimi chiamati aldeide deidrogenasi (ALDH). Questi enzimi abbattono l’acetaldeide dannosa in acetato che le nostre cellule possono utilizzare come fonte di energia.

In tutto il mondo, milioni di persone, in particolare quelle del Sud-est asiatico, mancano di questi enzimi o ne portano versioni difettose. Quindi, quando bevono, si forma l’acetaldeide che causa un pelle arrossata e porta anche a una sensazione di malessere.

( Vedi anche:Oppiacei ed alcol, una combinazione che può essere letale).

Nello studio, l’alcol somministrato ai topi privi dell’enzima ALDH critico – ALDH2 – , ha provocato un danno al DNA quattro volte maggiore rispetto ai topi con l’enzima ALDH2 pienamente funzionante.

La seconda linea di difesa utilizzata dalle cellule è una varietà di sistemi di riparazione del DNA che, nella maggior parte dei casi, consentono loro di correggere e invertire diversi tipi di danni al DNA. Ma non sempre questi sistemi funzionano e alcune persone portano mutazioni il che significa che le loro cellule non sono in grado di eseguire queste riparazioni in modo efficace.

Il Professor Patel ha aggiunto: “Il nostro studio evidenzia che non essere in grado di elaborare efficacemente l’alcol può portare a un rischio ancora maggiore di danni al DNA correlati all’alcol e quindi a determinati tumori, ma è importante ricordare che la clearance dell’alcol ed i sistemi di riparazione del DNA non sono perfetti e l’alcol può ancora causare il cancro in modi diversi, anche nelle persone i cui meccanismi di difesa sono intatti “.

Questa ricerca è stata finanziata dal Cancer Research UK, Wellcome e dal Medical Research Council (MRC).

La Prof.ssa Linda Bauld, esperta del Cancer Research UK sulla prevenzione del cancro, ha dichiarato: “Questa stimolante ricerca evidenzia il danno che l’alcol può fare alle nostre cellule, costando ad alcune persone più di una semplice sbronza. Sappiamo che l’ alcol contribuisce a oltre 12.000 casi di cancro nel Regno Unito ogni anno, quindi è una buona idea pensare di ridurre la quantità che si beve”.

Fonte: Nature

Altri articoli su alcol