Home Salute Cuore e circolazione La terapia proteica potrebbe migliorare i risultati di un infarto

La terapia proteica potrebbe migliorare i risultati di un infarto

Le malattie cardiache rimangono il più grande assassino in Australia e nel mondo. Un nuovo studio ha dimostrato che un fattore di crescita ricombinante-derivato dalle piastrine umane AB (rhPDGF-AB) potrebbe migliorare i risultati a seguito di infarto.

Dopo un infarto si forma un tessuto cicatriziale che influisce negativamente sulla funzione cardiaca. Ora, i ricercatori del Westmead Institute for Medical Research (WIMR) e dell’Università di Sydney hanno scoperto che, infondere rhPDGF in soggetti che hanno avuto attacchi di cuore, migliora la qualità della cicatrice, porta alla formazione di nuovi vasi sanguigni nel cuore e tassi ridotti di aritmia cardiaca pericolosa (irregolarità del ritmo cardiaco che possono causare morte improvvisa).

Questo studio è stato realizzato con un modello pre-clinico di grandi animali.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica Science Translational Medicine.

L’autore corrispondente che ha guidato il gruppo di ricerca, il Professore associato James Chong, ha dichiarato: “Questo è un approccio completamente nuovo che migliora la funzione cardiaca e la formazione di cicatrici a seguito di infarto. Il trattamento con rhPDGF-AB ha portato ad un aumento complessivo del tasso di sopravvivenza nel nostro studio. Sebbene il trattamento non abbia influito sulla dimensione complessiva della cicatrice, è importante notare che rhPDGF-AB ha portato ad un aumento dell’allineamento e della resistenza della fibra di collagene, una funzione cardiaca migliorata dopo l’attacco cardiaco. Il nostro collaboratore, il Professor Richard Harvey, del Victor Chang Cardiac Research Institute, aveva precedentemente dimostrato che la proteina può migliorare la funzione cardiaca nei modelli murini a seguito di infarto.Questo progetto è stato sviluppato per oltre 10 anni e ora disponiamo di dati convincenti per l’efficacia di questo trattamento”, dice il ricercatore.

Vedi anche, Biomarker prevede il rischio di morte nei pazienti con insufficienza cardiaca

A seguito di un infarto, il muscolo cardiaco viene danneggiato e produce tessuto cicatriziale spesso. Ciò può limitare la capacità del cuore di funzionare in modo efficiente e può aumentare il rischio di insufficienza cardiaca e morte cardiaca improvvisa.

Gli attuali trattamenti mirano a ripristinare il sangue e l’apporto di ossigeno al cuore il più rapidamente possibile per ridurre le cicatrici. Il trattamento migliora i risultati clinici, ma fino a un quarto dei pazienti che hanno avuto il loro primo attacco cardiaco svilupperà insufficienza cardiaca entro un anno.

Il Professore associato Chong ha dichiarato: “Mentre abbiamo in atto protocolli di trattamento, è chiaro che c’è un bisogno urgente e insoddisfatto di ulteriori trattamenti per migliorare gli esiti dei pazienti, in particolare dopo gravi attacchi di cuore. Le malattie cardiache sono la principale causa di morte in Australia. Si ritiene che più di 400.000 australiani abbiano avuto un infarto ad un certo punto della loro vita e che ci sia circa un infarto ogni 10 minuti. Attraverso le nostre ricerche, abbiamo opportunità di modificare l’impatto negativo di queste statistiche. Sono necessari ulteriori studi sugli animali per chiarire la sicurezza e il dosaggio del trattamento con rhPDGF-AB, ma possiamo già iniziare a pensare agli studi clinici sull’uomo. RhPDGF-AB è chiaramente un’opzione terapeutica promettente e potrebbe essere potenzialmente utilizzata insieme ai trattamenti esistenti per migliorare gli esiti dei pazienti con infarto e tassi di sopravvivenza. Ora speriamo di approfondire ulteriormente il trattamento che potrebbe essere utilizzato in altri sistemi di organi colpiti dal tessuto cicatriziale, come i reni“.

Fonte: News Medical

ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...