Home Salute Cervello e sistema nervoso Esercizio fisico e uno stile di vita sano riducono il rischio di...

Esercizio fisico e uno stile di vita sano riducono il rischio di demenza

Un altro motivo per iniziare ad allenarsi regolarmente questo nuovo anno!

La ricerca suggerisce che l‘esercizio fisico regolare non solo migliora la salute del cuore, ma può anche rallentare il declino cognitivo e potenzialmente ritardare l’insorgenza della demenza. Il nuovo studio, condotto dai ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative, è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Mayo Clinic Proceedings.

Il team di ricercatori ha concluso che l’esercizio fisico regolare può aiutare a migliorare la forma cardiovascolare che a sua volta può aiutare a migliorare la salute del cervello. Anche il volume totale del cervello e la materia grigia sono aumentati con l’esercizio fisico regolare e anche le regioni del cervello associate al declino cognitivo e all’invecchiamento sono migliorate.

Il team ha spiegato che la materia grigia del cervello è associata all’abilità cognitiva ed è una delle regioni principali che è colpita dalla demenza e dal declino cognitivo che si osserva con l’età. Con l’esercizio fisico, la quantità di ossigeno che raggiunge il cervello aumenta e si ipotizza che questo sia il motivo dietro l’aumento del volume di materia grigia del cervello.

L’esercizio fisico regolare e uno stile di vita sano possono ridurre il rischio di demenza. Lo studio ha incluso 2013 adulti appartenenti a due coorti che vivono nella Germania nord-orientale. I partecipanti sono stati seguiti tra il 1997 e il 2012. La forma cardiaca e respiratoria sono state misurate utilizzando l’assunzione di ossigeno in ciascun paziente. È stata anche registrata e analizzata una risonanza magnetica del cervello. I risultati dello studio hanno rivelato che un regolare esercizio cardiorespiratorio può aiutare a migliorare la salute del cervello e anche a ritardare il declino cognitivo. Il team guidato dalla prima autrice Katharina Wittfeld, Ph.D., ricercatrice presso il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative, ha spiegato che una buona forma cardiorespiratoria comprende un esercizio fisico moderato che dura circa 150 minuti a settimana. Inoltre, smettere di fumare, seguire una dieta sana ed equilibrata, mantenere un peso corporeo sano, mantenere livelli normali di pressione sanguigna, glicemia e colesterolo, ecc., è fondamentale per migliorare la salute cognitiva.

Lo studio è stato realizzato con la collaborazione della University Medicine Greifswald in Germania.

Secondo l’editoriale di accompagnamento dell’articolo, i risultati di questo studio sono “incoraggianti, intriganti e contribuiscono alla crescente letteratura relativa all’esercizio fisico e alla salute del cervello“. L’editoriale è stato pubblicato insieme ai principali risultati dello studio. Il primo autore dell’editoriale, il Dott. Ronald Petersen, neurologo della Mayo Clinic e Cora Kanow, Professore di ricerca sulla malattia di Alzheimer, ha spiegato che questo studio è unico e straordinario grazie alla misurazione degli effetti dell’esercizio sulle strutture cerebrali e sulle funzioni: “Ciò fornisce prove indirette che l’esercizio aerobico può avere un impatto positivo sulla funzione cognitiva oltre al condizionamento fisico. Un’altra caratteristica importante dello studio è che questi risultati possono applicarsi anche agli adulti più anziani. Ci sono buone prove del valore dell’esercizio nella mezza età, ma è incoraggiante che possano esserci effetti positivi sul cervello anche nella vita successiva”, dice il  Dr. Ronald Petersen.

I dati dello studio sono “incoraggianti”, ma ci sono alcune limitazioni

Nonostante i risultati, si deve ricordare che l’esercizio e la prevenzione della malattia di Alzheimer non sono stati studiati qui. Uno dei coautori dello studio Michael Joyner, anestesista e fisiologo della Mayo Clinic e Frank R. e Shari Caywood professore alla Mayo Clinic, ha dichiarato: “Questo è un altro pezzo del puzzle che mostra che l’attività fisica è protettiva contro il declino cognitivo legato all’invecchiamento. Esistono già buone prove epidemiologiche per questo, oltre a dati emergenti che dimostrano che l’attività fisica e la forma fisica sono associate a una migliore funzione dei vasi sanguigni cerebrali. Questo documento è importante grazie ai dati volumetrici che mostrano un effetto dell’esercizio fisico sulla struttura del cervello “.

Clifford Jack Jr., un altro coautore dell’editoriale e neuroradiologo della Mayo Clinic, ha dichiarato: “Tuttavia, questi dati sono incoraggianti. I risultati riguardanti l’idoneità cardiorespiratoria e alcune strutture cerebrali, sono unici“.

Vedi anche, L’ olio extravergine di oliva evita molteplici forme di demenza

In precedenza è stato dimostrato che l’esercizio fisico migliora la memoria. Uno studio simile è stato pubblicato sulla rivista NeuroImage due anni fa. Questo studio è stato intitolato “L’esercizio fisico aumenta le dimensioni del cervello, scoperte di nuove ricerche” e ha anche suggerito che l’esercizio aerobico può aiutare a migliorare le funzioni della memoria, nonché a migliorare la salute del cervello e prevenire il declino delle funzioni cerebrali legate all’età. Questo studio condotto da ricercatori del National Institute of Complementary Medicine presso la Western Sydney University e la Division of Psychology and Mental Health presso l’Università di Manchester nel Regno Unito, ha incluso ricercatori provenienti da più di una nazione e il team ha esaminato l’effetto dell’esercizio fisico sul regione dell’ippocampo del cervello, la regione della memoria e altre funzioni cerebrali. Con l’età, il cervello si restringe al ritmo del cinque percento ogni 10 anni dopo i 40 anni.

Per questo studio il team ha analizzato i risultati di 14 studi clinici che hanno esaminato le scansioni cerebrali di 737 partecipanti di età compresa tra 24 e 76 anni. Gli effetti dell’allenamento aerobico, del ciclismo fisso, della corsa sul tapis roulant e della camminata, sono stati valutati dopo che gli interventi sono stati applicati da 3 a 24 mesi (al ritmo di 2-5 sessioni a settimana). I risultati hanno mostrato che l’esercizio fisico aumenta significativamente le dimensioni della parte sinistra dell’ippocampo, ma non il volume totale dell’ippocampo nell’uomo.

Joseph Firth, autore principale dello studio e ricercatore post-dottorato NICM, ha dichiarato: “Quando ti alleni, produci una sostanza chimica chiamata fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) che può aiutare a prevenire il declino legato all’età riducendo il deterioramento del cervello. I nostri dati hanno mostrato che, anziché aumentare effettivamente le dimensioni dell’ippocampo in sé, i principali “benefici per il cervello” sono dovuti all’esercizio aerobico che rallenta il deterioramento delle dimensioni del cervello ... In altre parole, l’esercizio può essere visto come un programma di mantenimento per il cervello “.

Fonte, Mayo Clinic Proceedings


ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...