Home Primo piano La sperimentazione clinica di Remdesivir secondo l'OMS (Aggiornamento)

La sperimentazione clinica di Remdesivir secondo l’OMS (Aggiornamento)

Immagine: l‘OMS ha affermato che un documento sull’efficacia del farmaco nel trattamento del nuovo coronavirus attende ancora peer review. Fotografia: Reuters.

Secondo quanto riportato dall’ OMS, il trattamento sperimentale con Remdesivir per il coronavirus SARS-CoV-2 è fallito nel suo primo studio clinico randomizzato. Remdesivir, un farmaco ritenuto una delle migliori prospettive per il trattamento di Covid-19, non ha mostrato alcun effetto.

I risultati, rilasciati giovedì, hanno smorzato le aspettative per questo farmaco attentamente osservato.

- Advertisement -

Una bozza di riepilogo è stata brevemente pubblicata online sul sito Web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ed è stata riportata per la prima volta dal Financial Times and Stat, che ha pubblicato uno screenshot. Ma Gilead Sciences, la società che sviluppa il farmaco, ha contestato il modo in cui il post ora cancellato, aveva caratterizzato i risultati, affermando che i dati mostravano un “potenziale beneficio”.

Il sommario afferma che lo studio cinese ha coinvolto 237 pazienti, di cui 158 con il farmaco e 79 in un gruppo di controllo. Remdesivir è stato interrotto presto in 18 pazienti a causa di effetti collaterali.

Gli autori hanno affermato che Remdesivir “non è stato associato a una differenza nel tempo rispetto al miglioramento clinico”, rispetto al controllo. Dopo un mese, il 13,9 percento dei pazienti trattati con Remdesivir era deceduto rispetto al 12,8 percento di quelli del gruppo di controllo. La differenza non è statisticamente significativa.

L’OMS ha dichiarato al Financial Times che il progetto è in fase di revisione tra pari ed è stato pubblicato all’inizio per errore.

- Advertisement -

Le prove continuano

Un portavoce di Gilead ha dichiarato ad AFP: “Riteniamo che il post includesse caratterizzazioni inadeguate dello studio”, affermando che è stato interrotto presto a causa della scarsa iscrizione e quindi non era statisticamente significativo.

“In quanto tale, i risultati dello studio sono inconcludenti, sebbene le tendenze nei dati suggeriscano un potenziale beneficio per Remdesivir, in particolare tra i pazienti trattati all’inizio della malattia”, ha aggiunto il portavoce.

Lo studio non rappresenta l’ultima parola sull’argomento e ci sono diverse prove su larga scala in fasi avanzate che dovrebbero presto fornire un quadro più chiaro.

Vedi anche:Remdesivir interrompe la replicazione del virus SARS-CoV-2

Remdesivir, che viene somministrato per via endovenosa, è stato tra i primi farmaci suggeriti come trattamento per il nuovo coronavirus e per questo, ci sono molte speranze su di esso.
Stephen Evans, Professore di farmacoepidemiologia presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine, che non era coinvolto nella ricerca, ha dichiarato che “il numero di pazienti che sono stati reclutati per lo studio, è un numero troppo piccolo” per rilevare benefici o rischi.
Ma ha aggiunto: “Se il farmaco funziona bene solo se somministrato molto presto dopo l’infezione potrebbe essere poco utile nella pratica”.
La scorsa settimana, Stat ha riferito di aver dimostrato una significativa efficacia del farmaco in un Ospedale di Chicago in cui vengono trattati i pazienti che fanno parte di uno dei principali studi. Anche il National Institutes for Health degli Stati Uniti ha riferito che il farmaco si è dimostrato efficace in un piccolo esperimento sulle scimmie. Remdesivir, che in precedenza aveva fallito nelle sperimentazioni contro l’Ebola, appartiene a una classe di farmaci che agiscono direttamente sul virus e non sulla risposta autoimmune anomala e spesso letale che il virus provoca.
Imita uno dei quattro elementi costitutivi di RNA e DNA e viene assorbito dal genoma del virus, che a sua volta impedisce al patogeno di replicarsi.
A causa dell’interesse per questo farmaco, la più grande sperimentazione al mondo di possibili trattamenti per Covid-19 a Oxford, non è stata in grado di includerlo, perché i ricercatori non sono stati in grado di ottenere forniture di Remdesivir.
I farmaci antimalarici Idrossiclorochina e Clorochina sono anche ampiamente utilizzati per trattare COVID-19con la cosiddetta “cura compassionevole” in attesa dei risultati di grandi studi, con esiti iniziali decisamente contrastanti.
Altre terapie che si stanno studiando includono la raccolta di anticorpi dai sopravvissuti a COVID-19 e la loro somministrazione nei pazienti o la raccolta di anticorpi da topi geneticamente modificati che sono stati deliberatamente infettati.

ULTIMI ARTICOLI

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...

Indice di massa corporea e COVID 19 grave

Immagine: COVID 19 e obesità.Credit: Public Domain. La pandemia COVID-19 ha colpito oltre 60 milioni di persone in tutto il mondo, di cui quasi 1,43...