HomeSaluteVirus e parassitiLa "nebbia cerebrale" dopo il recupero da COVID-19 e il disturbo da...

La “nebbia cerebrale” dopo il recupero da COVID-19 e il disturbo da stress post-traumatico

Immagine: Public Domain.

“Le persone che soffrono di “nebbia cerebrale” e altri problemi neurologici a seguito dell’infezione da COVID-19 potrebbero soffrire di PTSD”, riferiscono i ricercatori della UCLA.

Un nuovo rapporto suggerisce che la persistente “nebbia cerebrale” e altri sintomi neurologici dopo il recupero da COVID -19 potrebbero essere dovuti al disturbo da stress post-traumatico (PTSD), un effetto osservato in precedenti epidemie di coronavirus umano come SARS e MERS.

- Advertisement -

Le persone che si sono riprese da COVID-19 a volte sperimentano persistenti difficoltà di concentrazione, così come mal di testa, ansia, stanchezza o disturbi del sonno. I pazienti possono temere che l’infezione abbia danneggiato in modo permanente il loro cervello, ma i ricercatori dicono che non è necessariamente così.

Un articolo scritto in una collaborazione tra il Professore clinico e neuropsicologo Andrew Levine, MD, della David Geffen School of Medicine dell’UCLA e la dottoranda Erin Kaseda, della Rosalind Franklin University of Medicine and Science, a Chicago, esplora i dati storici sui sopravvissuti a precedenti coronavirus che hanno causato la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria mediorientale (MERS).

Il documento è stato pubblicato su The Clinical Neuropsychologist.

“L’idea è di sensibilizzare i neuropsicologi sul fatto che il disturbo da stress post-traumatico è qualcosa che potresti prendere in considerazione quando valuti le difficoltà cognitive ed emotive persistenti tra i sopravvissuti al COVID-19”, ha detto il Dr. Levine.

- Advertisement -

Se i sintomi sono dovuti, anche parzialmente, a una condizione psichiatrica come il disturbo da stress post-traumatico, il trattamento aiuterà a gestire quei sintomi e fornirà una visione più chiara di eventuali problemi cerebrali sottostanti.

“Una volta che i pazienti si sono curati, e si spera che abbiano qualche remissione dei loro sintomi psichiatrici, se i disturbi cognitivi e i deficit nei test neuropsicologici sono ancora presenti, allora questa è un’ulteriore prova che sta succedendo qualcos’altro”, ha detto Kaseda.

Una revisione dei dati dei focolai di SARS e MERS ha mostrato che quei sopravvissuti avevano un aumentato rischio di PTSD. Nel caso di COVID-19, i sintomi del PTSD possono insorgere in risposta alle misure invasive necessarie per trattare i pazienti, inclusa l’intubazione e la ventilazione, che possono essere traumatiche per i pazienti. Altre volte, il delirio fa sì che i pazienti con COVID-19 soffrano di allucinazioni e il ricordo di queste sensazioni terrificanti continua ad affliggere il paziente guarito.

Vedi anche:Enzima naturale ha il potenziale per trattare COVID 19

Oltre ai pazienti ricoverati, anche gli operatori sanitari in prima linea possono essere colpiti in modo simile a causa del costante stress e della paura che devono affrontare sul lavoro. E per alcune persone, l’ansia di vivere una pandemia, essere isolati dagli amici e combattere la paura costante di una minaccia invisibile può infliggere un colpo simile al pensiero e alle capacità di memoria.

Anche se una diagnosi di disturbo da stress post-traumatico potrebbe non sembrare una buona notizia, ci sono molti trattamenti disponibili per il disturbo, tra cui psicoterapia e farmaci. I ricercatori stanno ancora lavorando per comprendere gli effetti neurologici diretti di COVID-19.

“In realtà non sappiamo ancora nulla dai sopravvissuti a COVID-19”, ha detto Kaseda. “Fino a quando non avremo questi dati, è molto difficile dire quale percentuale effettiva di pazienti avrà disturbi cognitivi a causa degli effetti diretti del virus, a causa di un intervento medico o per preoccupazioni psichiatriche”.

Fonte: Neurosciencenews

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...