Home Salute Cuore e circolazione Piccola molecola ripristina il normale sviluppo del cuore in modello di mucolipidosi...

Piccola molecola ripristina il normale sviluppo del cuore in modello di mucolipidosi II

Immagine: Public Domain.

Un gruppo di ricerca presso il Greenwood Genetic Center (GGC) ha utilizzato con successo piccole molecole per ripristinare il normale sviluppo del cuore e delle valvole in un modello animale di mucolipidosi II (ML II), una rara malattia genetica. La cardiopatia progressiva è comunemente associata alla ML II. 

“La mucolipidosi II (MLII) è una malattia lisosomiale a progressione lenta, caratterizzata da ritardo della crescita, anomalie scheletriche, dismorfismi facciali, cute rigida, ritardo dello sviluppo e cardiomegalia”.

Lo studio è riportato in JCI Insight di questo mese.

Le piccole molecole includevano l’inibitore della proteasi K della catepsina, Odanacatib e un inibitore della segnalazione del fattore di crescita TGFß. Le proteasi della catepsina sono state associate a cardiopatie ad esordio tardivo tra cui aterosclerosi, ipertrofia cardiaca e stenosi valvolare, ma il loro ruolo nei difetti cardiaci congeniti non è stato chiarito. L’attuale studio offre nuove informazioni su come le proteasi dislocalizzate come la catepsina K alterino lo sviluppo del cuore embrionale in un modello di pesce zebra di ML II.

Le mutazioni in GNPTAB, il gene responsabile della ML II, alterano la localizzazione e aumentano l’attività delle proteasi della catepsina. Questo disturba la segnalazione del fattore di crescita e interrompe lo sviluppo del cuore e delle valvole nei nostri embrioni di pesce zebra carenti di GNPTAB. Inibendo questo processo, è stato ripristinato il normale sviluppo cardiaco. Questa scoperta evidenzia il potenziale delle piccole molecole e conferma la necessità di ulteriori studi sulla loro efficacia”, afferma Heather Flanagan-Steet, PhD, Direttore della struttura di acquacoltura Hazel e Bill Allin e Direttore degli studi funzionali presso GGC.

Flanagan-Steet ha osservato che spera che l’attuale lavoro con il pesce zebra ML II fornirà la base per avvicinarsi a un trattamento per questa frara malattia genetica.

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...