La medicina alternativa e sclerosi multipla

Immagine: l‘uso della cannabis era comune tra gli intervistati nel nuovo sondaggio, con circa il 30% che dichiarava di averla usata in una varietà di forme. Credit: Public Domaiin.

Riepilogo: i pazienti con sclerosi multipla hanno una probabilità nove volte maggiore di discutere l’uso di medicine alternative, compresa la cannabis, con i loro neurologi come opzioni di trattamento.

L’81% dei pazienti con SM riferisce l’uso di integratori alimentari per aiutarsi nella gestione della malattia e il 39% riferisce di partecipare alle terapie mente-corpo per la consapevolezza. Il 30% dei pazienti ha riferito di usare marijuana per curare i propri sintomi.

Fonte: Oregon Health & Sciences University

Un nuovo sondaggio che ha coinvolto oltre 1.000 persone con sclerosi multipla rileva che una stragrande maggioranza di pazienti usa la medicina complementare e alternativa, con molti che usano la cannabis. I ricercatori dell’Oregon Health & Science University hanno condotto il sondaggio sulle persone dell’Oregon e del sud-ovest di Washington nel 2018.

I risultati sono stati pubblicati di recente sulla rivista Multiple Sclerosis and Related Disorders.

Il sondaggio ha rilevato che questi pazienti hanno una probabilità nove volte maggiore di parlare con il loro neurologo dell’uso di terapie alternative rispetto ad altri pazienti in un sondaggio analogo condotto nel 2001, segno di una più ampia accettazione da parte della società dei trattamenti oltre ai farmaci convenzionali. Negli anni successivi al primo sondaggio, sono diventati disponibili diversi farmaci convenzionali per gestire l’attività della malattia correlata alla SM. Anche così, i pazienti sembrano essere più propensi a usare alternative come integratori alimentari, nonostante prove limitate della loro efficacia.

Vedi anche: Sclerosi multipla: rischio maggiore per le persone che vivono nelle aree urbane

“L‘uso di questi integratori alternativi è rimasto elevato anche se disponiamo di tutte queste altre modalità di trattamento“, ha dichiarato la scrittrice Elizabeth Silbermann, M.D., un collega di neurologia presso la School of Medicine OHSU.

Risultati chiave:
L’81% dei pazienti ha utilizzato integratori alimentari come vitamine, minerali ed erbe, rispetto al 65% nello stesso sondaggio condotto quasi due decenni fa.
Il 39% ha utilizzato terapie mente-corpo come la consapevolezza e il massaggio, rispetto al 14% dell’indagine precedente
L’81% ha utilizzato l’esercizio fisico per aiutare a gestire i propri sintomi, un aumento dal 67% rispetto al 2001.
L’uso della cannabis era comune tra gli intervistati nel nuovo sondaggio, con circa il 30% che dichiarava di averla usato in una varietà di forme. Sebbene la cannabis rimanga una sostanza illegale ai sensi della legge federale, negli ultimi anni gli elettori l’hanno legalizzata sia nello stato dell’Oregon che in quello di Washington.
Anche se gli usi tradizionali di terapie alternative come gli integratori botanici risalgono a centinaia di anni fa, la ricerca scientifica è generalmente limitata. Silbermann ha affermato che è un segno positivo che i pazienti sono più aperti a discutere dell’uso di sostanze alternative con il loro neurologo perché è importante gestire le interazioni con i farmaci convenzionali.
“Negli ultimi 20 anni c’è stato un cambiamento nella cultura tra pazienti e operatori”, ha detto Silbermann. “È un rapporto meno paternalistico e più una partnership”.
 Circa l’85% degli intervistati ha riportato disabilità lieve o moderata.