I ricercatori identificano un virus e due tipi di batteri come le principali cause di Alzheimer

Immagine: Public Domain.
Un team mondiale di scienziati e clinici senior si è riunito per produrre un editoriale che indica che alcuni microbi – un virus specifico e due tipi specifici di batteri – sono le principali cause della malattia di Alzheimer.
Il loro articolo, che è stato pubblicato online sulla rivista peer-reviewed, Journal of Alzheimer’s Disease, sottolinea l’urgente necessità di ulteriori ricerche – e, soprattutto, di studi clinici su agenti antimicrobici e correlati per il trattamento della malattia.
Questo importante invito all’azione si basa su prove sostanziali pubblicate sull’Alzheimer. L’editoriale di riferimento del team riassume gli abbondanti dati che implicano questi microbi, ma fino ad ora questo lavoro è stato ampiamente ignorato o liquidato come controverso, nonostante l’assenza di prove contrarie. Pertanto, le proposte per il finanziamento di studi clinici sono state rifiutate, nonostante il fatto che negli ultimi 10 anni siano state condotte oltre 400 prove cliniche senza esito per l’Alzheimer basate su altri concetti.
L’opposizione ai concetti microbici assomiglia alla feroce resistenza agli studi di alcuni anni fa che hanno dimostrato che i virus causano alcuni tipi di cancro e che un batterio provoca ulcere allo stomaco. Tali concetti alla fine si sono dimostrati validi, portando a prove cliniche di successo e al successivo sviluppo di trattamenti adeguati.
Il Professor Douglas Kell della School of Chemistry dell’Università di Manchester e del Manchester Institute of Biotechnology è uno degli autori dell’editoriale. Sostiene che i globuli rossi apparentemente sterili sono stati visti contenere microbi dormienti che hanno anche implicazioni per le trasfusioni di sangue.
“Stiamo dicendo che ci sono prove inconfutabili che la malattia di Alzheimer ha una componente microbica dormiente e che questa può essere risvegliata dalla disregolazione del ferro. La rimozione di questo ferro rallenterà o impedirà la degenerazione cognitiva – non possiamo continuare a ignorare tutte le prove “, ha spiegato il Professor Douglas Kell.
La Prof.ssa Resia Pretorius dell’Università di Pretoria, che ha lavorato all’editoriale con Douglas Kell, ha affermato che “la presenza microbica nel sangue può anche svolgere un ruolo fondamentale come agente causale dell’infiammazione sistemica che è una caratteristica della malattia di Alzheimer . Inoltre, ci sono ampie prove che possono causare la neuroinfiammazione e la formazione di placca β-amiloide”.
I risultati di questo editoriale potrebbero anche avere implicazioni per il futuro trattamento della malattia di Parkinson e di altre condizioni neurologiche progressive.