Home Medicina Alternativa SARS-CoV-2:la glicirrizina neutralizza il virus in vitro

SARS-CoV-2:la glicirrizina neutralizza il virus in vitro

(SARS-CoV-2-Immagine radici di liquirizia-Credit Public Domain).

SARS-CoV-2 causa una serie di sintomi respiratori da lievi a gravi. Sfortunatamente, anche i pazienti pre-sintomatici o quelli con sintomi molto lievi sono infettivi e possono infettare altre persone.

Opzioni terapeutiche efficaci e ben tollerate per il trattamento di pazienti con COVID-19 grave sono una necessità. Oltre a composti come il Remdesivir approvati o autorizzati per l’uso di emergenza per il trattamento del COVID-19, alcuni medicinali naturali tradizionali sono considerati candidati promettenti per il trattamento complementare delle malattie virali e recentemente suggeriti per il trattamento di COVID-19.

Analisi dell’attività neutralizzante dell’estratto di radice di liquirizia contro SARS-CoV-2 in vitro

- Advertisement -

In un recente documento preprint pubblicato in bioRxiv *, i ricercatori tedeschi hanno analizzato l’estratto acquoso di radice di liquirizia per la sua attività neutralizzante contro SARS-CoV-2 in vitro. Hanno identificato la glicirrizina, il principale ingrediente attivo nella radice e hanno rivelato il meccanismo alla base della neutralizzazione virale.

Le radici di liquirizia sono state essiccate e infuse e il fluido risultante è stato filtrato per ottenere un estratto acquoso della radice. La capacità di neutralizzazione dell’estratto è stata determinata in coltura cellulare utilizzando la diluizione. La citotossicità è stata determinata in 4 punti temporali – 5 minuti, 12 ore, 24 ore e 4 ore – utilizzando la “soluzione di conteggio delle cellule di Orangu” che è un test che utilizza la concentrazione di NAD (P) H e l’attività dell’enzima deidrogenasi per rilevare la vitalità cellulare.

L’estratto di radice di liquirizia ha neutralizzato SARS-CoV-2 anche a concentrazioni subtossiche

L’estratto di radice di liquirizia ha mostrato effetti neutralizzanti anche a una concentrazione sottotossica di 2 mg / ml, che è inferiore alla tipica diluizione di consumo. Ad esempio, nel tè, è 12,5 mg / ml. Sebbene ciò dimostri che il tè alla radice di liquirizia può essere un candidato per l’uso complementare come antivirale, è fondamentale che il composto attivo sia identificato e caratterizzato per la sua potenziale considerazione nelle applicazioni cliniche.

Vedi anche:Effetti del fumo e della BPCO sull’infezione SARS-CoV-2

- Advertisement -

“La neutralizzazione completa del virus è stata ottenuta a concentrazioni subtossiche di 0,5 mg / ml in condizioni pre e 1 mg / ml in condizioni post-ingresso”.

Acido glicirrizico – ingrediente attivo antivirale nella radice di liquirizia

L’acido glicirrizico è una saponina triterpenica che si trova in alte concentrazioni nella radice della pianta Glycyrrhiza glabra. Si è scoperto che è l’ingrediente attivo antivirale nella radice di liquirizia e mostra attività antivirale contro molti virus, inclusi i virus dell’herpes simplex, il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e i coronavirus umani e animali .

Uno studio di simulazione in silico (la locuzione, comparsa di recente in letteratura scientifica, è usata per indicare fenomeni di natura chimico biologica riprodotti in una simulazione matematica al computer, invece che in provetta o in un essere vivente), ha suggerito l’attività antivirale della glicirrizina contro SARS-CoV-2, ma questa ipotesi non era stata dimostrata sperimentalmente. Sulla base dei risultati ottenuti nell’estratto acquoso di radice di liquirizia, i ricercatori hanno studiato l’attività neutralizzante dell’acido glicirrizico contro un isolato di SARS-CoV-2 e successivamente hanno esaminato il meccanismo di neutralizzazione. “La glicirrizina è stata valutata clinicamente nel contesto di uno studio clinico e descritta come un composto sicuro e ben tollerato”

La glicirrizina inibisce la proteasi principale SARS-CoV-2

È stato dimostrato che la serina proteasi transmembrana umana (TMPRSS2scinde la proteina spike S SARS-CoV-2 , facilitando così l’ingresso del virus nella cellula ospite. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato solo una piccola differenza nell’attività antivirale della glicirrizina tra le condizioni pre e post-ingresso. Quindi i ricercatori hanno concluso che la glicirrizina neutralizza il virus con un meccanismo diverso dall’inibizione di TMPRSS2 e quindi si è concentrato sulla proteasi principale SARS-CoV-2 (Mpro) come potenziale bersaglio.

“Abbiamo dimostrato che la glicirrizina, il principale ingrediente attivo della radice di liquirizia, neutralizza potentemente SARS-CoV-2 inibendo la proteasi principale virale“.

Mpro è responsabile dell’elaborazione delle poliproteine ​​virali tradotte dall’RNA virale e quindi essenziali per la replicazione del virus. Nei loro esperimenti, i ricercatori hanno scoperto che la glicirrizina inibiva completamente l’attività di Mpro a una concentrazione di 2000 µM (1,6 mg / ml) e riduceva l’attività di Mpro del 70,3% a una concentrazione di 30 µM (0,024 mg / ml). Pertanto, hanno concluso che la glicirrizina neutralizza efficacemente SARS-CoV-2 inibendo la proteasi principale virale Mpro. Questi risultati evidenziano la glicirrizina come un promettente composto antivirale che dovrebbe essere ulteriormente studiato per l’uso nel trattamento del COVID-19.

“La potente attività antivirale e le proprietà antinfiammatorie evidenziano la glicirrizina come un eccellente candidato per ulteriori indagini cliniche nel trattamento di COVID-19”.

NB: bioRxiv pubblica rapporti scientifici preliminari che non sono sottoposti a revisione paritaria e, pertanto, non devono essere considerati conclusivi.

Fonte: bioRxiv *

ULTIMI ARTICOLI

SARS-CoV-2:la glicirrizina neutralizza il virus in vitro

(SARS-CoV-2-Immagine radici di liquirizia-Credit Public Domain). SARS-CoV-2 causa una serie di sintomi respiratori da lievi a gravi. Sfortunatamente, anche i pazienti pre-sintomatici o quelli con...

Glaucoma: nuova terapia antifibrotica

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Scienziati dell'Università di Birmingham, Regno Unito, hanno dimostrato che un nuovo destrano-solfato a basso peso molecolare, ILB, potrebbe svolgere un ruolo...

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...