Home Alimentazione & Benessere La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain.

Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo stimoli stressanti rispetto a quelli alimentati con una dieta occidentale.

Anche prima della pandemia e delle elezioni presidenziali, gli americani hanno riportato alcuni dei livelli di stress percepiti più alti al mondo, secondo l’American Psychological Association. Non solo lo stress ha effetti negativi sul lavoro e sulle relazioni personali, ma aumenta anche il rischio di molte malattie croniche, come le malattie cardiache e il morbo di Alzheimer, ed è associato a tassi di mortalità più elevati.

- Advertisement -

La dieta mediterranea può fornire un modo relativamente semplice per aiutare a ridurre gli effetti fisiologici dello stress e promuovere un invecchiamento sano, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Wake Forest School of Medicine, parte di Wake Forest Baptist Health.

I risultati dello studio, il primo studio preclinico per misurare gli effetti del consumo a lungo termine di una dieta occidentale rispetto a quella mediterranea sullo stress in condizioni sperimentali controllate, sono stati pubblicati nell’attuale edizione online della rivista Neurobiology of Stress.

“È molto difficile controllare o ridurre i fattori di stress nelle nostre vite”, ha detto Carol A. Shively, Ph.D., Professore di patologia e medicina comparata presso la Wake Forest School of Medicine e ricercatore principale dello studio. “Ma sappiamo che possiamo controllare la nostra dieta e precedenti studi osservazionali hanno suggerito che un minore stress percepito è associato a un elevato consumo di frutta e verdura”.

“Sfortunatamente, gli americani consumano una dieta ricca di proteine ​​animali e grassi saturi, sale e zucchero, quindi volevamo scoprire se quella dieta peggiorasse la risposta del corpo allo stress rispetto a una dieta mediterranea, nella quale gran parte delle proteine ​​e dei grassi provengono da fonti vegetali”.

- Advertisement -

I ricercatori hanno studiato gli effetti dello stress cronico di un basso stato sociale e dello stress acuto di essere socialmente isolati per 30 minuti, in 38 animali di mezza età che sono stati alimentati con una dieta mediterranea o occidentale. Le diete sono state formulate per riflettere da vicino le diete umane, con proteine ​​e grassi derivati ​​in gran parte da fonti animali nel gruppo occidentale e principalmente da fonti vegetali nel gruppo mediterraneo.

Per determinare l’effetto delle diete sulle risposte allo stress, gli scienziati hanno misurato i cambiamenti nel sistema nervoso simpatico e parasimpatico e nel cortisolo, l’ormone della ghiandola surrenale, in risposta allo stress acuto e cronico.

Il sistema nervoso simpatico è coinvolto nella risposta “combatti o fuggi” e regola le funzioni corporee come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.  “Il sistema nervoso parasimpatico ha effetti opposti che aiutano il corpo a tornare a uno stato più calmo. Un’elevata attività del sistema nervoso simpatico può essere dannosa per la salute, quindi è importante mantenere un sano equilibrio tra i due sistemi”, ha detto Shively.

Vedi anche:La dieta mediterranea promuove un sano invecchiamento

Il cortisolo, il principale ormone dello stress del corpo, aiuta il corpo ad accedere alle risorse necessarie per combattere o fuggire. Tuttavia, se lo stress è continuo, i livelli di cortisolo rimangono alti e danneggiano i tessuti.

“Rispetto agli animali alimentati con una dieta occidentale, quelli alimentati con la dieta mediterranea hanno mostrato una maggiore resilienza allo stress, come indicato dal sistema nervoso simpatico più basso e dalle risposte del cortisolo allo stress, e un recupero più rapido dopo la fine dello stress“, ha detto Shively.

“Il nostro studio ha dimostrato che la dieta mediterranea ha spostato l’equilibrio verso il sistema nervoso parasimpatico, che fa bene alla salute”, ha detto Shively. “Al contrario, la dieta occidentale ha aumentato la risposta del sistema nervoso simpatico allo stress, che è come avere il pulsante antipanico acceso tutto il tempo – e questo non è salutare“.

Poiché gli animali hanno superato lo studio di 31 mesi, che equivale a circa 9 anni nell’uomo, il gruppo di ricerca ha notato che l’attività del sistema nervoso simpatico è aumentata. Tuttavia, la dieta mediterranea ha rallentato l’invecchiamento del sistema nervoso simpatico.

“I risultati dello studio suggeriscono che l’adozione a livello di popolazione di una dieta di tipo mediterraneo può fornire un intervento relativamente semplice ed economico per ridurre l’impatto negativo dello stress psicologico sulla salute e ritardare l’invecchiamento del sistema nervoso”, ha detto Shively.

Fonte: Neuroscience

ULTIMI ARTICOLI

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...

Diversi farmaci per l’epatite C possono inibire la proteasi principale SARS-CoV-2

Immagine: SARS-CoV-2. Public Domain. Esperimenti condotti da ricercatori presso l'Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell'Energia hanno determinato che diversi farmaci per l'epatite C possono...