La cannella migliora la capacità di apprendimento

La cannella è una deliziosa spezia che potrebbe anche migliorare la capacità di apprendimento, secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato online nel numero di luglio del Journal of Pharmacology Neuroimmune.

Lo studio, condotto da scienziati neurologici della Rush University Medical Center, ha rilevato che l’aggiunta della cannella all’ alimentazione dei topi di laboratorio con scarsa capacità di apprendimento, ha determinato un sorprendente miglioramento.

I risultati di questo studio rivelano che la cannella è un sicuro e semplice approccio per favorire l’apprendimento“, ha detto Kalipada Pahan, PhD, ricercatore principale dello studio che ha condotto in collaborazione con Floyd A. Davis, Professore di neurologia alla Rush.

Alcune persone nascono naturalmente con buone capacità di apprendimento, altre invece, hanno difficoltà ad apprendere nuovi compiti, anche con uno sforzo. Poco si sa circa i processi neurologici che causano queste differenze.

Capire i meccanismi cerebrali che causano differenti capacità di apprendimento è importante per lo sviluppo di strategie efficaci per migliorare non solo l’apprendimento, ma anche la memoria“, ha aggiunto Pahan.

La chiave per ottenere questa comprensione si trova nell’ippocampo, una piccola parte del cervello che genera, organizza e immagazzina la memoria. I ricercatori hanno scoperto che l’ippocampo di studenti con scarsa capacità di apprendimento, ha meno CREB (una proteina coinvolta nella memoria e apprendimento) e più Alpha5 subunità del recettore GABAA o GABRA5 (una proteina che genera tonica la conduttanza inibitorio nel cervello) rispetto agli studenti con buone capacità di apprendimento..

I topi utilizzati per la sperimentazione sono stati nutriti con la cannella in polvere che i loro corpi hanno metabolizzato in benzoato di sodio, una sostanza chimica utilizzata come trattamento farmacologico per danni cerebrali. Quando il benzoato di sodio è entrato nel cervello dei topi, ha aumentato la proteina CREB, diminuito GABRA5 e ha stimolato la plasticità (capacità di cambiare) dei neuroni dell’ippocampo.

Questi cambiamenti, a loro volta hanno portato ad un miglioramento della memoria e dell’apprendimento nei topi trattati.

Abbiamo utilizzato con successo la cannella per invertire cambiamenti biochimici, cellulari e anatomici che si verificano nel cervello dei topi con scarsa capacità di apprendimento“, ha detto Pahan.

Per testare la capacità di apprendimento dei topi, i ricercatori hanno utilizzato un labirinto Barnes ( usato negli esperimenti psicologici al fine di studiare la memoria spaziale), un labirinto circolare composto da 20 buche. Dopo due giorni di esercitazione, i topi sono stati esaminati per la loro capacità di trovare il buco di destinazione. I topi sono stati esaminati ancora una volta, dopo un mese di alimentazione integrata con la cannella.

I ricercatori hanno scoperto che i topi che avevano scarse abilità di apprendimento, dopo essere stati trattati con la cannella avevano migliorato la memoria e l’apprendimento a livello dei topi con buone capacità di apprendimento.Tuttavia, essi non hanno trovato alcun miglioramento significativo tra i topi che avevano già buone capacità di apprendimento.

La cannella può anche aiutare contro il morbo di Parkinson

Pahan ed i suoi colleghi avevano in precedenza scoperto che la cannella può anche invertire i cambiamenti nel cervello dei topi con malattia di Parkinson.

È noto che alcune proteine importanti come Parkin e DJ-1 si riducono nel cervello di pazienti con il Morbo di Parkinson. Dalla ricerca sui topi alimentati con la cannella è emerso che una volta che questa viene metabolizzata, blocca la perdita di Parkin e DJ-1, protegge i neuroni, normalizza i livelli di neurotrasmettitori e migliora le funzioni motorie nei topi con la malattia di Parkinson.

Per la sperimentazione i ricercatori hanno utilizzato sia la cannella cinese (Cinnamonum cassia) che la cannella di Ceylon ed hanno concluso che:

Anche se entrambi i tipi di cannella sono metabolizzati in benzoato di sodio, abbiamo osservato che la cannella di Ceylon è molto più pura di quella cinese, in quanto quest’ultima contiene cumarina, una molecola epatotossica (dannosa per il fegato dannose) “, ha detto Pahan.

Lo studio sulla cannella e capacità e di apprendimento è stato sostenuto da sovvenzioni dal National Institutes of Health, US Department of Veterans Affairs e Associazione Alzheimer.

Fonte: Medicalxpress