HomeSaluteLa cannabis medica riduce le crisi epilettiche nei bambini

La cannabis medica riduce le crisi epilettiche nei bambini

(Cannabis medica-Immagine Credit Public Domain).

“La frequenza delle crisi epilettiche è diminuita in media dell’86% tra 10 bambini trattati con cannabis medicinale a pianta intera”, rivela una ricerca pubblicata sulla rivista BMJ Pediatrics Open.

Nessuno dei bambini aveva risposto ad altri trattamenti, incluso l’unico prodotto a base di cannabidiolo (CBD) autorizzato per la loro condizione.

- Advertisement -

I risultati dello studio spingono i ricercatori ad un’ulteriore esplorazione dei potenziali benefici terapeutici dei prodotti a base dcannabis medicinale a pianta intera.

“Sostanziali prove aneddotiche sul valore della cannabis medicinale per il trattamento dell’epilessia infantile si sono accumulate dal 1800”, affermano i ricercatori. “Ma non ci sono state molte prove scientifiche recenti sull’efficacia degli estratti di cannabis di piante intere”. La cannabis a pianta intera include il tetraidrocannabinolo o THC in breve, il principale ingrediente attivo della pianta responsabile del caratteristico “sballo” associato all’uso ricreativo”, oltre al cannabidiolo, altri cannabinoidi neuroattivi e molecole come i terpeni.

“Sia la cannabis ricreativa che quella medica sono state rese illegali nel Regno Unito ai sensi del Misuse of Drugs Act del 1971, quindi la ricerca sulla cannabis è in gran parte cessata”, sottolineano i ricercatori.

Ma su richiesta dei genitori i cui figli avevano risposto bene agli estratti di cannabis medicinale da piante intere, ma non ai farmaci antiepilettici convenzionali o al cannabidiolo purificato (olio di CBD), la cannabis medicinale (pianta intera) è stata designata come medicinale su prescrizione per il trattamento dell’epilessia infantile grave nel 2018.

- Advertisement -

Ma i medici nel Regno Unito sono stati estremamente riluttanti a prescriverla a bambini con epilessia grave, in gran parte a causa della mancanza di dati di conferma da studi clinici.

Il National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) del Regno Unito, che fornisce indicazioni su quali trattamenti e terapie dovrebbe adottare il servizio sanitario in Inghilterra, ha accettato che i dati del mondo reale, comprese le serie di casi riportati, sono valide fonti di prova, in particolare laddove è difficile condurre sperimentazioni cliniche, ad esempio nei bambini.

Alla luce di ciò, i ricercatori hanno valutato l’uso di cannabis medicinale a pianta intera in 10 bambini la cui grave epilessia non aveva risposto al trattamento convenzionale e due dei quali non avevano risposto all’unico olio di CBD purificato di grado farmaceutico autorizzato per la condizione nei bambini (Epidyolex).

I ricercatori volevano valutare la variazione percentuale nella frequenza mensile delle crisi e l’impatto della cannabis medicinale sui cambiamenti. Volevano anche segnalare i dosaggi e le dosi utilizzate e i costi sostenuti.

Tutti i partecipanti sono stati reclutati da due Enti di beneficenza che rappresentano i bambini che usano cannabis medicinale per curare la loro grave epilessia. L’età media dei bambini era di 6 anni. Avevano una serie di epilessie e tre avevano altri problemi concomitanti, inclusi spasmi infantili, difficoltà di apprendimento e ritardo dello sviluppo globale.

I dati sono stati raccolti dai loro genitori o tutori tramite telefonate o videoconferenze tra gennaio e maggio 2021.

I bambini avevano provato una media di 7 farmaci convenzionali per l’epilessia. Dopo aver iniziato il trattamento con la cannabis medicinale, l’uso di farmaci convenzionali è stato ridotto a una media di 1 farmaco per ciascuno, con 7 bambini che hanno smesso completamente di assumerli.

La frequenza mensile delle crisi si è ridotta per tutti e in 10 bambini di una media complessiva dell’86%.

L’analisi chimica completa dell’intera pianta medicinale di cannabis utilizzata è in corso, ma i ricercatori sono stati in grado di valutare il contenuto di THC e CBD. Ciò ha dimostrato che i bambini assumevano in media 5,15 mg di THC e 171,8 mg di CBD ogni giorno.

Genitori e tutori hanno riportato miglioramenti significativi nella salute e nel benessere dei loro figli, compreso il sonno, l’alimentazione, il comportamento e la cognizione dopo che hanno iniziato a prendere prodotti a base di cannabis medicinale a base di piante intere. Sono stati segnalati solo alcuni effetti collaterali minori, come la stanchezza.

Vedi anche:Depressione: cannabis medica allevia la condizione

Questo è uno studio osservazionale che coinvolge un piccolo numero di partecipanti. E i ricercatori riconoscono che era retrospettivo e si basava sul richiamo dei genitori, senza alcun gruppo di confronto. Ed è possibile che solo quei genitori in cui la cannabis medicinale ha funzionato bene abbiano deciso di partecipare.

Ma i ricercatori sottolineano che i loro risultati sono in linea con diversi studi osservazionali e interventistici controllati che mostrano riduzioni significative della frequenza delle crisi dopo il trattamento con cannabis medicinale.

Inoltre, i nuovi dati suggeriscono che i prodotti a base di cannabis medicinale a pianta intera sono più efficaci dei prodotti a base di CBD.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire i meccanismi con cui i rispettivi costituenti additivi dei prodotti di piante intere di cannabis portano a risultati clinici superiori”, scrivono i ricercatori. “E queste ricerche devono includere il confronto degli effetti indesiderati della cannabis medicinale a pianta intera con i noti effetti nocivi dei farmaci convenzionali per l’epilessia”, dicono.

Ma concludono: “Crediamo che i nostri dati sulla cannabis medica a pianta intera nell’epilessia grave resistente al trattamento a esordio infantile forniscano prove a sostegno della sua introduzione nel NHS all’interno delle attuali linee guida di prescrizione del NICE. Una tale mossa sarebbe di enorme beneficio per le famiglie, che oltre ad avere il disagio psicologico di prendersi cura dei propri figli malati cronici, devono anche coprire il paralizzante onere finanziario dei farmaci”.

Fonte: BMJ Pediatrics Open

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...