HomeMedicina AlternativaLa cannabis medica riduce il dolore e la necessità di oppiacei

La cannabis medica riduce il dolore e la necessità di oppiacei

(Cannabis-Immagine Credit Public Domain).
La cannabis medica riduce il dolore e la necessità di antidolorifici a base di oppiacei, secondo un nuovo studio completo sul suo uso da parte dei pazienti oncologici.

Una valutazione completa dei benefici della cannabis medica per il dolore correlato al cancro ha rilevato che per la maggior parte dei pazienti oncologici, le misure del dolore sono migliorate in modo significativo, anche altri sintomi correlati al cancro sono diminuiti, il consumo di antidolorifici è stato ridotto e gli effetti collaterali sono stati minimi.

Pubblicati su Frontiers in Pain Research, questi risultati suggeriscono che la cannabis medica può essere attentamente considerata come un’alternativa ai farmaci antidolorifici che di solito vengono prescritti ai malati di cancro.

Il dolore, insieme a depressione, ansia e insonnia, sono alcune delle cause fondamentali della disabilità e della sofferenza dei pazienti oncologici durante le terapie e possono anche portare a un peggioramento della prognosi.

“Tradizionalmente, il dolore correlato al cancro è trattato principalmente con analgesici oppioidi, ma la maggior parte degli oncologi percepisce il trattamento con oppioidi come pericoloso, quindi sono necessarie terapie alternative”, ha spiegato l’autore David Meiri, assistente Professore presso il Technion Israel Institute of Technology.
- Advertisement -

“Il nostro studio è il primo a valutare i possibili benefici della cannabis medica per il dolore correlato al cancro nei pazienti oncologici; raccogliendo informazioni dall’inizio del trattamento e con follow-up ripetuti per un periodo di tempo prolungato, per ottenere un’analisi approfondita della sua efficacia”.

La necessità di un trattamento alternativo

Dopo aver parlato con diversi malati di cancro, che stavano cercando opzioni alternative per alleviare il dolore e i sintomi, i ricercatori hanno voluto testare a fondo i potenziali benefici della cannabis medica.

“Abbiamo incontrato numerosi malati di cancro che ci hanno chiesto se il trattamento con cannabis medica può giovare alla loro salute”, ha affermato il coautore dello studio Gil Bar-Sela, Professore associato presso l’Ha’Emek Medical Center Afula. “La nostra revisione iniziale della ricerca esistente ha rivelato che in realtà non si sapeva molto sulla sua efficacia, in particolare per il trattamento del dolore correlato al cancro, e di ciò che era noto, la maggior parte dei risultati non era conclusiva”.

I ricercatori hanno reclutato oncologi che sono stati in grado di rilasciare licenze di cannabis medica ai loro malati di cancro. Questi oncologi hanno indirizzato i pazienti interessati allo studio e hanno riferito sulle caratteristiche della loro malattia.

- Advertisement -

“I pazienti hanno completato questionari anonimi prima di iniziare il trattamento e di nuovo in diversi momenti durante i sei mesi successivi. Abbiamo raccolto dati su una serie di fattori, tra cui misure del dolore, consumo di analgesici, carico di sintomi del cancro, problemi sessuali ed effetti collaterali“, ha affermato Bar-Sela.

Sintomi migliorati

Un’analisi dei dati ha rivelato che molte delle misure di esito sono migliorate, con meno dolore e sintomi del cancro. È importante sottolineare che l’uso di oppioidi e altri analgesici del dolore è stato ridotto. In effetti, quasi la metà dei pazienti studiati ha interrotto tutti i farmaci analgesici dopo sei mesi di trattamento con cannabis medicinale.

“La cannabis medica è stata suggerita come possibile rimedio per la perdita di appetito, tuttavia, la maggior parte dei pazienti in questo studio ha comunque perso peso. Poiché a una parte sostanziale è stato diagnosticato un cancro progressivo, è previsto un calo di peso con la progressione della malattia”, ha riferito Meiri. “È interessante notare che la funzione sessuale è migliorata per la maggior parte degli uomini, ma è peggiorata per la maggior parte delle donne“.

Vedi anche:La cannabis medica riduce le crisi epilettiche nei bambini

Meiri vorrebbe che gli studi futuri approfondissero e esaminassero l’efficacia della cannabis medicinale in diversi gruppi di malati di cancro.

“Sebbene il nostro studio fosse molto completo e presentasse ulteriori prospettive sulla cannabis medica, il sesso, l’età e l’etnia, nonché i tipi di cancro e lo stadio del cancro significavano che la varietà di pazienti nel nostro studio era di ampio respiro. Pertanto, gli studi futuri dovrebbero indagare il livello di efficacia della cannabis medica in sottogruppi specifici di malati di cancro con caratteristiche più condivise”.

Fonte:Frontiers in Pain Research

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...