La bellezza della matematica eccita il cervello emotivo

0
18

Un nuovo studio suggerisce percezione della bellezza può avere una base neurologica. Usando scansioni cerebrali, i ricercatori del Regno Unito hanno trovato apprezzamento della bellezza astratta – come ad esempio nella ricerca di aspetti della matematica – che eccita gli stessi centri emotivi del cervello così come l’ apprezzamento della bellezza che viene da un’esperienza più sensoriale – come l’ascolto di musica o guardando capolavori d’ arte.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista ad accesso libero Frontiers in Human Neuroscienze .

Confrontando come alcune persone sperimentano la bellezza della matematica o di un’opera d’arte o della lettura, i ricercatori hanno deciso di vedere se i centri emotivi del cervello sono attivi allo stesso modo in queste diverse esperienze di bellezza.

L’autore principale della ricerca, il professor Semir Zeki del Laboratorio Wellcome di Neurobiologia presso lo University College London (UCL), dice che la quantità di attività nel cervello di una persona è correlata a con quanto intensamente vive l’ esperienza della bellezza, anche quando l’oggetto della sua attenzione è un concetto astratto.

E aggiunge:

“Per molti di noi, le formule matematiche appaiono inaccessibili, ma per un matematico, un’equazione è in grado di incarnare la quintessenza della bellezza”.

La qualità della bellezza che il matematico sperimenta, può risiedere nella espressione di una verità immutabile o semplicemente nella semplicità, simmetria o l’eleganza di un concetto.

“Per Platone”, il Prof. Zeki osserva, “la qualità astratta della matematica esprime l’apice massimo della bellezza”.

La bellezza di un’ equazioni attiva la ​​stessa parte del cervello attivata dalla bellezza della musica

Per lo studio, il team ha osservato 15 matematici che avevano il compito di esaminare 60 formule matematiche e descrivere la sensazione di bellezza vissuta, con un punteggio compreso tra -5 (per il brutto) e +5 (per la bello).

I partecipanti hanno trovato la formula di Leonhard Eulero “bella”.

Due settimane dopo, i  partecipanti , invitati a valutare di nuovo le formule, sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Le scansioni hanno mostrato che quando i partecipanti hanno esaminato le formule matematiche, le hanno costantemente valutate come ” belle” e l’emozione da loro prodotta è stata riscontrata in un’area del cervello emotivo – la corteccia mediale orbito-frontale – che è attiva quando l’esperienza della bellezza delle persone proviene da un brano musicale o da altra cosa ritenuta ” bella”.

Le formule che i partecipanti più costantemente hanno valutato come belle, sia prima che durante le scansioni, erano le formule di  Leonhard Eulero,  di Pitagora e le equazioni di Cauchy-Riemann.

L’identità di Eulero (nota anche come equazione di Eulero), collega cinque importanti costanti matematiche (e, i, π, 1 e 0) con tre operazioni fondamentali. Alcuni dicono che la bellezza di questa equazione è uguale a quella del monologo di Amleto “Essere o non essere, questo è il problema …”

Il Prof. Zeki spiega come l’ esperienza visiva dell’ arte e ascoltare musica, hanno trovato l’attività del cervello fortemente correlata con quanto intensamente i partecipanti hanno dichiarato la loro esperienza della bellezza derivante dall’ essere estremamente astratto della matematica ” e conclude:

“La nostra ricerca risponde a una domanda cruciale nello studio dell’ estetica che è stata discussa fin dai tempi classici, vale a dire se le esperienze estetiche possono essere quantificate”.

Nel 2010,  uno studio condotto da scienziati della Florida Atlantic University, ha sostenuto l’idea che il cervello ha un meccanismo attraverso il quale esperti ascoltatori di musica, sentono le emozioni degli interpreti, rendendo la comunicazione musicale, una forma di empatia.