Promuovere il recupero neurologico dopo un ictus

0
18
Migliorare la capacità intrinseca del cervello di ricostruire se stesso dopo un ictus, con i componenti molecolari delle cellule staminali, offre la promessa enorme per  trattare la principale causa di disabilità a lungo termine negli adulti.

Michael Chopp, Ph.D., Direttore Scientifico dell’ Henry Ford Neuroscience Institute, ha presentato questo approccio per il  trattamento delle malattie neurologiche, Giovedi, 13 febbraio alll’ International Stroke Conference dell’American Heart Association, a San Diego.

Sebbene la maggior parte delle vittime di ictus recuperano un po ‘di capacità di utilizzare volontariamente le mani e altre parti del corpo, la metà resta con debolezza in una parte del loro corpo, mentre un numero considerevole resta disabile in modo permanente.

Nessun trattamento attualmente esistente, può migliorare o ripristinare la funzione motoria perduta nei pazienti che hanno subito un ictus, soprattutto a causa dei misteri su come il cervello ed i nervi si riparano.

Ma il Dr. Chopp e altri scienziati dell’ Henry Ford Institute, potrebbero aver risolto alcuni di questi misteri attraverso esperimenti a livello molecolare per identificare e testare componenti delle cellule staminali.

“Anche nelle persone anziane, il sistema nervoso centrale è altamente plastico, il che significa che ha una capacità unica di cambiare e ricostruire se stesso,” spiega il Dott. Chopp. “Abbiamo dimostrato che questa plasticità può essere stimolata a promuovere il recupero neurologico dopo un ictus”.

Una tale terapia prevede la capacità delle proteine ​​che formano il cervello, in particolare di un tipo che rilascia un attivatore tissutale del plasminogeno, o tPA, che promuove lo sviluppo di assoni e dendriti – cavi e comunicazioni neurali del cervello, di ricablarsi.

“Abbiamo dimostrato che la somministrazione di tPA in uno spray nasale promuove questo ricablaggio e significativamente migliora il recupero neurologico”, dice il Dott. Chopp.

Il Dott. Chopp ha parlato al convegno, di un materiale microscopico delle cellule staminali, noto come exosomes ,che offre un trattamento “robusto” per gli effetti invalidanti derivanti da ictus.

Gli exosomes una volta erano pensati per trasportare e sbarazzarsi di proteine ​​”vecchie” che non erano più necessarie per il corpo. Tuttavia,  è stato recentemente scoperto che gli exosomes producono una forma essenziale di “comunicazione” tra le cellule cerebrali con “pacchetti” inviati dalle cellule staminali, con le indicazioni essenziali per la regolazione dei geni.

Questo processo si realizza attraverso microRNA, interruttori molecolari master, che alterano le cellule cerebrali e promuovono il recupero da traumi.

Il Dr. Chopp e il suo team hanno dimostrato e confermato che la terapia con cellule staminali funziona sparando questi “proiettili di informazione”.

Inoltre i ricercatori hanno anche dimostrato che le malattie neurologiche possono essere trattate solo con exosomes separati da cellule staminali. “Questo approccio può essere un modo rivoluzionario di trattare con successo l’ ictus e molte altre malattie “, conclude il Dott. Chopp.

Fonte by Henry Ford Health System via Science Daily.