Depressione: la ketamina previene la perdita di piacere nei primati

depressione

Una nuova ricerca, che compare nella rivista Neuron, mostra che i primati affetti da depressione, perdono la sensazione di piacere in previsione di una ricompensa quando un’area specifica del loro cervello diventa iperattiva. Lo studio mostra anche che la ketamina colpisce questa regione del cervello e impedisce la perdita di piacere.

La depressione è “la principale causa di disabilità in tutto il mondo” e uno dei più comuni problemi di salute mentale negli Stati Uniti.

I sintomi della depressione maggiore includono umore depresso e perdita di interesse o piacere nelle attività quotidiane. Alcune persone possono anche avere difficoltà a dormire, mangiare e concentrarsi o avere pensieri di morte.

La perdita di interesse, piacere o eccitazione in previsione di attività che l’individuo una volta percepiva come piacevole, si chiama anedonia.

I meccanismi cerebrali che sostengono l’anedonia nella depressione sono rimasti poco chiari fino ad ora e questa mancanza di conoscenza ha ostacolato il successo di molti trattamenti antidepressivi .

Ora, un nuovo studio getta luce sulla perdita di piacere nella depressione. Alla guida di un team di ricercatori, la Professoressa Angela Roberts del Dipartimento di Fisiologia, Sviluppo e Neuroscienze dell’Università di Cambridge in collaborazione con la ricercatrice Laith Alexander, ha deciso di studiare questo fenomeno negli uistitì.

Gli uistitì sono un tipo di primate non umano con lobi frontali molto simili a quelli umani. Questa somiglianza fisica significa che i risultati sono più facilmente traducibili per gli umani di quanto lo sarebbero se lo studio coinvolgesse invece i roditori.

Il Prof. Roberts e colleghi hanno testato gli effetti della ketamina, un farmaco allucinogeno che recentemente ha raccolto interesse come potenziale trattamento per la depressione e ha scoperto che ha avuto un effetto positivo sui primati.

Studiare l’anedonia nei primati

Il Prof. Roberts spiega la motivazione dietro lo studio, dicendo: “Gli studi di imaging di persone con depressione ci hanno dato un indizio su alcune delle regioni del cervello che potrebbero essere coinvolte nell’ anedonia, ma non sappiamo ancora quale di queste regioni è causalmente responsabile”.

“Un secondo aspetto importante”, aggiunge, “è che l’anedonia ha molte sfaccettature: va oltre la perdita del piacere e può comportare una mancanza di anticipazione e motivazione, ed è possibile che questi diversi aspetti possano avere cause sottostanti distinte”.

Per saperne di più sui meccanismi cerebrali dietro l’anedonia, il Prof. Roberts e il suo team hanno ideato un esperimento in cui hanno addestrato i primati a reagire a due suoni. Il suono A indicava che gli uistitì ravrebbero ricevuto marshmallows come regalo, mentre nessun trattamento seguiva il suono B.

Dopo l’allenamento, le misurazioni della pressione sanguigna e i movimenti della testa hanno mostrato che le uistitì si sarebbero eccitate all’udire il suono A, ma non avrebbero risposto in questo modo al suono di B.

Successivamente, gli scienziati hanno impiantato chirurgicamente tubi di metallo molto sottili nelle teste degli uistitì, attraverso i quali hanno iniettato un farmaco o un placebo nel cervello di questi primati.

Vedi anche,Depressione, trovato nuovo bersaglio terapeutico.

I ricercatori hanno preso di mira una specifica regione del cervello chiamata ” area 25 “, che il farmaco ha temporaneamente reso iperattiva e hanno usato le scansioni PET per studiare l’attività cerebrale.

L’area del 25 cervello è la chiave dell’ anedonia

I primati che hanno ricevuto il farmaco hanno mostrato un aumento dell’attività nella zona 25 del cervello e hanno anche mostrato un’emozione significativamente inferiore in previsione dei marshmallows.

Al contrario, non vi è stato alcun cambiamento nell’attività cerebrale o nel comportamento dei primati che hanno ricevuto il placebo.

In un secondo esperimento, i primati hanno dovuto lavorare per i loro premi. All’inizio, hanno ricevuto una sorpresa dopo aver toccato una forma colorata su uno schermo solo una volta.


Altri articoli su depressione