HomeSaluteVirus e parassitiKiwira virus: un nuovo hantavirus trasmesso dai pipistrelli rilevato in Africa

Kiwira virus: un nuovo hantavirus trasmesso dai pipistrelli rilevato in Africa

Kiwira virus-Immagine Credit Public Domain.

Un recente studio pubblicato dalla rivista Viruses, discute del virus Kiwira, che appartiene alla famiglia Hantaviridae, inclusa la sua scoperta, il posizionamento filogenetico e la distribuzione tissutale dell’acido ribonucleico virale (RNA).

Cosa sono gli hantavirus?

- Advertisement -

Gli hantavirus appartenenti alla famiglia Hantaviridae hanno genomi di RNA trisegmentati. Il segmento genomico piccolo (S) codifica per la proteina nucleocapside (N), mentre il segmento medio (M) codifica per le glicoproteine ​​dell’involucro e il segmento genomico grande (L) codifica per la RNA polimerasi RNA-dipendente.

Diversi piccoli mammiferi possono ospitare hantavirus, il più notevole dei quali include roditori, seguiti da toporagni, pipistrelli e talpe. Diversi hantavirus sono in grado di infettare l’uomo, tutti originati da roditori e appartenenti al genere Orthohantavirus. Dopo l’infezione negli esseri umani, gli hantavirus causano febbre, seguita da disturbi renali e respiratori che possono infine portare a insufficienza d’organo.

Gli hantavirus trasmessi dai pipistrelli, appartenenti ai generi MobatvirusLoanvirus, sono stati segnalati in 14 specie di pipistrelli in Asia, Europa e Africa. Tuttavia, questi  virus devono ancora essere isolati e coltivati; pertanto, il loro potenziale di infettare gli esseri umani non è completamente compreso.

Vedi anche:Hantavirus: Il colesterolo svolge un ruolo critico nell’ infezione

- Advertisement -

Studio: Kiwira Virus, un Hantavirus ritrovato scoperto nei pipistrelli dalla coda libera (Molossidae) nell'Africa orientale e centrale.  Credito di immagine: Kateryna Kon/Shutterstock.com

Immagine:Studio:  Kiwira Virus, un Hantavirus ritrovato scoperto nei pipistrelli Molossidae) nell’Africa orientale e centrale. Credito di immagine: Kateryna Kon/Shutterstock.com.
A proposito dello studio

Nel presente studio, i pipistrelli sono stati catturati nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) e nel sud-ovest della Tanzania nel 2017 e successivamente anestetizzati e sacrificati. Sono stati raccolti tutti gli intestini, i reni, i polmoni, la milza e il fegato dei pipistrelli.

I campioni di tessuto sono stati raccolti per l’estrazione e l’analisi dell’RNA virale mediante il test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR). Inoltre, sono state eseguite anche analisi filogenetiche.

Risultati dello studio

L’analisi PCR ha rivelato la presenza di sequenze di hantavirus in sei dei 334 pipistrelli della Tanzania e uno dei 49 pipistrelli ottenuti dalla RDC.

In particolare, i virus isolati dai pipistrelli della Tanzania e della RDC condividevano il 98,6% di identità. Le più alte identità a coppie sono state osservate tra i virus Quezon e Robinia, rispettivamente fino all’82,9% e all’81,4%.

Tutti i pipistrelli Hantavirus positivi ottenuti dalla Tanzania erano pipistrelli altrimenti noti come Mops condylurus, che appartengono alla  famiglia Molossidae. Questa specie non era precedentemente nota per ospitare hantavirus.

Dei sei pipistrelli positivi all’Hantavirus della Tanzania, uno era femmina e cinque erano maschi. L’unico pipistrello positivo della RDC era maschio; tuttavia, non è stato possibile determinare la specie di questo pipistrello.

I pipistrelli Hantavirus-negativi appartenevano alle famiglie Molossidae (89),  Pteropodidae (226), Hipposideridae (1), Rhinolophidae (3) e Vespertilionidae (39), mentre le restanti 18 specie di pipistrelli non potevano essere identificate.

Tutti i tessuti raccolti dai pipistrelli positivi all’Hantavirus della Tanzania erano positivi per l’RNA virale, ad eccezione di un pipistrello in cui i polmoni erano l’unico organo positivo per questo virus. In particolare, due pipistrelli hanno mostrato le più alte cariche virali nelle loro milze.

È stata osservata una nuova sequenza virale dai pipistrelli della Tanzania che sono stati successivamente indicati come virus “Kiwira” all’interno del genere Mobatavirus. Questa scoperta rende il virus Kiwira il quarto hantavirus trasmesso dai pipistrelli identificato in Africa.

Non è stato possibile ottenere le sequenze complete di aminoacidi precursori del nucleocapside e della glicoproteina del nuovo virus Kiwira per ulteriori analisi. I parenti più stretti del virus Kiwira includono i virus Robina e Quezon.

I pipistrelli infettati dal virus Kiwira hanno mostrato un’infezione sistemica, incluso il coinvolgimento dei reni e dell’intestino. Pertanto, è probabile che l’hantavirus possa essere escreto sia attraverso l’urina che le feci.

Conclusioni

I pipistrelli M. condylurus circolano in tutta l’Africa, spesso trovati in edifici e alberi cavi e in varie parti delle regioni tropicali e della savana che vanno dai paesi dell’Africa occidentale a quella orientale. Oltre all’ampia distribuzione di questi pipistrelli in tutta l’Africa, la vicinanza dei pipistrelli catturati in questo studio agli insediamenti umani fa temere che il virus Kiwira possa potenzialmente diffondersi agli esseri umani.

Sebbene gli hantavirus non sembrino causare malattie negli esseri umani, la loro capacità di causare malattie febbrili, un sintomo comune condiviso con altre infezioni, può consentire di trascurare la sua infezione. È quindi essenziale migliorare lo sviluppo di test sierologici accurati che possano essere utilizzati per confermare l’infezione da hantavirus.

Fonte: Virus

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...