Irritazione cutanea a lungo termine legata ad un aumentato rischio di crescita tumorale

Immagine, Credit: CC0 Public Domain 

Un anticorpo che di solito aiuta a difendere la pelle da sostanze o infezioni dannose può favorire la crescita tumorale durante l’infiammazione cronica dei tessuti.

Una delle difese della pelle contro l’assalto ambientale può aiutare i tumori a crescere quando la pelle è esposta a infiammazione cronica, secondo uno studio sui topi pubblicato oggi su eLife.

L’anticorpo IgE è più comunemente noto per il suo coinvolgimento involontario in reazioni allergiche, ma si trova comunemente nella pelle sana e si ritiene che protegga da sostanze nocive o infezioni parassitarie. Tuttavia, questo studio mostra che l’infiammazione cronica causata da un’esposizione ripetuta a sostanze chimiche irritanti per la pelle, può trasformare questa utile difesa in una difesa dannosa.

Imparare di più su questo processo può aiutare gli scienziati a sviluppare modi per prevenire o curare il cancro della pelle.

Vedi anche, Un solo tipo di cellula immunitaria potrebbe causare l’infiammazione cronica

L’infiammazione cronica è stata collegata a molti tipi di tumori e può causarli consentendo la crescita e la sopravvivenza delle cellule con mutazioni cancerogene“, spiega l’autore principale Mark Hayes, ricercatore presso il Dipartimento di immunologia dell’Imperial, al momento dello studio. “Ma i passi esatti in questo processo e il ruolo delle IgE non erano precedentemente chiari.”, aggiunge il ricercatore.

L’infiammazione provoca l’ispessimento della pelle

Per saperne di più, Hayes e i suoi colleghi hanno esaminato ciò che è accaduto dopo l’applicazione di sostanze che causano infiammazione sulla pelle.

I ricercatori hanno visto un aumento della quantità di IgE prodotte e quando i basofili sono stati attivati ​​dalle IgE, hanno stimolato le cellule della pelle a dividersi e crescere.

Le IgE fortificano le difese della barriera cutanea promuovendo la crescita cellulare per ispessire la superficie della pelle in risposta a stimoli nocivi“, osserva Hayes. “Tuttavia, questa risposta dovrebbe essere temporanea. Se persiste a lungo termine, può portare alla crescita del tumore”.

Il team ha scoperto che nei topi con mutazioni cancerogene, l‘attivazione cronica di IgE causata dall’infiammazione sovverte i suoi effetti protettivi e supporta la crescita delle cellule della pelle precancerose. I topi privi di IgE sono stati protetti dallo sviluppo di questi tumori in risposta all’infiammazione.

Sorprendentemente, i risultati di uno studio precedente condotto dal team hanno dimostrato che le IgE proteggono i topi dalle sostanze cancerogene che danneggiano il DNA. Ciò suggerisce che il meccanismo di crescita del tumore e il ruolo delle IgE in questo processo possono dipendere da diversi tipi di esposizione ambientale.

“I nostri risultati precedenti e attuali rivelano un forte legame tra IgE e cancro”, afferma la scrittrice senior Jessica Strid, Reader in Cellular Immunology presso il Dipartimento di Immunologia dell’ Imperial College di Londra. “Ma le conseguenze biologiche dell’impegno delle IgE nella pelle dipendono chiaramente dalla natura degli anticorpi e dal microambiente in cui cresce il tumore”.

Fonte, eLife