Insufficienza cardiaca, le cellule staminali possono aiutare il cuore a guarire se stesso?

Immagine, lo scienziato della Rutgers University Leonard Lee. Credito  Credito: John Emerson.

Un team di scienziati della Rutgers University, tra cui Leonard Lee e Shaohua Li, ha compiuto un passo importante verso l’obiettivo di guarire i cuori malati con una nuova strategia che ridurrebbe la necessità di interventi chirurgici di bypass, trapianti di cuore o dispositivi di pompaggio artificiale.

Lo studio, recentemente pubblicato su Frontiers in Cell and Developmental Biology, prevedeva il prelievo di cellule del tessuto connettivo da un cuore umano, la “reverse engineering” in cellule staminali cardiache, quindi la “reingegnerizzazione” nelle cellule del muscolo cardiaco.

La vera svolta del team Rutgers, tuttavia, è che le cellule muscolari cardiache appena create si raggruppano insieme in una singola unità che pompa visibilmente sotto il microscopio.

Vedi anche Nell’insufficienza cardiaca, un cuore più forte potrebbe significare sintomi peggiori.

L’autore senior Leonard Y. Lee, Presidente del Dipartimento di Chirurgia presso la scuola medica Robert Wood Johnson della Rutgers, ha affermato che le cellule cardiache prodotte in questo modo normalmente non si uniscono, ma il suo team è riuscito a far si che le cellule muscolari cardiache appena create si raggruppassero insieme in una singola unità attraverso l’eccessiva espressione di una proteina nelle cellule chiamata CREG.

Secondo Lee, i fibroblasti, una cellula del tessuto connettivo, sono stati isolati dal tessuto cardiaco e trasformati in cellule staminali. Ciò è stato fatto in modo che quando la proteina CREG era sovraespressa, le cellule staminali potevano differenziarsi in cellule cardiache.

“L’insufficienza cardiaca ha raggiunto proporzioni epidemiche. Al momento, l’unica opzione per trattarla è la chirurgia, il trapianto o il collegamento del paziente con una macchina per il pompaggio del sangue”, ha detto Lee. “Ma i cuori trapiantati sono scarsamente disponibili e i dispositivi meccanici limitano la qualità della vita del paziente, quindi stiamo lavorando per aiutare i cuori a guarire se stessi”.

Sebbene sia ancora lontano, l’obiettivo finale di Lee è quello di essere in grado di rimuovere piccole quantità di tessuto cardiaco nativo di un paziente, utilizzare CREG per convertire il tessuto in muscolo cardiaco e reinserirlo nel cuore del paziente permettendogli di guarire se stesso.

Secondo l’American Heart Association, oltre sei milioni di americani vivono con insufficienza cardiaca. La maggior parte delle persone sente il termine “insufficienza cardiaca” e pensa che questo significhi che il cuore non funziona più, ma in realtà significa che il cuore non sta pompando come dovrebbe. Le persone con insufficienza cardiaca spesso soffrono di affaticamento e mancanza di respiro e hanno difficoltà con le attività quotidiane come camminare e salire le scale.

Fonte, Frontiers in Cell and Developmental Biology

Altri articoli su insufficienza cardiaca