Insufficienza cardiaca da terapia antitumorale

insufficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca causata dalla terapia antitumorale può verificarsi fino a 20 anni dopo il trattamento. Nel 2012 oltre 32 milioni di persone in tutto il mondo vivevano con il cancro.

Molti medici non dicono ai pazienti oncologici dei rischi di cardiotossicità dei trattamenti antitumorali e potrebbero non essere pienamente consapevoli dei pericoli stessi. Un nuovo studio rivela l’urgente necessità di prendersi cura dei cuori di questi pazienti. La ricerca è stata presentata all’ EuroHeartCare 2019, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC).

Il crescente numero di sopravvissuti al cancro e l’aumento del numero di over 65 che necessitano di una terapia cronica del cancro significa che la necessità di servizi di cardio-oncologia è in aumento.

“A seconda del tipo di chemioterapia e radioterapia, tra l’1% e il 25% dei malati di cancro può sviluppare insufficienza cardiaca a causa di un trattamento antitumorale”, ha detto la Professoressa Robyn Clark, dell’Università di Flinders, Adelaide, Australia. “Il rischio dipende anche da fattori di rischio cardiovascolare come il fumo e l’obesità: un migliore monitoraggio del cuore prima, durante e dopo il trattamento può prevenire o ridurre l’impatto di questa cardiotossicità”.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 46 pazienti con cancro casualmente selezionati con cardiotossicità che hanno frequentato uno dei tre ospedali tra il 1979 e il 2015. Solo l’11% è stato monitorato da un cardiologo prima della chemioterapia e meno della metà (il 48%) è stato ricoverato in una clinica per insufficienza cardiaca dopo trattamento del cancro. Quasi il 40% dei pazienti erano in sovrappeso o obesi, il 41% erano fumatori attuali o ex fumatori, il 24% erano consumatori regolari di alcol, il 48% aveva l’ ipertensione e il 26% aveva il diabete.

Vedi anche,Farmaco per il diabete può invertire l’insufficienza cardiaca.

Il CES ha pubblicato raccomandazioni nel 2016 e nel 2018 e ha lanciato il Consiglio ESC di Cardio-Oncologia per promuovere la prevenzione, la diagnosi precoce e la gestione delle malattie cardiovascolari correlate alla terapia del cancro. Ai pazienti devono essere comunicati i rischi per il loro cuore prima di iniziare la terapia antitumorale, dato l’aiuto per smettere di fumare, mangiare sano, fare esercizio fisico e controllare il peso e devono segnalare segni e sintomi di malattie cardiovascolari.

La cardiotossicità viene rilevata mediante elettrocardiogramma (ECG), imaging cardiaco e biomarcatori. 

La frequenza della valutazione dipende da un numero di fattori: ad esempio, la valutazione per la malattia coronarica, l’ischemia e la malattia vascolare è raccomandata nei pazienti con una storia di radiazioni mediastiniche.

Gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o beta-bloccanti possono essere somministrati per prevenire o trattare l’insufficienza cardiaca e la terapia del cancro può essere modificata, ad esempio riducendo la dose o creando uno spazio tra due agenti che aumentano il rischio di scompenso cardiaco se assunti insieme (ad es. Antracicline e trastuzumab).

“Monitorare il cuore durante tutto il viaggio verso il trattamento del cancro può garantire che il cuore venga protetto”, ha affermato il Pprofessor Clark. “La cardiotossicità può verificarsi anche in persone senza fattori di rischio cardiovascolari poiché farmaci come antracicline e trastuzumab sono tossici per il cuore“.

Fonte, ESC


Altri articoli su insufficienza cardiaca