Home Salute Cervello e sistema nervoso Insonnia, dormire meno di sei ore aumenta il rischio di deterioramento cognitivo

Insonnia, dormire meno di sei ore aumenta il rischio di deterioramento cognitivo

Immagine: Public Domain.

Gli adulti di mezza età che riferiscono sintomi di insonnia e dormono meno di sei ore a notte possono essere maggiormente a rischio di deterioramento cognitivo, secondo uno studio dei ricercatori del Penn State College of Medicine.

 I risultati dello studio possono aiutare gli operatori sanitari a capire quali pazienti che riferiscono di insonnia sono a maggior rischio di sviluppare demenza.

- Advertisement -

L’insonnia è caratterizzata da segnalazioni di difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a dormire o svegliarsi troppo presto e non essere in grado di riaddormentarsi. Quando questi sintomi si verificano almeno tre notti a settimana e per almeno tre mesi, si parla di disturbo cronico. I ricercatori hanno scoperto che gli adulti che hanno riportato insonnia e hanno ottenuto meno di sei ore di sonno (misurato in laboratorio), avevano due volte più probabilità di avere un deterioramento cognitivo rispetto alle persone con gli stessi disturbi di insonnia che hanno dormito sei o più ore in laboratorio.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista SLEEP.

Secondo Julio Fernandez-Mendoza, Professore associato di psichiatria e specialista in salute comportamentale e sonno presso il Penn State Health Sleep Research and Treatment Center, circa il 25% della popolazione generale adulta riferisce sintomi di insonnia e un altro 10% soffre di insonnia cronica. Distinguere quali di questi individui sono a rischio di ulteriori condizioni di salute avverse è fondamentale.

“Questo studio rafforza la necessità di misurare oggettivamente il sonno degli adulti che si lamentano di insonnia”, ha detto Fernandez-Mendoza. In una ricerca precedente, il team ha scoperto che gli adulti con insonnia che hanno ottenuto meno di sei ore di sonno erano a rischio per varie condizioni cardiometaboliche, tra cui ipertensione, diabete, malattie cardiache o ictus e problemi di salute mentale, come la depressione.

- Advertisement -

“Questi nuovi risultati dimostrano che questi adulti di mezza età hanno anche un aumentato rischio di deterioramento cognitivo che può essere un indicatore precoce di demenza futura in una percentuale significativa di loro”, ha detto Fernandez-Mendoza.

Vedi anche: L’insonnia aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

I ricercatori hanno esaminato i dati della Penn State Adult Cohort, un campione di popolazione selezionato in modo casuale di 1.741 adulti. Prima di misurare il sonno in una stanza con suono, luce e temperatura controllata, i partecipanti hanno completato unm questionario sulla loro storia clinica, un esame fisico e un questionario per identificare disturbi del sonno auto-riferiti, condizioni di salute fisica, problemi di salute mentale e uso di sostanze. Queste persone sono state anche valute per il deterioramento cognitivo prima di dormire in laboratorio, con test che hanno valutato l’attenzione, la memoria, il linguaggio e altre misure.

Fernandez-Mendoza e colleghi hanno scoperto che gli adulti che hanno riportato sintomi di insonnia o insonnia cronica e hanno dormito meno di sei ore avevano due volte più probabilità di avere un deterioramento cognitivo rispetto a chi dormiva bene. Hanno anche scoperto che questa associazione era particolarmente forte per gli adulti con condizioni cardiometaboliche coesistenti e deterioramento cognitivo, che può essere un indicatore di deterioramento cognitivo vascolare, una condizione in cui una cattiva salute cardiovascolare si traduce in una compromissione della funzione cerebrale.

Gli adulti che hanno riportato insonnia, ma che hanno dormito sei o più ore non erano a rischio di deterioramento cognitivo rispetto a chi dormiva bene. Il team di ricerca ha tenuto conto delle potenziali differenze nei fattori sociodemografici – tra cui età, sesso, razza, etnia, anni di istruzione – e la presenza di problemi di salute fisica e mentale, compresa l’apnea notturna, nonché l’uso di sostanze, come il fumo e l’assunzione di alcol.

Fernandez-Mendoza ha avvertito che questi dati non dimostrano la causalità. Tuttavia, dimostrano ulteriormente che l’insonnia, il deterioramento cognitivo e le condizioni cardiometaboliche, come l’ipertensione, il diabete e le malattie cardiache, spesso tendono a co-verificarsi negli adulti che dormono meno di sei ore, ma non in quelle che possono dormire sei ore o più.

Questo studio è importante perché è il primo grande studio prospettico statunitense che associa l’insonnia al rischio cognitivo“, ha affermato Michael Twery, Direttore del National Center on Sleep Disorders Research del National Heart, Lung, and Blood Institute, parte del National Institutes of Health e uno dei finanziatori dello studio. “I recenti progressi scientifici indicano che il cervello dipende dal sonno. Comprendere la connessione tra carenza di sonno e declino cognitivo precoce potrebbe portare a trattamenti migliori per l’insonnia “.

Fonte: Penn State University

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...