HomeReniInnovazione chirurgica promette migliori risultati della dialiasi

Innovazione chirurgica promette migliori risultati della dialiasi

Immagiune: Public Domain.

Una nuova tecnica sviluppata da un team di ricerca guidato dalla Yale University migliora il flusso sanguigno nei vasi sanguigni prodotti chirurgicamente utilizzati nella dialisi, consente loro di durare più a lungo e si traduce in meno complicazioni rispetto alla tecnica standard.

I risultati, basati sul lavoro con centinaia di pazienti e supportati da studi sugli animali, appaiono nell’edizione del 19 agosto di Science Translational Medicine.

- Advertisement -

Su oltre 661.000 americani con insufficienza renale, secondo l’Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali, 468.000 sono in dialisi, un metodo per filtrare i rifiuti dal sangue quando i reni sono danneggiati o falliscono. Ma il modo standard di accedere al flusso sanguigno di un paziente presenta dei difetti che la nuova tecnica supera.

Tipicamente, i chirurghi vascolari modellano una fistola artero-venosa da vena ad arteria (AVF) – un vaso sanguigno più grande e più forte – dividendo una vena nel polso del paziente e unendola all’arteria. Ciò migliora il flusso sanguigno e l’accesso alle vene per i due aghi che instradano il sangue di un paziente attraverso la macchina per dialisi e torna nel corpo.

Eppure il metodo, procedura standard negli ultimi 50 anni, ha “i peggiori risultati di qualsiasi procedura che facciamo”, ha detto il Dottor Alan Dardik della Yale School of Medicine, Professore di chirurgia (vascolare) e di fisiologia cellulare e molecolare e autore senior dello studio.

Il 60% delle fistole non riesce a maturare e solo, il 50% è ancora utilizzabile un anno dopo. Per le donne, le percentuali di successo sono ancora più basse, con solo il 40% delle fistole ancora utilizzabili a un anno.

- Advertisement -

“Per i molti casi in cui la fistola non può essere mantenuta”, ha detto Dardik, “i pazienti hanno bisogno di un innesto artificiale, che ha una percentuale di successo ancora più bassa”

“Alla fine questi pazienti possono ricevere la dialisi solo con un catetere”, ha detto il ricercatore, “una procedura che comporta un aumento del rischio di infezione e morte. I pazienti sottoposti a dialisi mediante catetere hanno un tasso di mortalità da 1,6 a 2,5 volte superiore rispetto a quelli sottoposti a dialisi mediante fistole”.

Nella nuova tecnica chirurgica, nota come deviazione e reimpianto dell’arteria radiale, o RADAR, i chirurghi essenzialmente invertono la procedura, portando l’arteria verso la vena. Usano anche un laccio emostatico invece dei morsetti per interrompere temporaneamente il flusso sanguigno durante il funzionamento. Ciò richiede una minore manipolazione dell’arteria e della vena rispetto al metodo tradizionale e si traduce in un migliore flusso sanguigno e una fistola più robusta.

“Funziona molto meglio”, ha detto Dardik.

Vedi anche:Svelato il legame tra emodialisi e declino della funzione cerebrale

Basandosi su uno studio pilota del 2016 sull’efficacia del RADAR che ha coinvolto 53 pazienti, il nuovo studio ha esaminato 201 pazienti che hanno subito il nuovo intervento chirurgico da arteria a vena e li ha confrontati con 73 pazienti che avevano la tradizionale chirurgia da vena a arteria.

Ad un anno, il 72,2% dei pazienti RADAR aveva fistole vitali, rispetto al 48,1% dei pazienti con fistole tradizionali. A tre anni, le fistole sono rimaste vitali nel 62,1% dei pazienti RADAR contro il 37,6% dei pazienti con fistole tradizionali.

In particolare, la nuova procedura ha avuto lo stesso successo per le pazienti di sesso femminile come per i pazienti di sesso maschile.

I ricercatori hanno confermato i loro risultati in studi su animali (ratti) in cui hanno creato sia fistole da arteria a vena che fistole da vena ad arteria ed hanno esaminato le differenze. I risultati rispecchiavano da vicino quelli per i pazienti umani.

Gli studi sugli animali hanno anche chiarito perché la nuova tecnica fosse più efficace. Utilizzando scansioni CAT e ultrasuoni, i ricercatori hanno osservato differenze cruciali nell’emodinamica tra le due tecniche chirurgiche. “Il modello di flusso sanguigno nella tecnica RADAR era migliore del solito modello di flusso con la tecnica convenzionale”, ha detto Dardik.

“Data la significativa necessità della dialisi”, ha affermato Dardik, “la nuova tecnica offre una chiara opportunità per migliorare i risultati dei pazienti attraverso fistole più robuste e un minor numero di procedure per mantenere l’accesso e le relative complicanze”.

Fonte: EurekAlert

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...