Svelato il legame tra emodialisi e declino della funzione cerebrale

emodialisi

Un nuovo studio rivela che l’emodialisi può ridurre il flusso di sangue al cervello nei pazienti più anziani trattati per insufficienza renale. I risultati, che appariranno nel prossimo numero del Journal of American Society of Nephrology ( JASN ), possono aiutare a spiegare perché studi precedenti hanno trovato un legame tra emodialisi e peggioramento della funzione cognitiva nei pazienti anziani.

Più di 2 milioni di persone con insufficienza renale in tutto il mondo attualmente ricevono un trattamento con dialisi o un trapianto di rene per rimanere in vita, con la maggioranza dei pazienti sottoposti ad emodialisi. Studi recenti hanno fornito prove crescenti del fatto che sebbene l’emodialisi possa prolungare la vita, può anche avere effetti negativi sul cervello che portano a deficit cognitivi. I ricercatori hanno ipotizzato che lo stress circolatorio ripetitivo dell’emodialisi – che filtra il un paziente fuori dal corpo prima di restituirlo – possa ridurre l’afflusso di sangue al cervello; tuttavia, i meccanismi coinvolti non sono chiari.

(Vedi anche: Presto i pazienti emodializzati potranno utilizzare un rene artificiale indossabile).

Per indagare, Harmke Polinder-Bos, MD (University Medical Center Groningen, nei Paesi Bassi) ed i suoi colleghi hanno studiato gli effetti dell’emodialisi convenzionale sul  cerebrale (CBF), misurati mediante speciali test di tomografia computerizzata a emissione di positroni. Durante le sessioni di emodialisi singola in 12 pazienti di età pari o superiore ai 65 anni, sono state eseguite 3 scansioni: prima, all’inizio e alla fine dell’emodialisi.

Da prima dell’inizio alla fine dell’emodialisi, il flusso ematico cerebrale è diminuito significativamente del 10%, da una media di 34,5-30,5 ml / 100 g al minuto. Questa riduzione del flusso ematico ha causato sintomi clinici . Il flusso ematico cerebrale è diminuito in tutte le regioni del cervello che sono state esaminate, compresi i lobi frontali, parietali, temporali e occipitali, cervelletto e talamo. I fattori correlati al trattamento emodialitico che potrebbero riferirsi al declino del flusso ematico cerebrale erano una temperatura corporea più alta nei pazienti, un volume di filtrazione maggiore durante la dialisi e un pH del sangue più alto.

“I risultati di questo studio sono un passo importante nella comprensione dell’effetto negativo dell’emodialisi sul  “, ha affermato il dott. Polinder-Bos. “Questi risultati potrebbero costituire un punto di partenza per ulteriori ricerche per sviluppare protocolli di emodialisi che riducono al minimo o prevengono lo stress cerebrovascolare“.

In un articolo di prospettiva, Dawn F. Wolfgram del Medical College of Wisconsin e Clement Zablocki VA Medical Cente, ha osservato che per molti pazienti potrebbero esserci altre opzioni disponibili per il trattamento  . “La dialisi peritoneale non causa il significativo stress emodinamico che comunemente accompagna l’emodialisi convenzionale”, ha scritto il ricercatore. “La sottoutilizzazione di queste tecniche dialitiche alternative negli Stati Uniti potrebbe aver permesso che le complicanze dell’emodialisi diventassero più evidenti, specialmente quando i pazienti più anziani e più malati iniziano la terapia di sostituzione renale con  “.

Fonte: JASN