Home Reni Presto i pazienti emodializzati potranno utilizzare un "rene artificiale indossabile"

Presto i pazienti emodializzati potranno utilizzare un “rene artificiale indossabile”

Un giorno, i pazienti dializzati potrebbero liberarsi delle macchine per la dialisi e muoversi con un “rene artificiale indossabile”.

Questa è la promessa di una nuova sperimentazione clinica che suggerisce che questo tipo di tecnologia è finalmente a portata di mano.

” Sarebbe una svolta”, ha detto la Dr.ssa Maria De Vita, nefrologa. “Il fatto che le sperimentazioni cliniche stanno iniziando, dà a tutti noi la speranza che avremo un significativo miglioramento nella cura di quei pazienti che necessitano di emodialisi”.

La Dr.ssa De Vita è Direttore associato di nefrologia al Lenox Hill Hospital di New York City. Le persone con malattia renale avanzata devono spesso passare diverse ore del giorno presso i Centri di dialisi. Realizzare un piccolo dispositivo portatile in grado di svolgere le funzioni della dialisi è da sempre il sogno dei ricercatori. Ora, questo sogno potrebbe essere realizzato.

Un prototipo di un dispositivo è stato recentemente testato su sette pazienti presso la University of Washington Medical Center di Seattle. Lo studio è stato condotto dall’ideatore del dispositivo, il Dr. Victor Gura del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles e Chief presso il Blood Purifications Technologies in California.

La sperimentazione è stata realizzata per verificare la sicurezza del “rene indossabile” e alcune delle sue funzioni. I pazienti hanno utilizzato il dispositivo per 24 ore.

I risultati sono entusiasmanti: il dispositivo ha eliminato con successo l’ urea, la creatinina e il fosforo dal sangue dei pazienti, ossia tutti i prodotti di scarto che si accumulano a causa della disfunzione renale. Ha inoltre contribuito a liberare il sangue dall’acqua in eccesso e dal sodio.

“I pazienti sembravano tollerare bene la terapia, senza alcun effetto sulla circolazione e gravi effetti collaterali “, ha riferito la squadra di Gura.

Ma c’è di più. Durante la dialisi i pazienti devono aderire ad una dieta rigorosa per mantenere stabili gli elettroliti nel sangue, cosa non richiesta con l’uso del nuovo dispositivo. Nel complesso, il team di ricerca ritiene che un ” rene artificiale indossabile” è fattibile. Tuttavia, i ricercatori hanno spiegato che sono necessari ancora alcuni interventi per correggere dei problemi tecnici che si sono verificati durante i test con il nuovo dispositivo.

“Ad esempio, c’era eccessiva formazione di bolle di gas di anidride carbonica nella soluzione per la dialisi e variazioni intermittenti di flusso della soluzione e del sangue”, ha spiegato il team di ricerca.

L’obiettivo della nuova tecnologia è quello di consentire ai pazienti di fare la dialisi a casa.

“Il rene artificiale indossabile è un’idea che è stata discussa per anni”, ha dichiarato il Dr. Robert Courgi, un endocrinologo presso l’Ospedale Northwell Salute Southside a Bay Shore, NY

“E’ emozionante vedere questa svolta tecnologica diventare realtà in studi clinici “, ha detto Gura.

“Purtroppo ci sono stati alcuni difetti sotto forma di problemi tecnici e l’emodialisi tradizionale rimane lo standard di cura per il momento”, ha aggiunto Courgi. Tuttavia, ” il rene artificiale indossabile potrebbe diventare una realtà nel prossimo futuro”.

Il Drs. Jonathan Himmelfarb e Larry Kesslerwas, dell ‘Università di Washington, sono primi autori dello studio, che è stato pubblicato questo mese sulla rivista JCI Insights .


ULTIMI ARTICOLI

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...

Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

Immagine: Public Domain. Un nuovo farmaco offre speranza ai giovani ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD), malattia neuromuscolare progressiva, offrendo potenzialmente un'alternativa ai...

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...