HomeSaluteCuore e circolazioneInfarto: nuova luce sugli effetti dannosi del trattamento standard

Infarto: nuova luce sugli effetti dannosi del trattamento standard

(Infarto-Immagine Credit Public Domain).

Uno studio condotto dalla Scuola di Medicina dell’Università dell’Indiana sta sfidando i metodi di trattamento standard utilizzati per prevenire il danno muscolare durante l’infarto.

In un articolo pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, Rohan Dharmakumar, Ph.D. afferma che un trattamento comune somministrato a pazienti che soffrono di infarto potrebbe non avere lo stesso successo nell’arrestare il danno muscolare come si pensava una volta. 

- Advertisement -

Gli attacchi di cuore si verificano quando il vaso sanguigno che fornisce ossigeno al muscolo cardiaco, noto anche come arteria coronaria, viene improvvisamente bloccato. Nei pazienti con infarto, la quantità di muscolo cardiaco che viene danneggiato in modo irreversibile è direttamente collegata a quanto tempo trascorre tra l’insorgenza dei sintomi dell’infarto e quando si apre il blocco. Più danni significano un rischio maggiore di complicazioni come l’insufficienza cardiaca dopo un infarto. Pertanto, il trattamento degli attacchi di cuore si concentra sull’apertura delle arterie coronarie il più rapidamente possibile attraverso una procedura chiamata riperfusione, spesso con uno stent. 

La credenza comune nella terapia di riperfusione è che una volta aperte le arterie coronarie, il danno al muscolo cardiaco venga interrotto. Tuttavia, secondo Dharmakumar, non è sempre così.

“Nel nostro lavoro, dimostriamo che se la riperfusione provoca emorragia interna, o emorragia, all’interno del muscolo cardiaco, il muscolo cardiaco può continuare a morire anche dopo l’apertura dell’arteria coronaria colpevole”, ha affermato Dharmakumar, Direttore esecutivo del Krannert Cardiovascular Centro di ricerca presso la IU School of Medicine. “È noto che l’emorragia si verifica nel muscolo cardiaco di circa la metà di tutti i pazienti con infarto che subiscono riperfusione. Abbiamo cercato di determinare quale effetto ha l’ emorragia interna sul danno progressivo al muscolo cardiaco dopo la riperfusione”.

Nel suo lavoro, Dharmakumar e il suo team hanno studiato campioni di sangue di pazienti con infarto ottenuti prima e dopo aver ricevuto la terapia di riperfusione. Utilizzando la risonanza magnetica cardiaca (RMI cardiaca), hanno identificato in modo non invasivo quali pazienti hanno manifestato emorragia all’interno del muscolo cardiaco dopo la riperfusione. Una proteina chiave chiamata troponina è nota per aumentare i danni al muscolo cardiaco; nei pazienti con emorragia del muscolo cardiaco, i valori di troponina sono aumentati più rapidamente raggiungendo valori più elevati rispetto ai pazienti senza emorragia.

- Advertisement -

Vdedi anche:Infarto: rigenerazione del cuore, una recensione

Il team ha anche utilizzato un modello animale di grandi dimensioni per dimostrare che l’emorragia è direttamente coinvolta nell’entità dell’infarto dopo la riperfusione. Risonanza magnetica cardiaca seriale monitora in modo non invasivo la dimensione dell’infarto in animali con e senza emorragia; risultati simili a quelli osservati nei pazienti significano che il team può utilizzare il modello animale per sviluppare nuovi trattamenti per ridurre l’emorragia che possono essere riportati per aiutare i pazienti.

“Nell’era moderna della rivascolarizzazione”, Dharmakumar afferma nel suo studio che “la dimensione dell’infarto non è determinata solo dal limitato afflusso di sangue al cuore, ma anche dagli effetti della terapia di riperfusione. L’emorragia all’interno dell’area a rischio potrebbe in alcuni casi annullare quasi del tutto i benefici della terapia riperfusionale. Dharmakumar ha affermato che per i medici, avere una consapevolezza del ruolo che la riperfusione può svolgere sulla continua morte muscolare può aiutare a fornire un trattamento migliore ai pazienti in futuro.

“Tutto ciò significa che, sebbene potremmo non essere in grado di fare molto quando si tratta di non perdere tempo prima che un paziente arrivi in ​​ospedale, ridurre al minimo gli effetti dell’emorragia dopo la riperfusione può darci una nuova opportunità per ridurre le dimensioni dell’infarto e, a valle, conseguenze negative, in quasi mezzo milione di pazienti con infarto nei soli Stati Uniti”, ha affermato Dharmakumar.

Successivamente per lo studio, Dharmakumar ha affermato che il suo team utilizzerà una popolazione di pazienti più ampia, lavorando per sviluppare una maggiore comprensione di come l’ emorragia guidi l’espansione dell’infarto e testare strategie per fermare gli effetti di tali emorragie. 

Secondo Subha Raman, MD, capo della Divisione di Cardiologia e Direttore dell’Istituto Cardiovascolare presso la IU School of Medicine e IU Health, le future applicazioni reali di questo studio mostrano la leadership della ricerca di Dharmakumar e del Krannert Cardiovascular Research Center.

“Il lavoro svolto dai nostri ricercatori presso il Krannert Cardiovascular Research Center, sotto la guida del Dr. Dharmakumar, è davvero rivoluzionario e migliorerà sostanzialmente il modo in cui ci prendiamo cura dei pazienti che soffrono di attacchi di cuore, migliorando la loro salute oltre”, ha affermato Raman. 

Fonte: Journal of the American College of Cardiology

ULTIMI ARTICOLI

Infarto: nuova luce sugli effetti dannosi del trattamento standard

(Infarto-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto dalla Scuola di Medicina dell'Università dell'Indiana sta sfidando i metodi di trattamento standard utilizzati per prevenire il danno...

Epilessia: studiare le cause della morte improvvisa

(Epilessia-Immagine Credito: Pexels). Un paziente su 1.000 con epilessia muore improvvisamente ogni anno. I ricercatori hanno confermato che alcune crisi di tipo grave (crisi convulsive generalizzate...

Omicron: aumento dei casi aumenta il rischio di varianti più pericolose

"L'aumento dei casi di Omicron in tutto il mondo potrebbe aumentare il rischio che emerga una variante più nuova e più pericolosa", ha avvertito...

Echinacea, un potente antivirale contro SARS-CoV-2

(Echinacea-Immagine Credit  Anna-Nas/Shutterstock.com). In un recente studio pubblicato sul medRxiv* server di preprint, i ricercatori presentano tutte le prove disponibili in vivo sull'attività dell'Echinacea purpure...

Depressione: biomarker indica gravità della condizione

I ricercatori sono un passo avanti verso lo sviluppo di un esame del sangue che fornisca un semplice segno biochimico per la depressione e...