Home Salute Intestino e stomaco In che misura i microbiomi contribuiscono all'infiammazione cronica nell'invecchiamento?

In che misura i microbiomi contribuiscono all’infiammazione cronica nell’invecchiamento?

Immagiune: Credito immagine: Pixabay (licenza Pixabay gratuita).

La maggior parte delle ricerche sulla vita microbica del corpo nel contesto dell’invecchiamento si concentra sul microbioma intestinale, sebbene si svolga anche una discreta quantità di indagini sulle popolazioni microbiche orali.

L’adattamento permanente del corpo all’insulto da infezioni batteriche / virali e altri fattori di stress rappresenta l’origine di un profondo rimodellamento del sistema immunitario (SI) legato all’età noto come “immunosenescenza” che supporta lo stato infiammatorio cronico di basso grado chiamato “infiammazione”. Anche se sia l’immunosenescenza che l’infiammazione (che rappresentano due facce della stessa medaglia) possono contribuire a una maggiore suscettibilità alle malattie legate all’età, diversi studi hanno dimostrato che sono necessarie anche per prolungare la sopravvivenza e la longevità. Il fenotipo degli anziani e dei centenari è infatti sorprendentemente complesso e molto dinamico ed è la conseguenza della capacità del corpo di rispondere / adattarsi agli stimoli dannosi a cui siamo esposti nel corso della nostra vita. Questo fenomeno è stato concettualizzato come “rimodellamento”, che può essere considerato una teoria generale dell’invecchiamento. I centenari sono caratterizzati da alti livelli di molecole antinfiammatorie nel tentativo di contrastare l’aumento dell’inflammaging e trovare un equilibrio ottimale tra meccanismi pro e antinfiammatori, che probabilmente ha permesso loro di raggiungere il limite estremo della durata della vita umana. Questo rimodellamento è modellato dalla storia immunologica dell’organismo, un concetto definito “immunobiografia”

Secondo questa idea, ognuno ha una peculiare immunobiografia e di conseguenza un’infiammazione / immunosenescenza personale. In questo scenario, longevità, invecchiamento e malattie legate all’età rappresentano un continuum senza confini precisi con gli estremi rappresentati dalle malattie da un lato e dai centenari, il miglior esempio di invecchiamento riuscito, dall’altro.

L’infiammazione può essere sostenuta non solo da una varietà di stimoli esterni ed interni come agenti patogeni (non-sé) e detriti cellulari e molecole mal riposte (sé), ma anche da nutrienti e microbiota che sono considerati “quasi-sé” perché provengono dall’esterno, ma sono tollerati dal sistema immunitario. In particolare, la complessa comunità batterica che popola diversi siti corporei e che rappresenta un ecosistema evolutivo adattato, contiene un’immensa diversità di geni che interagiscono direttamente con la fisiologia umana per svolgere funzioni vitali e influenzare l’efficienza del sistema immunitario  dell’ ospite. Tuttavia, il microbiota cambia sostanzialmente con l’invecchiamento e gli esiti della malattia correlata. I cambiamenti del microbiota legati all’età (disbiosi) possono contribuire all’infiammazione perché la stimolazione a lungo termine del sistema immunitario può causare immunosenescenza. Tale condizione infiammatoria potrebbe rendere l’ospite più sensibile a batteri potenzialmente pericolosi che a loro volta contribuiscono alla progressione di varie condizioni patologiche negli anziani.

La presente revisione non solo discuterà la co-evoluzione dei microbi e degli esseri umani e riassumerà i principali risultati riguardanti il ​​microbiota intestinale (GM) nell’invecchiamento e nelle malattie legate all’età, nonché nella longevità, ma si concentrerà anche sul ruolo di molti altri siti microbici nel corpo umano che sono meno studiati di quelli nell’intestino, ma hanno un ruolo nell’invecchiamento sano e malsano.

Vedi anche:Sviluppato un indice di salute del microbioma intestinale

In entrambi i casi, con l’età si verificano cambiamenti che consentono alle specie di microbi nocivi di prosperare, contribuendo all’infiammazione cronica nell’invecchiamento.

Nel caso del microbioma intestinale, il trapianto di microbiota fecale da soggetti giovani a soggetti anziani ha dimostrato in studi sugli animali di invertire i cambiamenti dannosi e migliorare la salute e la durata della vita.

“Il corpo umano e il suo microbioma rappresentano un meta-organismo integrato, che risulta da milioni di anni di adattamento reciproco e integrazione funzionale, conferendo vantaggi significativi ad entrambe le parti. Tutti i membri di questo microbiota umano partecipano alla fisiologia dell’ospite e cambiano in base allo sviluppo, contribuendo alla salute. Il sistema immunitario umano è influenzato dall’assemblaggio, dalla composizione, dalla diversità e dalle dinamiche del microbiota e l’interazione di tutte queste caratteristiche contribuisce plausibilmente al processo di infiammazione.. Negli ultimi decenni abbiamo assistito a un’esplosione di studi sul ruolo del microbioma intestinale nella salute e nella malattia e nel rapporto tra il microbioma intestinale e gli altri organi e tessuti anche grazie ad un miglioramento dei metodi di sequenziamento che possono essere applicati allo studio del microbiota.

I batteri sono più vecchi degli umani; erano già presenti sulla Terra quando le cellule eucariotiche sorsero circa 2,2 miliardi di anni fa. Insieme ad archea, funghi, protisti, elminti e virus, alcuni batteri sono diventati associati all’ospite e hanno iniziato una lunga storia di coevoluzione. A causa della relazione simbiotica con le varie comunità microbiche, collettivamente chiamate “microbiota” presenti in varie posizioni anatomiche del corpo, gli esseri umani devono essere considerati come metaorganismi (chiamati anche superorganismi o olobionti). Trilioni di singole cellule batteriche colonizzano la bocca, le vie aeree superiori, la pelle, la vagina, il tratto genito-urinario e il tratto intestinale rappresentando un ecosistema altamente integrato, che subisce cambiamenti dinamici nel tempo per adattarsi e rispondere ai segnali ambientali. Le relazioni intime tra esseri umani e batteri hanno modellato i fenotipi nei nostri lignaggi ancestrali. 

L’evidenza mostra che c’è una sovrapposizione degli alberi filogenetici del microbiota batterico e dei primati dimostrando la coevoluzione ospite-microbiota, anche genetica e la trasmissione di microbi all’interno della specie attraverso le generazioni.

La complessa relazione tra gli esseri umani e i trilioni di cellule batteriche che formano il nostro microbioma rimane in gran parte inesplorata. Le conseguenze per la medicina sono impegnative, poiché è probabile che la nostra multiforme simbiosi influenzi ogni aspetto della salute. La manipolazione del microbiota intestinale e del microbioma può essere utile per preservare la salute e curare le malattie, in particolare tra gli anziani. Al contrario, la relazione tra il microbioma di altre nicchie ecologiche umane (cioè, cavità orale, polmone, pelle, vagina e tratto genito-urinario ) e il progresso di altre malattie cliniche comuni tra gli anziani rimane un’area importante di studi futuri. È inoltre necessario considerare come l’età biologica (valutata dallo stato di salute easpettativa di vita ) modella il microbiota e il sistema immunitario e viceversa.

Dovrebbero essere aumentati gli sforzi per standardizzare la preparazione dei campioni e i protocolli analitici e per aumentare la disponibilità del crescente corpo di dati. Questi sforzi tecnici e una solida ricerca clinica miglioreranno la caratterizzazione della variazione nei microbiomi umani, le funzioni di ridondanza, i biomarcatori della malattia, l’immigrazione, l’effetto degli stili di vita e le traiettorie di sviluppo, che getteranno le basi per comprendere la progressione dalla salute alla malattia e per scoprire in modo efficiente nuove strategie e terapie preventive.

Fonte: Fight Aging!

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...