Home Salute Intestino e stomaco Sviluppato un indice di salute del microbioma intestinale

Sviluppato un indice di salute del microbioma intestinale

Immagine:Credito: Mayo Clinic.

Cosa fa sì che alcune persone sviluppino malattie croniche come l’artrite reumatoide, il cancro e la sindrome metabolica mentre altre rimangono in salute? Un indizio importante potrebbe essere trovato nel loro microbioma intestinale, i trilioni di microbi che vivono all’interno del sistema digestivo e che regolano le varie funzioni corporee.

Per utilizzare l’enorme popolazione di minuscoli organismi come proxy per il benessere delle persone, i ricercatori della Mayo Clinic hanno sviluppato un indice di salute del microbioma intestinale. Questo indice distingue un microbioma sano da uno malato.

- Advertisement -

In un nuovo studio pubblicato nel numero del 15 settembre di Nature Communications, i ricercatori rivelano come il loro indice, composto da una formula matematica interpretabile biologicamente, possa prendere un profilo del microbioma intestinale dal campione di feci di una persona per rivelare la probabilità di avere una malattia indipendentemente dalla diagnosi clinica, di questa persona.

“Questa scoperta fa avanzare la nostra comprensione della composizione di un microbioma intestinale sano che è stato a lungo ricercato”, afferma Jaeyun Sung, Ph.D., l’autore corrispondente. “Il nostro indice prevede quanto un campione di microbioma intestinale assomigli a condizioni sane o malsane”. Il Dottor Sung è un assistente Professore di chirurgia della Mayo Clinic College of Medicine and Science e ricercatore all’interno del Mayo Clinic Center for Individualized Medicine Microbiome Program.

Effetti del microbioma intestinale sulla salute

Il Dottor Sung afferma che gli effetti del microbioma intestinale altamente complesso sulla salute umana sono profondi, ma la scienza su come utilizzare il microbioma intestinale come indicatore di salute generale è relativamente nuova. Quello che si sa è che l’ecosistema dei microbi è legato a una serie di benefici per la salute, tra cui aiutare a digerire il cibo, regolare il metabolismo e svolgere un ruolo nell’immunità. Tuttavia, rimangono molte domande. Studi recenti collegano le alterazioni del microbioma intestinale alle principali malattie croniche. Il Dottor Sung afferma che la mancanza di test analitici o di biomarcatori basati su algoritmi ostacola la rilevazione dei primi segni di malattia prima che si manifestino sintomi specifici e che la stessa sia diagnosticabile.

- Advertisement -

Per il nuovo studio, il Dottor Sung e il suo team hanno analizzato 4.347 metagenomi di feci umane che hanno consentito ai ricercatori di sequenziare ampiamente tutti i geni in tutti gli organismi conosciuti presenti in un campione di feci. I campioni sono stati raggruppati in 34 studi pubblicati che abbracciano condizioni di salute e 12 condizioni di malattia. Quasi 1.700 dei campioni di microbioma intestinale provenivano da persone non sane, cioè quelle con una malattia diagnosticata clinicamente o con un peso corporeo anormale basato sull’IMC. Quasi 2.600 campioni provenivano da persone segnalate come sane, cioè senza malattie evidenti o sintomi avversi.

Vedi anche:Articolo di revisione: la fibra alimentare nell’era della scienza del microbioma

“Abbiamo riunito i campioni non sani in un gruppo e i campioni sani in un altro”, spiega il dott. Sung. “Poi abbiamo fatto un confronto delle frequenze dei microbi che sono stati osservati in entrambi i gruppi. Abbiamo scoperto che alcuni microbi sono presenti molto più frequentemente nel gruppo sano, rispetto al gruppo non sano e viceversa”.

La sua analisi ha portato a una firma del microbioma dell’intestino umano sano composta da 50 specie microbiche.

“Ma la vera sfida allora era utilizzare queste informazioni per progettare un indicatore di salute”, afferma il Dott. Sung.

La formula matematica fa avanzare la scoperta del microbioma

La scoperta di una firma del microbioma intestinale sano ha portato il Dr. Sung e il suo team a sviluppare una formula matematica che predice quanto un campione di microbioma intestinale assomigli a condizioni sane o non sane. I ricercatori hanno creato un rapporto tra l’abbondanza delle specie con la salute o al contrario con scarsa salute. Maggiore è il numero delle specie, maggiori sono le possibilità che il corrispondente campione di microbioma provenga da una persona sana.

In una coorte di convalida indipendente di quasi 700 soggetti umani, i campioni sani sono stati distinti da campioni non sani il 74% delle volte, utilizzando questo nuovo approccio.

Connessione cardiovascolare al microbioma intestinale

Durante lo studio, il Dottor Sung ha fatto un’altra scoperta: una moderata correlazione tra l’indice di salute del microbioma intestinale e le lipoproteine ​​ad alta densità o HDL o “colesterolo buono” nel sangue.

Più alto è l’indice di salute del microbioma intestinale, maggiore è il livello di HDL“, spiega il ricercatore. “Che siamo stati in grado di trovare questa correlazione con un marker di salute cardiovascolare è davvero entusiasmante, poiché ora stiamo collegando le informazioni sul microbioma intestinale con i dati clinici. Un’area di ricerca nel mio gruppo è identificare il modo in cui il microbioma intestinale comunica con i vari tessuti nel corpo attraverso segnali chimici. Attualmente, siamo lontani dall’essere in grado di trarre conclusioni su meccanismi specifici, ma abbiamo alcune piste promettenti che vorremmo perseguire ulteriormente “.

La scoperta evidenzia il potenziale dell’indice di essere un potente e coerente predittore di salute. In un futuro non troppo lontano, il Dottor Sung immagina un momento in cui fornire un campione di feci per valutare il microbioma durante le visite regolari con un medico potrebbe diventare una routine. Spera di sviluppare ulteriormente l’indice di salute del microbioma intestinale in modo che possa un giorno contribuire a programmi completi di screening medico e preventivo.

Fonte: Nature Communications

ULTIMI ARTICOLI

Dieta: carne e latticini e rischio di cancro

Dieta e cancro-Immagine Public Domain. Un team internazionale di ricercatori ha identificato un legame molecolare diretto tra le diete a base di carne e latticini...

Anche una dieta sana può proteggere da COVID 19

COVID 19 e Dieta: Immagine Credit Public Domain. La pandemia COVID-19 continua a diffondersi a livello globale, con oltre 62,26 milioni di persone infette. Con la...

Cellule T progettate per combattere la senescenza

Senescenza cellulare-Immagine: Public Domain. La senescenza è un segno distintivo dell'invecchiamento cellulare e contribuisce a molte malattie. Un nuovo metodo che consente alle cellule immunitarie di...

COVID 19 grave: carenza di interferone la causa

Immagine COVID 19 grave. Credito Public Domain. Capire cosa contribuisce allo sviluppo di COVID 19 grave sarebbe di grande beneficio clinico. L'analisi delle persone in...

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...