HomeSaluteImportante scoperta scientifica: i benefici dell'esercizio in una pillola

Importante scoperta scientifica: i benefici dell’esercizio in una pillola

(Esercizio-Immagine Credit Scitechdaily).

I benefici dell’esercizio in una pillola? La scienza è ora più vicina a questo obiettivo.

I ricercatori hanno identificato una molecola nel sangue che viene prodotta durante l’esercizio e può ridurre efficacemente l’assunzione di cibo e l’obesità nei topi. La scoperta migliora la nostra comprensione dei processi fisiologici che sono alla base dell’interazione tra esercizio e fame. 

- Advertisement -

Gli scienziati del Baylor College of Medicine, della Stanford School of Medicine e di altre istituzioni che hanno collaborato, hanno riportato i risultati il ​​15 giugno sulla rivista Nature.

È stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare aiuta la perdita di peso, regola l’appetito e migliora il profilo metabolico, soprattutto per le persone in sovrappeso e obese”, ha affermato il co-autore dello studio il Dr. Yong Xu, Professore di pediatria  – nutrizione e biologia molecolare e cellulare al Baylor. “Se riusciamo a capire il meccanismo attraverso il quale l’esercizio innesca questi benefici, allora siamo più vicini ad aiutare molte persone a migliorare la propria salute”.

“Volevamo capire come funziona l’esercizio a livello molecolare per essere in grado di cogliere alcuni dei suoi benefici”, ha affermato il co-autore Jonathan Long, MD, assistente Professore di patologia alla Stanford Medicine e Institute Scholar di Stanford ChEM-H ( Chimica, ingegneria e medicina per la salute umana). “Ad esempio, le persone anziane o fragili che non possono esercitarSI abbastanza, un giorno potrebbero trarre beneficio dall’assunzione di un farmaco che può aiutare a rallentare l’osteoporosi, le malattie cardiache o altre condizioni”.

Xu, Long e i loro colleghi hanno condotto analisi complete dei composti del plasma sanguigno dei topi dopo un’intensa corsa sul tapis roulant. La molecola più significativamente indotta era un amminoacido modificato chiamato Lac-Phe. È sintetizzata dal lattato (un sottoprodotto di un intenso esercizio fisico responsabile della sensazione di bruciore nei muscoli) e dalla fenilalanina (un aminoacido che è uno dei mattoni delle proteine).

- Advertisement -

Nei topi con obesità indotta dalla dieta (alimentati con una dieta ricca di grassi), una dose elevata di Lac-Phe ha soppresso l’assunzione di cibo di circa il 50% rispetto ai topi di controllo per un periodo di 12 ore senza influire sui loro movimenti o sul dispendio energetico. Quando somministrato ai topi per 10 giorni, Lac-Phe ha ridotto l’assunzione cumulativa di cibo e il peso corporeo (a causa della perdita di grasso corporeo) e ha migliorato la tolleranza al glucosio.

I ricercatori hanno anche identificato un enzima chiamato CNDP2 che è coinvolto nella produzione di Lac-Phe e hanno dimostrato che i topi privi di questo enzima non perdevano tanto peso durante un regime di esercizio quanto un gruppo di controllo con lo stesso piano di esercizio.

Vedi anche:Esercizio fisico: perchè protegge dall’invecchiamento

È interessante notare che il team ha anche riscontrato forti aumenti dei livelli plasmatici di Lac-Phe in seguito all’attività fisica nei cavalli da corsa e negli esseri umani. I dati di una coorte di esercizi umani hanno mostrato che l’esercizio sprint ha indotto l’aumento più drastico del Lac-Phe plasmatico, seguito dall’allenamento di resistenza. “Ciò suggerisce che Lac-Phe è un sistema antico e conservato che regola l’alimentazione ed è associato all’attività fisica in molte specie animali”, ha detto Long.

“I nostri prossimi passi includono la ricerca di maggiori dettagli su come Lac-Phe media i suoi effetti nel corpo, incluso il cervello”, ha detto Xu. “Il nostro obiettivo è imparare a modulare questo percorso di esercizio per interventi terapeutici“.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...