Importante scoperta rivela come prevenire il cancro al seno nelle donne ad alto rischio

cancro al seno

I ricercatori australiani hanno scoperto che un farmaco già esistente potrebbe essere utile per prevenire il cancro al seno nelle donne con mutazione genetica del gene BRCA1 che sono ad alto rischio di sviluppare il cancro al seno aggressivo.

Attualmente molte donne con mutazione del gene scelgono la rimozione chirurgica del seno e ovaie per ridurre la loro probabilità di sviluppare il cancro.

( Vedi anche:Il cancro al seno e alle ovaie possono avere origini simili).

Dopo aver individuato le cellule che danno origine ai tumori al seno nelle donne che hanno ereditato la mutazione del gene BRCA1, i ricercatori del Walter e Eliza Sala Institute hanno scoperto che il farmaco Denosumab può  prevenire lo sviluppo del cancro al seno.

Se confermati negli studi clinici, i risultati di questa ricerca potrebbero fornire una soluzione non chirurgica per prevenire il cancro al seno nelle donne con rischio genetico elevato.

Usando campioni di tessuto mammario donati da donne con mutazione di BRCA1, Emma Nolan, Jane Visvader e il Professor Geoff Lindeman sono stati in grado di individuare le cellule che danno origine al cancro al seno. La ricerca, che ha coinvolto anche i ricercatori dell’ Australian familial cancer consortium e kConFab and US biotechnology company Amgenal, è stata pubblicata in Nature Medicine .

“Le cellule precursori del cancro nel tessuto mammario BRCA1-mutante avevano molte somiglianze con forme aggressive di cancro al seno”, ha detto la Dr.ssa Nolan, della University of Melbourne’s Department of Medical Biology. ” Siamo stati entusiasti di scoprire che queste cellule pre-cancerose potrebbero essere identificate da una proteina marker chiamata RANK”.

Secondo il Professor Lindeman, che è anche Oncologo  presso il Royal Melbourne Hospital, la scoperta di marker precursori di questo tipo di cancro al seno è un importante passo avanti, in quanto gli inibitori della via di segnalazione RANK sono già in uso clinico. “Un inibitore chiamato Denosumab è già utilizzato nella clinica per curare l’osteoporosi e il cancro al seno che si è diffuso alle ossa”, ha detto il ricercatore. “Abbiamo quindi studiato l’effetto che l’inibizione di RANK ha sulle cellule precursori del cancro nel tessuto mammario BRCA1-mutante”.

Il team di ricerca ha dimostrato che l’inibizione di RANK ha spento la crescita delle cellule nel tessuto del seno di donne con la mutazione dl gene BRCA1 e ridotto lo sviluppo del cancro in modelli di laboratorio.

“Pensiamo che questa strategia potrebbe ritardare o prevenire il cancro al seno nelle donne con una mutazione BRCA1 genetica”, ha aggiunto il Professor Lindeman. “Uno studio clinico ha già cominciato a indagare ulteriormente. Questa è potenzialmente una scoperta molto importante per le donne portatrici della mutazione che hanno poche opzioni di trattamento. Attuali strategie di prevenzione del cancro per queste donne comprendono la rimozione chirurgica del seno e / o delle ovaie. Per progredire in questo lavoro, Denosumab dovrà essere testato formalmente in studi clinici  in quanto non è stato approvato per la prevenzione del cancro al seno “.

Il Professor Visvader ha riferito che alla base della scoperta c’è più di un decennio di ricerca sulle funzioni delle cellule staminali del seno.  ” Alla fine, grazie alla dissezione del normale tessuto mammario che ci ha permesso di verificarne lo sviluppo, siamo stati in grado di individuare le cellule responsabili della formazione del cancro”, ha detto il ricercatore. “E’ molto eccitante pensare che potremmo essere sulla strada del ‘Santo Graal’ per la ricerca sul cancro al seno, escogitando un modo per prevenire questo tipo di tumore genetico nelle donne ad alto rischio”.

Fonte:Nature Medicine


Altri articoli su cancro al seno