HomeSaluteCuore e circolazioneMozart e Strauss per il trattamento dell'ipertensione

Mozart e Strauss per il trattamento dell’ipertensione

La musica di Mozart e Strauss è in grado di ridurre le concentrazioni di lipidi nel sangue e la frequenza cardiaca.

Questo è il risultato di uno studio sugli effetti dei diversi generi musicali sul sistema cardiovascolare che Hans-Joachim Trappe e Gabriele Volt della Ruhr di Bochum hanno pubblicato in Deutsches Ärzteblatt International.

( Vedi anche:La meditazione può ridurre la pressione sanguigna)

- Advertisement -

I ricercatori hanno suddiviso 120 partecipanti allo studio come segue: metà dei soggetti sono stati esposti alla musica per 25 minuti. I partecipanti sono stati suddivisi in tre gruppi: un gruppo ha ascoltato musica di WA Mozart, un gruppo J. Strauss Jr. e un gruppo musica pop. I rimanenti 60 soggetti sono stati assegnati a un gruppo di controllo che ha trascorso lo stesso tempo in silenzio.

Prima e dopo l’esposizione alla musica, a tutti i partecipanti è stata misurata la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la concentrazione di cortisolo.

La musica classica di Mozart e Strauss in particolare, ha ridotto la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, mentre nessun effetto sostanziale è stato osservato nel gruppo che ha ascoltato musica pop. Nel gruppo di controllo, a riposo in posizione supina e in silenzio, è stata riportata una riduzione della pressione arteriosa, ma l’effetto era molto meno pronunciato rispetto all’esposizione alla musica di Mozart o di Strauss. Tutti i generi musicali hanno determinato concentrazioni di cortisolo notevolmente inferiori.

Per quanto riguarda le concentrazioni di cortisolo, il sesso dei partecipanti deve aver giocato un ruolo, perché il calo dei livelli di cortisolo è stato più pronunciato negli uomini che nelle donne, soprattutto dopo l’esposizione alla musica di Mozart e Strauss.

- Advertisement -

Il confronto con il gruppo di controllo ha mostrato che l’effetto della musica era molto più grande di quello del silenzio.

Fonte:Arzteblatt

ULTIMI ARTICOLI

Esposizione agli inquinanti accelera l’invecchiamento

Ogni giorno, i nostri corpi affrontano un bombardamento di inquinanti: raggi UV, ozono, fumo di sigaretta, prodotti chimici industriali e altri pericoli. Questa esposizione...

Bere caffè associato a minor rischio di malattia del fegato

Bere caffè (macinato o istantaneo) o decaffeinato è associato a un rischio ridotto di sviluppare malattie epatiche croniche e condizioni epatiche correlate, secondo uno...

Oggi, Giornata Nazionale contro le leucemie, linfomi e mieloma

Come ogni anno il  21 giugno, al solstizio d’estate, AIL celebra la Giornata Nazionale per la lotta contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma. Un’occasione per...

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal). In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i...

Batteri intestinali proteggono l’intestino da SARS-CoV-2

(Batteri intestinali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Yonsei University in Corea del Sud hanno scoperto che alcuni batteri intestinali che risiedono nell'intestino umano producono...