HomeSaluteVirus e parassitiIl vaiolo delle scimmie: tutto quello che devi sapere

Il vaiolo delle scimmie: tutto quello che devi sapere

(Vaiolo delle scimmie-Immagine Credito BIBLIOTECA FOTOGRAFICA SCIENTIFICA).

Quanto è comune il vaiolo delle scimmie?

Il vaiolo delle scimmie è causato dal virus del vaiolo delle scimmie, un membro della stessa famiglia di virus del vaiolo, sebbene sia molto meno grave e gli esperti affermano che le possibilità di infezione sono basse.

Si trova principalmente in parti remote dei paesi dell’Africa centrale e occidentale, vicino alle foreste pluviali tropicali.

Esistono due ceppi principali di virus: virus dell’Africa occidentale e virus dell’Africa centrale.

Quali sono i sintomi?

- Advertisement -

I sintomi iniziali includono febbre, mal di testa, gonfiori, mal di schiena, dolori muscolari e una generale svogliatezza.

Una volta che la febbre si interrompe, può svilupparsi un’eruzione cutanea, che spesso inizia sul viso, per poi diffondersi ad altre parti del corpo, più comunemente i palmi delle mani e la pianta dei piedi.

L’eruzione cutanea, che può essere estremamente pruriginosa, cambia e attraversa diverse fasi prima di formare finalmente una crosta, che in seguito cade. Le lesioni possono causare cicatrici.

L’infezione di solito si risolve da sola e dura tra 14 e 21 giorni.

Come si diffonde?

- Advertisement -

Il vaiolo delle scimmie può essere diffuso quando qualcuno è in stretto contatto con una persona infetta. Il virus può entrare nel corpo attraverso la pelle lesa, il tratto respiratorio o attraverso gli occhi, il naso o la bocca.

Non è stata precedentemente descritta come un’infezione a trasmissione sessuale, ma può essere trasmessa per contatto diretto. Può anche essere diffuso dal contatto con animali infetti come scimmie, ratti e scoiattoli o da oggetti contaminati da virus, come lenzuola e vestiti.

Quanto è pericoloso il virus del vaiolo delle scimmie?

La maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie sono lievi, a volte somigliano alla varicella e si risolvono da soli entro poche settimane.

Il vaiolo delle scimmie altre volte può essere più grave, tuttavia, ed è stato segnalato che ha causato morti nell’Africa occidentale.

Quanto sono comuni i focolai?

Il virus è stato identificato per la prima volta in una scimmia in cattività e dal 1970 sono stati segnalati focolai sporadici in 10 paesi africani.

Nel 2003 si è verificato un focolaio negli Stati Uniti, la prima volta che la malattia è stata osservata al di fuori dell’Africa. I pazienti hanno contratto la malattia da uno stretto contatto con cani della prateria che erano stati infettati da una varietà di piccoli mammiferi importati nel paese. Sono stati segnalati un totale di 81 casi, ma nessuno ha provocato decessi.

Nel 2017, la Nigeria ha sperimentato il più grande focolaio documentato, circa 40 anni dopo che il paese ha avuto i suoi ultimi casi confermati di vaiolo delle scimmie. Ci sono stati 172 casi sospetti di vaiolo delle scimmie e il 75% delle vittime erano maschi di età compresa tra 21 e 40 anni.

Vedi anche:Casi di vaiolo delle scimmie in Europa, Stati Uniti e Canada

Qual’ è il trattamento?

Non esiste un trattamento per il vaiolo delle scimmie, ma i focolai possono essere controllati mediante la prevenzione delle infezioni.

La vaccinazione contro il vaiolo ha dimostrato di essere efficace all’85% nella prevenzione del vaiolo delle scimmie e talvolta è ancora utilizzata.

La situazione dovrebbe preoccuparci?

Gli esperti affermano che non siamo sull’orlo di un focolaio nazionale e internazionale, secondo Public Health England, il rischio per il pubblico è basso.

Il Professor Jonathan Ball, Professore di virologia molecolare all’Università di Nottingham, ha dichiarato: “Il fatto che solo uno dei 50 contatti del paziente iniziale con infezione da vaiolo delle scimmie sia stato infettato mostra quanto sia poco contagioso il virus. È sbagliato pensare che siamo sull’orlo di un’epidemia a livello internazionale”.

Il Dottor Nick Phin, viceDirettore del National Infection Service presso Public Health England (PHE), ha aggiunto: “È importante sottolineare che il vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente tra le persone e il rischio complessivo per il pubblico generale è molto basso”.

PHE sta seguendo coloro che hanno avuto contatti stretti con il paziente per offrire consigli e monitorarli se necessario”.

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...