HomeAlimentazione & BenessereAcqua in bottiglia: perchè ha una data di scadenza?

Acqua in bottiglia: perchè ha una data di scadenza?

Le date di scadenza sulle etichette degli alimenti sono abbastanza semplici da capire: nessuno vuole mangiare cibo avariato. Ma molto meno chiaro è lo scopo di tali dati sulle bottiglie d’acqua. Questo liquido, come tutti sappiamo, si accumula nei mari e negli oceani e vi rimane per miliardi di anni, rimanendo sempre così frizzante. Allora, come mai si guasta così rapidamente quando viene versato in una bottiglia?

La risposta non sta nell’acqua in sé, ma nel suo imballaggio – la bottiglia di plastica – e nelle leggi che regolano i prodotti destinati al consumo. Quindi veniamo al punto.

La maggior parte delle aree del mondo, e sicuramente tutte quelle in cui i grandi marchi vorrebbero fare affari, hanno dei requisiti sulla vendita di prodotti alimentari di consumo. L’acqua, pur essendo una sostanza naturale, è funzionalmente classificata come alimento di consumo e, come tale, è soggetta alle stesse leggi.

- Advertisement -

Ora, sarebbe meglio iniziare con una panoramica del motivo per cui gli alimenti consumabili e altri articoli deperibili hanno una data di scadenza stampata su di essi. Innanzitutto la data di scadenza serve a tutelare la salute pubblica; man mano che si deteriorano, gli alimenti possono essere infestati da un’ampia gamma di batteri e agenti patogeni. Secondo il CDC, i cinque germi di origine alimentare più comuni che causano malattie negli Stati Uniti sono Norovirus, SalmonellaClostridium perfringensCampylobacterStaphylococcus aureus (“Staph”), che possono portare a esiti che vanno da intossicazione alimentare leggera a grave alle infezioni vere e proprie.

D’altra parte, tali etichette offrono anche alle aziende un modo per garantire la qualità dei loro prodotti fino alla data in cui sono destinati all’uso. Se qualcuno vuole presentare un reclamo per il fatto che la sua carne scaduta aveva un sapore marcio, un’azienda può indicare l’etichetta e spiegare che non può essere ritenuta responsabile del prodotto avariato in quanto non è stato utilizzato secondo le sue istruzioni. Quindi la data di scadenza serve anche come difesa legale e del marchio.

Questa duplice natura delle etichette di scadenza è più evidente negli Stati Uniti, dove le normative federali sulla datazione dei prodotti sono molto permissive. “Ad eccezione degli alimenti per lattanti, la datazione dei prodotti non è richiesta dalle normative federali”, spiega il Servizio di sicurezza e ispezione alimentare (FSIS) del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti. Tuttavia, “le etichette possono essere applicate volontariamente a carne, pollame e prodotti a base di uova sotto la giurisdizione del Servizio di sicurezza e ispezione alimentare […] a condizione che siano etichettati in modo veritiero e non fuorviante e in conformità con il regolamento”.

Inoltre, per i prodotti ad eccezione del latte artificiale, non esiste una formulazione chiara che le aziende debbano applicare alla loro etichettatura. Il FSIS raccomanda di utilizzare “Meglio se usato da”, poiché è la frase più chiara da comprendere per i consumatori e funziona meglio per ridurre lo spreco alimentare. Detto questo, la formulazione dipende praticamente dal produttore. Le frasi più utilizzate includono: “Da consumarsi preferibilmente entro“, Utilizza entro” e “Congela entro”, seguite dalle date. Quindi, sebbene molti prodotti alimentari vengano contrassegnati con la data, sapere esattamente cosa dovrebbe significare quella data in relazione alle condizioni del prodotto in un determinato momento può essere piuttosto nebuloso.

- Advertisement -

Quindi ora, passiamo all’acqua in bottiglia.

Lisciviazione di ftalati PET

La maggior parte dell’acqua in bottiglia oggi viene confezionata in plastica di polietilene tereftalato (PET). Se una bottiglia è contrassegnata con “PET” o un simbolo di riciclaggio con il numero “1” al suo interno, è fatta di questo tipo di plastica.

Sebbene questo materiale sia chimicamente abbastanza stabile e non tenda a interagire con l’acqua, le bottiglie di plastica PET sono pensate per scopi monouso. In caso di uso ripetuto o prolungato, i composti rilasciati durante la scomposizione di questa plastica possono filtrare nelle sostanze in essa contenute, alterandone il sapore, comportando potenziali complicazioni per la salute o semplicemente mettendo a disagio alcune persone riguardo al consumo del contenuto.

Per la maggior parte, la lisciviazione è minima e non rappresenta un rischio per la salute. Tuttavia, quando i contenitori in PET monouso vengono riutilizzati più volte, quando vengono conservati a temperature elevate o quando il loro contenuto è acido, il tasso di lisciviazione aumenta notevolmente.

I tre composti principali che possono filtrare nell’acqua dalle bottiglie in PET sono ftalati, antimonio e sostanze chimiche simili agli estrogeni.

Ftalati (plastificanti)

Nonostante il nome, il PET non è uno ftalato; tuttavia, questi composti possono essere aggiunti alla plastica PET per migliorare alcune proprietà fisiche come flessibilità, trasparenza, durata o resilienza. E, nel tempo, possono dilavarsi. Tale lisciviazione è lenta, ma comunque evidente, anche per l’acqua conservata in bottiglia a temperatura ambiente per brevi periodi di tempo, secondo Xu et al., (2020), J. Environ. ris. Sanità pubblica . Tuttavia, periodi di conservazione più lunghi, l’esposizione a temperature elevate e l’esposizione ai raggi UV hanno aumentato il tasso di lisciviazione degli ftalati nell’acqua.

Gli ftalati sono una classe relativamente ampia di sostanze

chimiche conosciute colloquialmente come “plastificanti” e possono avere una gamma piuttosto ampia di effetti nel corpo a seconda della loro esatta struttura. Alcuni degli esiti più gravi dell’esposizione agli ftalati di cui siamo a conoscenza includono obesità, maggiore probabilità di sviluppare diabete di tipo 2, asma o allergie e può persino portare a infertilità (sia nelle donne che negli uomini) o difetti alla nascita nei neonati.

Detto questo, la data di scadenza delle bottiglie d’acqua di plastica dovrebbe tenere conto di questo effetto di lisciviazione in condizioni normali. Lo studio sopra citato ha rilevato che “parte del contenuto di esteri ftalati nell’acqua in bottiglia in PET proveniva da bottiglie di plastica ed era correlato al tempo e alla temperatura di conservazione”, ma “rappresenterebbe un rischio trascurabile per i consumatori solo se seguissero le raccomandazioni, come la conservazione a 24 °C, al riparo dal sole”, per un breve periodo di tempo. I risultati si basano su un confronto tra l’acqua potabile conservata in bottiglie di PET nel bagagliaio di un’auto per oltre 4 settimane a luglio e i controlli conservati a temperatura ambiente per 4 settimane.

Lisciviazione di antimonio

L’antimonio, noto anche come stibio (o “metalloide”), è un semimetallo piuttosto utile. È probabile che ci sia dell’antimonio nell’auto che alimenta la batteria, la frizione e i freni e in tutti i cuscinetti a sfera più resistenti. In forma di ossido, il triossido di antimonio viene utilizzato anche durante il processo di produzione del PET. L’EPA ha fissato il limite accettabile di questo metallo pesante a 6 microgrammi di antimonio per litro di acqua potabile.

Dopo il processo di produzione, alcuni dei composti di antimonio rimangono fissati nella plastica PET. E, per essere onesti, quantità estremamente piccole di esso filtrano nell’acqua in circostanze normali, secondo Westerhoff et al., (2008), Water Res. Le alte temperature invece, intorno agli 85 ° C/185 ° F, possono favorire la lisciviazione dell’antimonio fino a concentrazioni pericolose oltre i limiti di sicurezza.

L’esposizione a un’eccessiva quantità di antimonio e composti di antimonio può favorire l’aumento del colesterolo o portare a un calo dei livelli di zucchero nel sangue e i composti sono probabilmente cancerogeni. Ci sono anche prove che hanno effetti simili agli estrogeni, il che significa che interferiscono con l’equilibrio e i processi ormonali del nostro corpo.

L’acqua minerale (frizzante) liscivia antimonio e composti contenenti antimonio a una velocità diversa rispetto ad altri tipi di acqua in bottiglia; questo varia principalmente in base all’acidità e alle caratteristiche chimiche del liquido.

Sostanze chimiche simili agli estrogeni

“Quando si confronta l’acqua della stessa sorgente confezionata in bottiglie di vetro o plastica in polietilene tereftalato (PET), l’attività estrogenica è tre volte superiore nell’acqua delle bottiglie di plastica. Questi dati supportano l’ipotesi che i materiali di imballaggio in PET siano una fonte di composti simili agli estrogeni”, spiega Wagner, Oehlmann, (2011), The Journal of Steroid Biochemistry and Molecular Biology.

I composti “simili agli estrogeni”, noti anche come xenoestrogeni, non sono in realtà estrogeni (una famiglia di ormoni che svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella differenziazione sessuale delle donne), ma “agiscono” come estrogeni nel corpo. Hanno un impatto su vari sistemi ormonali e possono portare a una serie molto ampia di problemi.

Lo studio riporta di aver riscontrato una contaminazione da xenoestrogeni nel 60% dei campioni di acqua minerale disponibile in commercio analizzati. Ulteriori test utilizzando molluschi hanno scoperto che questi composti, lisciviati dagli imballaggi di plastica, possono “agire come estrogeni funzionali negli organismi viventi”.


Tutto ciò potrebbe sembrare piuttosto preoccupante; vale la pena tenere a mente che le bottiglie in PET sono abbastanza sicure se utilizzate come previsto e si rispettano le date di scadenza sulle etichette. Quindi, mentre a prima vista potrebbe sembrare strano che una bottiglia d’acqua abbia una data di scadenza, si spera che ora tu abbia una migliore comprensione del motivo per cui è necessaria.

Fonte:ZMEscience

 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...